Connettiti con

L'Intervista

Alfio Distefano e il seggio “scippato” «Ora c’è una sinistra da ricostruire»

Pubblicato

il

«L’amarezza c’è, ma i consensi ottenuti non vanno dispersi, dobbiamo ripartire da quelli». Il primo dei non eletti della lista “SiAmo Biancavilla” annuncia adesso l’organizzazione di una «opposizione esterna».

 

di Vittorio Fiorenza

Uno “scippo”. Ma sono questi i freddi meccanismi della legge elettorale. Quello di Alfio Distefano, candidato nella lista “SiAmo Biancavilla” e primo dei non eletti, rappresenta il “caso” di queste Amministrative. L’exploit della coalizione di Antonio Bonanno e la conseguente ripartizione dei seggi, hanno portato in dote al neo sindaco non 10 ma 11 consiglieri. L’undicesimo (scattato a Rosita Zammataro, terza arrivata nella lista del primo cittadino) è stato strappato allo schieramento di Carmelo Mignemi, ai danni proprio di Distefano, lo stesso che cinque anni fa si era posizionato primo dei non eletti nella lista “Biancavilla nel cuore”. A lui –sostenuto dalla Cgil e dal gruppo più vicino a Giuseppe Glorioso– Biancavilla Oggi ha chiesto una breve analisi del momento politico.

Distefano come ha vissuto l’esito elettorale, per lei e per il suo schieramento?
Io sono contento del mio risultato personale e degli oltre 280 voti ottenuti. Scontento perché la nostra coalizione è stata perdente. O forse è meglio dire “non vincente”. La nostra è stata una “non vittoria”: abbiamo avuto parecchi voti disgiunti. Adesso bisogna fare una buona opposizione. Buon lavoro a Bonanno, ma staremo con i piedi per terra.

Il suo caso “personale” è stato motivo di amarezza, naturalmente: essere di nuovo primo dei non eletti, peraltro con un meccanismo “strano” della legge elettorale.
L’amarezza c’è, senz’altro. Ma mi sono posto un obiettivo: fare vera opposizione dall’esterno dell’istituzione consiliare, insieme a tantissimi amici che mi hanno sostenuto. Faremo una dura opposizione. Chiederemo aiuto anche a Biancavilla Oggi.

Ciò che rientrerà nei nostri doveri, lo faremo e daremo conto di fatti e azioni che abbiano un interesse pubblico e giornalistico.
Certo, l’opposizione esterna è possibile. Abbiamo bisogno di una buona amministrazione e questa è possibile se si farà una buona opposizione.

Cosa si aspetta, invece, dall’opposizione consiliare, cioè dai quattro vostri consiglieri eletti tra gli scranni della minoranza?
Mi auguro che loro saranno i veri garanti dei cittadini con una continua azione di controllo su ogni atto amministrativo. Un’opposizione costruttiva che deve aiutare l’amministrazione a lavorare bene perché Biancavilla ha bisogno di crescere.

È possibile, adesso, che si apra una fase di autocritica all’interno del vostro schieramento? Individuare gli errori e i responsabili?
Ma no, il risultato elettorale è stato talmente ampio nei confronti di Bonanno che fare autocritica non serve. Posso fare autocritica a livello personale, ma non a livello collettivo.

Il lavoro politico che dovrete fare nei prossimi cinque anni quale è?
Ricostruire.

Partendo da dove?
Partendo dagli oltre 3000 voti ottenuti da Mignemi. È questo il punto di partenza e non bisogna disperdere questi consensi.

L’elettorato di “sinistra” si è trovato una scheda elettorale con un’assenza di offerta politica. Massimo rispetto per la persona di Mignemi, ma non è stata percepita come una candidatura con una storia e un’identità di “sinistra”. Per l’elettorato “rosso” è stato uno choc. Lo si può ammettere, questo?
No, credo sia stata un’epidemia nazionale, regionale e adesso comunale, secondo me. Forse con un candidato “rosso” avremmo fatto peggio. Mignemi, anzi, è stato un valore aggiunto. Io e tante persone che siamo di sinistra ci siamo riconosciuti in lui e abbiamo creduto in lui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

L'Intervista

«Da Biancavilla a Capodistria, mio zio Salvatore ucciso e buttato nelle Foibe»

La testimonianza del parente di una vittima sottratta all’oblìo dopo 75 anni: «Di lui ci resta solo una foto»

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

di VITTORIO FIORENZA

Hanno saputo per una vita che il loro familiare era morto durante la guerra. Adesso, dopo oltre settant’anni, hanno la conferma di un destino ancora più atroce. Salvatore Furno, classe 1901, insegnante biancavillese, «pare vicino al Partito Fascista Repubblicano, fu prelevato il 25 maggio 1945 a Muggia (TS) e deportato a Capodistria». Soltanto nel 2019, attraverso un articolo del nostro giornale, il suo nome è stato associato al lungo elenco delle vittime delle Foibe.

Il prossimo “Giorno del ricordo”, così, una lapide commemorativa sarà affissa all’esterno di quella che fu la sua abitazione, in via Romagnosi (a pochi passi dalla chiesa di San Giuseppe). Una decisione deliberata dal sindaco Antonio Bonanno e dalla sua amministrazione comunale, dopo un lavoro istruttorio seguito da Davide Marino dell’Ufficio di Segreteria.

Franco Furno, uno dei nipoti, sfila da una bustina bianca la foto di quel Salvatore andato incontro ad una morte orrenda e la mostra a Biancavilla Oggi, accettando di dare la sua testimonianza.

Dopo oltre settant’anni viene ridata dignità storica alla morte di Salvatore Furno, fratello di suo nonno. Franco, cosa rappresenta questo gesto per la sua famiglia?

Per noi è un onore che Biancavilla ricordi un suo figlio, di cui si era saputo, in maniera vaga e generica, che fosse morto in guerra. Ora sappiamo un’altra verità: è stato vittima delle Foibe e quindi di una morte atroce. Sarò certamente presente e con orgoglio il giorno della scopertura della lapide, voluta dall’amministrazione comunale.

Per la prima volta, nel 2019, è stata Biancavilla Oggi a svelare il nome di Salvatore Furno tra le vittime delle Foibe. Poi una lettera dell’Unione istriana che ha sollecitato il sindaco Bonanno ad una commemorazione pubblica. Per voi è stato come riaprire un doloroso capitolo di storia familiare.

Un nuovo capitolo. Finalmente si viene a scoprire ufficialmente come è morto questo nostro zio. I nipoti diretti, come mio padre, non avevano alcuna conoscenza delle circostanze, ma la storia adesso riemerge, come è giusto che sia.

Nella sua famiglia cosa si raccontava di Salvatore Furno?

Si raccontava sempre di questo zio che faceva l’insegnante e che era morto in tempi di guerra, senza sapere come e in quale contesto.

Nessun indizio che la fine di Salvatore fosse legata al massacro delle Foibe? 

Nessuno dei miei familiari, nemmeno mio padre sapevano di questo dettaglio. Solo io, una decina di anni fa, fui contattato da una signora di Nizza, in provincia di Messina, che aveva fatto delle ricerche e che aveva avuto familiari coinvolti in quegli eventi. Mi informò della presenza del nome di mio zio tra le vittime delle Foibe. Ma allora non ho approfondito, anche se l’interesse c’è sempre stato da parte mia. Oggi è tutto più chiaro.

Ciò che vi resta di lui è solo una fotografia?

Sì, questa fotografia con la sua immagine e, dietro, la scritta “Zio Salvatore Furno, insegnante”. Non so se altri parenti più anziani conservino di lui qualcos’altro.

Dalle informazioni pubblicate dal nostro giornale, frutto di una ricerca di Placido A. Sangiorgio, si sa che «Furno, figlio di Mario, nato il 23/4/1901 (ma è un refuso perché in realtà è nato il 3 aprile, ndr), oltre ad essere insegnante, faceva pure il giornalista.

Mia mamma mi raccontava che, nell’immediato dopoguerra, quando la famiglia fu informata della morte, fu recapitata qui a Biancavilla una macchina da scrivere appartenuta a lui, presumibilmente strumento della sua attività giornalistica.

Da ulteriori verifiche di Salvuccio Furnari, incaricato dal sindaco Bonanno, sappiamo pure che Furno abitava vicino la chiesa di San Giuseppe, in via Collegio (oggi via Romagnosi). E lasciò Biancavilla nel 1933 per lavoro. La sua vicenda umana e politica da quel momento in poi è tutta da ricostruire.

Sicuramente è una vicenda che merita di essere approfondita per scoprire ulteriori dettagli.

Il “Giorno del ricordo” del 2021, per la prima volta, Biancavilla lo legherà anche ad una vittima biancavillese. Un dettaglio che rende la tragedia delle Foibe ancora più vicina a noi. Cosa auspica che diventi questa occasione?

Deve essere un monito costante perché le tragedie della storia –come quella delle Foibe, insabbiata per lunghi anni– non si ripetano. Il ricordo è doveroso. Spero sia un’occasione di riflessione per ognuno di noi.

© RIPRODUZIONE RISERVATO

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili