Connettiti con

Foto

Multe della polizia municipale ad incivili ripresi dalle telecamere

Pubblicato

il

Infinità civiltà e sfacciataggine di cittadini biancavillesi, che si ostinano a non rispettare le regole. Ma le telecamere del Comune li hanno beccati. Gli impianti di videosorveglianza a circuito chiuso e le fotocamere dislocate in tutto il territorio hanno permesso di smascherare, solo in questi ultimi giorni, diversi “sporcaccioni”: in particolare, l’azione dei vigili urbani si è concentrata lungo via Matteotti e in piazza Annunziata.

Gli agenti di Polizia municipale stanno monitorando in queste ore i risultati delle immagini e, va detto, che sono già stati individuati alcuni incivili ai quali è già stato notificato il relativo verbale di multa.
In una circostanza, è stato filmato persino un bimbo – evidentemente “utilizzato” dai familiari – per andare a gettare sacchi stracolmi di immondizia in piazza Annunziata.

L’azione voluta dall’amministrazione comunale proseguirà, concentrandosi anche in altre zone della città: l’intento è quello di dar vita ad un monitoraggio a tappeto che permetta di eliminare l’incresciosa abitudine di insozzare la città senza alcun ritegno.

«Sui rifiuti si gioca una partita decisiva per il nostro Comune – interviene il sindaco Antonio Bonanno -: un fatto che ribadisco con forza e che resta una priorità della nostra attività amministrativa. A breve, vi forniremo altri particolari importanti sul fronte dei rifiuti. Il mio ringraziamento va al Corpo di Polizia municipale ed alla stragrande maggioranza dei biancavillesi che stanno dimostrando un altissimo senso civico. Proseguiamo, tutti assieme, su questa strada: con ancora più forza e determinazione».

Anche l’assessore alla Polizia municipale, Alfio Stissi, evidenzia l’importanza della strada tracciata sul fronte dei rifiuti: «L’impronta dev’essere quella del rispetto e di una cultura che ci tiri fuori dalle pessimi abitudini di un tempo. Da parte nostra, siamo – come sempre – a totale disposizione della città e dei cittadini per qualunque chiarimento. Ma evitiamo di sporcare una città che merita di essere valorizzata anche pretendendo che sia pulita come casa nostra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Foto

Da Biancavilla in direzione Catania: l’assurda calca sul vagone della Fce

Un’immagine eloquente inviataci da una nostra lettrice su come si viaggia sulla Circumetnea

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Niente assembramenti, restrizioni sugli orari nei locali, regole su distanziamento, mascherine da indossare. D’accordo, serve a ridurre le occasioni di contatto e diffusione del coronavirus. Ma resta un aspetto critico ed irrisolto: quello dei trasporti pubblici. Un ‘esempio? La calca sulla Fce da Biancavilla verso Catania.

La foto che pubblichiamo è eloquente. Una nostra lettrice di Biancavilla l’ha inviata alla nostra redazione. «Mando delle foto di stamattina scattate in littorina. Ore 7, un solo vagone per Catania».

È venerdì mattina del 16 ottobre, ma è così tutti i giorni. Studenti e lavoratori pendolari si recano alle fermate della Ferrovia Circumetnea in attesa del treno diretto a Catania, passando per i vari paesi. Ognuno è diretto a scuola o in ufficio. C’è chi prende la littorina per andare in strutture pubbliche.

Questo è lo scenario: calca sul vagone. Viaggiatori ammassati occupano tutti i posti e gli spazi del corridoio. Nonostante portino tutti la mascherina, il contatto è troppo stretto. Comprensibile la preoccupazione. Eppure, c’è chi non può fare a meno del trasporto pubblico. In primis, gli studenti ma non soltanto loro. E quella foto della calca sulla littorina Fce, che da Biancavilla porta a Catania, fa una certa impressione. Soprattutto in un contesto -come quello delle ultime ore- in cui i contagi sono in aumento anche nel nostro comprensorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili