Connettiti con

News

Annunziata, ultime news di inciviltà Così sono ridotti monumenti e chiese

Pubblicato

il

di Alessandro Rapisarda

Trascuratezza e maleducazione colpiscono continuamente i monumenti, le piazze i luoghi di Biancavilla. È ormai da anni che nei fine settimana assistiamo ad episodi di degrado nelle parti più belle e di rilevanza storica della nostra città. Dai gradini della chiesa madre passando per il monumento ai caduti e davanti la chiesa dell’Annunziata, le scene sono le stesse: sporcizia, bottiglie di birra e bicchieri lasciati ovunque, macchie d’olio sul basolato, scarabocchi con pennarelli su portoni e marmi.

A lamentarsi, residenti e passanti che hanno a cuore Biancavilla. Il caso di piazza Annunziata è solo l’ultimo della serie. «È veramente vergognoso, la fontana sembra essere diventata un cassonetto, la mattina siamo costretti a togliere i bicchieri dai davanzali e dalle macchine».

Scene più volte denunciate da Biancavilla Oggi nel corso degli ultimi anni. Eppure si ripetono nell’indifferenza generale di amministratori ed esercenti, che sembrano impotenti di fronte a tanta trascuratezza.

Nella stessa situazione, piazza Collegiata. Il prevosto, padre Pino Salerno, era stato costretto persino a trasformarsi in netturbino e pulire personalmente la gradinata, togliendo bicchieri, bottiglie di birra, resti di panini, patatine e spazzatura varia rimasta sul sagrato dopo il fine settimana.

«Sì, è vero, c’è gente maleducata, ma anche tanti ragazzi –ci raccontano alcuni giovani– che non riescono a trovare dei cestini. Sono pochi e alcune volte eccessivamente pieni, sentiamo spesso parlare politici locali dell’importanza della movida, ma nessun servizio viene dato per potenziare, migliorare, controllare e rendere più belli e sicuri i luoghi della movida».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
3 Commenti

3 Commenti

  1. salvatore

    12 Novembre 2017 at 19:44

    Egregio signor Pippo, Biancavilla Oggi, non ha bisogno ne di essere difesa, ne tanto meno di avvocati, considerato che chi paga la tassa dei rifiuti con costi esosi del servizio, gli incivili hanno dei nomi e cognomi, qualcuno mi sa dire che fine ha fatto Ordinanza m.60 del 11/10/16 ?

  2. Pippo

    11 Novembre 2017 at 19:11

    Il caso Annunziata non é l’ultimo ma il primo. La circostanza che ve ne siete finalmente accorti è comunque positivo.

    • Biancavilla Oggi

      12 Novembre 2017 at 13:56

      Gentile signor “Pippo”, Biancavilla Oggi, nel suo archivio, ha un’infinità di articoli che hanno documentato, denunciato e raccontato l’inciviltà e l’incuria del nostro centro storico e dei luoghi della movida, a cominciare dalla zona dell’Annunziata. Non ce ne siamo accorti ora. È da anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Impennata Covid, a Biancavilla il 30% di casi in più negli ultimi 15 giorni

Sono 183 i biancavillesi con positività al virus: +32 “nuovi ingressi” registrati in due settimane

Pubblicato

il

Non se ne parla, i “bollettini” hanno interrotto la loro periodicità. Ma il Covid non arretra. Anzi, secondo gli ultimi dati verificati da Biancavilla Oggi, nella nostra città c’è –in linea con il trend nazionale– un aumento dei nuovi casi.

Se confrontiamo le statistiche delle ultime due settimane, l’incremento dell’incidenza della positività al coronavirus è balzata di circa il 30%. Se 15 giorni fa, le persone positive a Biancavilla erano un centinaio, adesso quelle registrate sono 183. Nello specifico, i “nuovi ingressi” sono 32, quindi circa il 30% in più rispetto a due settimane fa.

Un salto non indifferente. Ma il dato –riferito al quadro offerto dall’Asp di Catania e dalla struttura commissariale Covid– è da ritenere sottostimato. C’è una realtà sommersa. A causa dei test che si fanno a casa, tanti casi di positività non vengono comunicati ufficialmente o arrivano alle autorità sanitarie con ritardo.

Da qui, la necessità della prevenzione e delle accortezze da seguire quando si frequentano luoghi pubblici. E per chi rientra nel target di età o di “fragili” condizioni di salute, l’opportunità della quarta dose del vaccino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili