Connettiti con

Detto tra blog

Onestà e rispetto a Biancavilla possano trionfare in questo 2018

Pubblicato

il

di ALFIO PELLERITI

Buon anno. Se posso permettermi di porgere gli auguri ai miei concittadini in questo inizio d’anno, più o meno così li esternerei:

Auguro intanto che tutti noi possiamo scoprire il significato profondo di “onestà”. Questa parola, ahimè, tanto abusata, s’accompagna con altre sue “sorelle”: libertà, legalità, umiltà ed altre ancora. Il significato di tali termini è cresciuto in secoli di storia pieni di eventi spesso drammatici e ora stanno alla base del cosiddetto “orizzonte valoriale” di ognuno. Per me essere onesto significa essere coerente con i suddetti valori in ogni attimo dell’esistenza, avendo dunque rispetto degli altri e di me stesso. Succede, ecco l’inghippo, che il rispetto noi lo pretendiamo ma siamo però avari quando tocca a noi concederlo. Lo esigiamo, infatti, dai nostri pari, dai famigliri, dagli apolidi immigrati e dai tanti disperati e da chi rappresenta l’autorità, da chi cioè s’è assunto la responsabilità di organizzare la vita della comunità sociale.

Allora se non siamo pronti ancora ad esser generosi, auguri perché il 2018 sia un anno in cui l’onestà trionfi a Biancavilla e tutti dunque portino rispetto nella reciprocità.

Auguro a me stesso d’aver rispetto per gli invalidi e dunque ch’io possa sentire ch’è spregevole mettere l’auto negli spazi ad essi riservati, impedendo l’accessibilità a luoghi pubblici o privati. I marciapiedi sono nati per far sì che i pedoni possano marciare; camminare cioè, senza incontrare ostacoli, auto e moto posteggiate, anzi ben accomodate.

Auguro a me stesso e a tutti d’essere onesto con la mia città e dunque avrò rispetto d’ogni via, vicolo, angolo, d’ogni mattonella e anche delle strade di campagna o di periferia e non le sporcherò con sacchetti della mia immondizia (termine che viene da immondo che vuol dire sporco, lercio, untuoso, fetido, orrido); e anche se non visto, non sputerò per terra, sul pubblico selciato il muco giallastro dei recessi profondi dei miei bronchi influenzati che costringe il piede distratto a portare a casa nidi di germi e di lordure. E auguro poi ai miei concittadini animalisti che portano in quelle stesse strade i loro cani, di portare rispetto per la pubblica igiene e pulizia: se il cane è di loro proprietà anche la cacca è cosa loro ed è giusto raccoglierla; non è educato sporcare, anzi insozzare, le vie centrali e di periferia. Auguro perciò ai miei concittadini, quando marciano per via, di poter alzare la testa finalmente, guardando in alto, rilassati, non costretti agli slalom tra una merda e una sgracchiata catarrosa.

Auguro poi a me stesso d’essere onesto con la casa mia più vasta, quella che molti, con disprezzo, chiamano “palazzo”, lì dove s’amministra l’Ente comunale, regionale o nazionale. Dovremmo aver rispetto per tutte le regole sociali che i nostri governanti han deciso d’adottare in fatto di salute, assistenza, sicurezza, istruzione, fatti culturali, viabilità, quiete e pulizia. Dovremmo pretendere che si rispettino le regole e che le tasse fossero da tutti pagate finalmente, perché non è giusto evaderle e pretendere i servizi che altri pagheranno.

Rispetto vi auguro, miei concittadini, da portare a chi è più debole: agli anziani, che non siano solo un peso o una zavorra o solo un assegno circolare da intascare il primo d’ogni mese; agli ammalati poi che possano star tranquilli a casa, all’ospedale e ove occorresse… pure in ambulanza.

Sì, che regni l’onestà in questa nostra avita cittadina: che s’abbia cioè rispetto per chi lavora, per chi spera con il lavoro d’avere dignità e quindi una famiglia, una casa, una speranza; un lavoro in armonia con le leggi dello Stato, garante dei diritti e dei doveri, dei padroni e dei lavoratori. E se proprio non riesco a dare la paga sindacale all’operaio vuol dire che rinuncerò a fare l’impresario, perché è un peccato fare soldi a danno dei più deboli e indifesi. Anche se son venuti dal Marocco o dalla Romania, sono uomini e hanno una famiglia, anche loro meritano rispetto.

Anche ai preti, poi, sommessamente, voglio fare un augurio: che possano vedere Cristo in chi ha fame ed è lontano dalla terra dov’è nato; che possano investire in Cielo le risorse che arrivano dai fedeli, o dagli Enti preposti a conceder sovvenzioni; che facciano meno processioni e spari e luminarie e ricordino ai credenti e a loro stessi d’attenersi alle opere di misericordia e all’Amore che passa attraverso compassione e carità. Dice Matteo (25, 34-36) infatti: “venite, benedetti dal Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per noi fin dalla fondazione del mondo. Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito”. Auguri e un anno sereno e gioioso a tutti i Biancavillesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Il prete che alzò la voce contro i mafiosi e lasciò il “palcoscenico” della basilica

Padre Nino Tomasello diceva che il cristiano deve saper tenere in una mano il Vangelo e nell’altra il giornale

Pubblicato

il

di ENRICO INDELICATO

Il Covid ha portato via padre Nino Tomasello e adesso mi piace pensare che Dio, o chi per lui, avrà certamente saputo accoglierlo in modo degno e con i meritati onori in quella patria celeste a cui tutti noi in fondo aneliamo, sperando, a volte contro ogni speranza, che esista veramente, da qualche parte lassù.

È stato un prete perbene, umile, discreto, gentile, con un sorriso timido e un sentire solido. Un pastore di quelli che, come dice Papa Francesco, non hanno mai paura dell’odore delle proprie pecore, che non disprezzano di sporcarsi le mani, che sanno scendere dagli altari. Non è una prerogativa che appartiene indistintamente e quasi per ruolo a tutti i pastori della Chiesa, anzi. Ecco, lui questo dono ce l’aveva.

Forse proprio per questo, tanti anni fa, aveva deciso, inopinatamente e spiazzando tutti, di lasciare il ruolo di prevosto della Chiesa Madre di Biancavilla, e non certo per fare un passo in avanti nel percorso degli onori e della gloria, ma per tornare a fare il parroco qualsiasi in una chiesa qualsiasi, lontano perfino dalla sua città.

Quel palcoscenico per prime donne, fatto come tutti i palcoscenici anche di apparenza e vanità, non faceva per lui. Un uomo mite e semplice come lui si trovava di gran lunga a suo agio dietro le quinte.

Eppure, mi ricordo, sapeva anche alzare la voce con autorevolezza, quando voleva e quando soprattutto era opportuno e doveroso farlo. Come quando, per esempio, tuonò contro la mafia durante un’affollata omelia estiva, proprio qualche giorno dopo un grave ed increscioso fatto di cronaca avvenuto in una Biancavilla come sempre attonita e superficiale. Quella volta invitò i biancavillesi presenti e sonnecchianti in Basilica a ribellarsi e a non accettare che una sparuta minoranza di delinquenti tenesse sotto scacco con il terrore e la sopraffazione un’intera città.  

Non mi è mai più capitato di sentire da alcun pulpito nostrano nulla di simile, con la stessa vibrante forza, con lo stesso evangelico coraggio.

Delle nostre tante chiacchierate me ne rammento una in particolare: in quella circostanza, si parlava del ruolo dei cristiani nella società, mi disse che il cristiano deve sempre saper tenere in una mano il Vangelo e nell’altra il giornale. Quella chiacchierata non l’ho più dimenticata. Riposa in pace, caro padre Tomasello…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili