Connettiti con

Politica

Sul caso “Ambulanza della morte” Ignazio La Russa investe tre ministri

Pubblicato

il

L’esponente di Fratelli d’Italia ha presentato ai ministri della Salute, dell’Interno e della Giustizia una interrogazione. La Procura di Catania, intanto, prosegue le indagini. Acquisiti altri raccapriccianti dettagli. Probabili sviluppi a breve.

 

di Vittorio Fiorenza

C’è l’inchiesta della Procura della Repubblica di Catania e c’è l’indagine interna avviata dall’Asp. Il caso dell’«Ambulanza della morte», sollevato dalla trasmissione “Le Iene”, investe ora anche il governo nazionale. Ignazio La Russa ha presentato un’interrogazione ai ministri della Salute, dell’Interno e della Giustizia. Il parlamentare di Fratelli d’Italia chiede azioni di verifica ed atti «al fine di tutelare il comparto sanitario dalle infiltrazioni della criminalità organizzata».

Sono stati i carabinieri ad avere acquisito una cinquantina di cartelle cliniche per “morti sospette”. È il sostituto procuratore Andrea Bonomo a seguire le indagini, che negli ultimi giorni pare si siano avvalse di ulteriori testimonianze e dettagli più raccapriccianti, rispetto a quanto già raccontato in due servizi del programma di Italia 1. Una svolta nell’inchiesta potrebbe, quindi, avvenire in tempi brevi.

LEGGI L’ARTICOLO

Indagine sui barellieri della morte, “Le Iene” attivano la Procura

I fatti riguarderebbero un’associazione, che per anni avrebbe gestito, con la copertura dei gruppi mafiosi locali, il trasporto privato dei malati in ambulanza. Secondo le testimonianze-choc, decine di malati terminali dimessi sarebbero stati uccisi, durante il tragitto dall’ospedale a casa, con un’iniezione d’aria nelle vene. Gli ambulanzieri senza scrupoli, in questo modo, si sarebbero accaparrati un funerale da proporre ad agenzie funebri compiacenti in cambio di 300 euro, contro le 20-30 euro che avrebbero guadagnato con il semplice trasporto a casa del malato.

È di questi giorni, comunque, la notizia dell’aggiornamento, da parte dell’Asp di Catania, dell’elenco delle associazioni e delle relative ambulanze private autorizzate in tutti i presidi ospedalieri della provincia. Al “M. Ss. Addolorata” di Biancavilla non figura adesso nessuna Onlus riconosciuta per il trasporto di infermi. Le associazioni più vicine a cui rivolgersi in caso di bisogno sono la Misericordia di Adrano (due le ambulanze con targhe EK977CA e BZ732ME) e quella di Santa Maria di Licodia (con un’ambulanza targata CE482JW).

LEGGI GLI ARTICOLI

L’Asp: «Ecco l’elenco delle Onlus e delle ambulanze autorizzate»

“Ambulanza della morte”, l’Asp: «Noi saremo parte civile»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

A Biancavilla il nuovo coordinamento del Movimento per l’Autonomia

Presente l’on. Giuseppe Lombardo: «Un motore di proposte e iniziative per la comunità locale»

Pubblicato

il

«Un incontro appassionato e proficuo con gli amici autonomisti di Biancavilla da cui ho potuto cogliere la volontà di partecipare attivamente alle questioni politiche locali con grande entusiasmo. È cosa buona l’organizzazione che il movimento vuole darsi su Biancavilla perché ciascun militante possa capitalizzare il proprio impegno sulla base delle proprie attitudini ed aree di interesse, rendendo il coordinamento locale motore di proposte ed iniziative per la comunità biancavillese».

Sono le parole del deputato regionale dei Popolari e Autonomisti, on.Giuseppe Lombardo, presente a Biancavilla durante l’assemblea dei simpatizzanti del Movimento per l’Autonomia, che è servita anche a fare il punto sulla situazione politico-amministrativa locale e in cui si è proceduto all’elezione del Coordinamento cittadino.

Un incontro a cui hanno partecipato tanti giovani e numerose donne, che ha visto anche la presenza di alcune figure significative che hanno da sempre sostenuto ivalori fondanti del Movimento autonomista.

Il dibattito è servito a focalizzare alcune tematiche importanti che riguardano il territorio da portare avanti e sostenere e, nel contempo, trovare ulteriori strumenti per la crescita e l’adesione al MPA.

All’unanimità dei presenti, formalizzato il coordinamento composto da persone con esperienza amministrativa e politica: Francesco Privitera, Giuseppe Stissi e Gianluigi D’Asero. Con loro collaboreranno Rosy Rubino, Irene Nicolosi, Francesca Grigorio e Salvo Galvagno (addetto alla comunicazione). Nei prossimi mesi, un ulteriore coinvolgimento di simpatizzanti per la costituzione del Consiglio Direttivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti