Connettiti con

L'Intervista

Chi vuole avvelenare la “Sturzo”? Vile attacco al preside Marra

Pubblicato

il

L’INTERVISTA. Una lettera anonima sparge veleni nell’istituto scolastico di viale Colombo. Si sospetta di qualcuno interno alla scuola che ha orchestrato l’azione calunniosa. A svelare tutto è stato lo stesso dirigente.

 

di Vittorio Fiorenza

«Ebbene sì, sono sottoposto ad indagini da parte della Procura della Repubblica». Le parole del dirigente della scuola media “Luigi Sturzo”, Sergio Marra, napoletano trapiantato a Biancavilla, hanno suscitato sorpresa. L’occasione, nell’aula consiliare del Comune di Biancavilla, era quella della consegna alla scuola di un riconoscimento dell’assemblea cittadina per gli ottimi risultati ottenuti in una recente esercitazione di evacuazione.

Nell’intervento finale, che pubblichiamo nel video qui sopra, il preside svela l’attacco in corso da parte di qualcuno, con ogni probabilità interno alla scuola. Veleni e complotti alle spalle. In politica sono all’ordine del giorno. Ma quando episodi simili avvengono nell’istituzione scolastica, lasciano perplessi e inducono ad una legittima preoccupazione. Biancavilla Oggi ha raccolto la testimonianza e il sentimento di amarezza del dirigente.

Preside, ci spiega cosa è successo?
C’è una lettera inviata non solo alla Procura della Repubblica di Catania ma anche a carabinieri, guardia di finanza, polizia e ad altri enti in relazione ad una presunta cattiva gestione della scuola da parte del dirigente scolastico.

Lo ritiene un attacco personale?
È un attacco personale, però non è stato palese perché fatto da qualcuno che ha messo una firma falsa, cioè utilizzando il nome di un’insegnante della scuola, forse per metterla in difficoltà o contro di me. Io mi assumo tutte le responsabilità civili, amministrative e penali. Le indagini vanno avanti. L’amarezza è che si procede per una lettera non palese, cioè falsa, che non ha valore.

Capisce, però, che l’azione penale è obbligatoria anche in questi casi.
Certamente, capisco. Resta l’amarezza.

Ma cosa le viene contestato in questa lettera?
Aspetti sulla sicurezza, come se il preside non avesse fatto nulla. È una cosa che mi ferisce.

Lei ha fatto intendere che si tratti di una persona interna alla scuola.
Io non posso dire che sia una persona interna, ma ci sono dei dati che mi lasciano supporre che ci sia qualcuno che sa cose molto precise, uno ben informato.

Finora questa lettera cosa ha prodotto?
Due ispezioni e tra poco ve ne è una terza. Abbiamo avuto la visita dei vigili del fuoco e dell’Ufficio scolastico regionale. Fra poco verranno i carabinieri. E poi non so chi altri. Ho fatto richiesta di accessi agli atti, ma non ho ancora copia della lettera. Dopo informerò i miei legali per potere fare una denuncia contro ignoti per il contenuto.

Un contenuto diffamatorio e calunnioso.
Un contenuto che distrugge un dirigente. È qualcuno che è molto ben informato sulle norme di legge.

Lei conosce la sua scuola e chi eventualmente accusa un malessere di rapporti. Ma si può arrivare a tanto?
Si tratta di qualcuno che ha motivi personali. Sarei molto contento di potere avere un confronto con questo individuo. Io svolgo il mio lavoro, amo questo territorio che mi ha accolto e voglio continuare ad essere così perché la solidarietà è tanta.

Quale è la sua amarezza?
Ciò che mi dispiace è che una vicenda del genere metta a rischio la qualità della scuola. La “Luigi Sturzo”, invece, è un istituto di grande qualità, come attestato dal Consiglio Comunale, dalla Giunta comunale e dai genitori. Un attacco di questo tipo non lede Sergio Marra, che eventualmente andrà davanti ai giudici e spiegherà le sue ragioni, ma la comunità della scuola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

L'Intervista

«Da Biancavilla a Capodistria, mio zio Salvatore ucciso e buttato nelle Foibe»

La testimonianza del parente di una vittima sottratta all’oblìo dopo 75 anni: «Di lui ci resta solo una foto»

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

di VITTORIO FIORENZA

Hanno saputo per una vita che il loro familiare era morto durante la guerra. Adesso, dopo oltre settant’anni, hanno la conferma di un destino ancora più atroce. Salvatore Furno, classe 1901, insegnante biancavillese, «pare vicino al Partito Fascista Repubblicano, fu prelevato il 25 maggio 1945 a Muggia (TS) e deportato a Capodistria». Soltanto nel 2019, attraverso un articolo del nostro giornale, il suo nome è stato associato al lungo elenco delle vittime delle Foibe.

Il prossimo “Giorno del ricordo”, così, una lapide commemorativa sarà affissa all’esterno di quella che fu la sua abitazione, in via Romagnosi (a pochi passi dalla chiesa di San Giuseppe). Una decisione deliberata dal sindaco Antonio Bonanno e dalla sua amministrazione comunale, dopo un lavoro istruttorio seguito da Davide Marino dell’Ufficio di Segreteria.

Franco Furno, uno dei nipoti, sfila da una bustina bianca la foto di quel Salvatore andato incontro ad una morte orrenda e la mostra a Biancavilla Oggi, accettando di dare la sua testimonianza.

Dopo oltre settant’anni viene ridata dignità storica alla morte di Salvatore Furno, fratello di suo nonno. Franco, cosa rappresenta questo gesto per la sua famiglia?

Per noi è un onore che Biancavilla ricordi un suo figlio, di cui si era saputo, in maniera vaga e generica, che fosse morto in guerra. Ora sappiamo un’altra verità: è stato vittima delle Foibe e quindi di una morte atroce. Sarò certamente presente e con orgoglio il giorno della scopertura della lapide, voluta dall’amministrazione comunale.

Per la prima volta, nel 2019, è stata Biancavilla Oggi a svelare il nome di Salvatore Furno tra le vittime delle Foibe. Poi una lettera dell’Unione istriana che ha sollecitato il sindaco Bonanno ad una commemorazione pubblica. Per voi è stato come riaprire un doloroso capitolo di storia familiare.

Un nuovo capitolo. Finalmente si viene a scoprire ufficialmente come è morto questo nostro zio. I nipoti diretti, come mio padre, non avevano alcuna conoscenza delle circostanze, ma la storia adesso riemerge, come è giusto che sia.

Nella sua famiglia cosa si raccontava di Salvatore Furno?

Si raccontava sempre di questo zio che faceva l’insegnante e che era morto in tempi di guerra, senza sapere come e in quale contesto.

Nessun indizio che la fine di Salvatore fosse legata al massacro delle Foibe? 

Nessuno dei miei familiari, nemmeno mio padre sapevano di questo dettaglio. Solo io, una decina di anni fa, fui contattato da una signora di Nizza, in provincia di Messina, che aveva fatto delle ricerche e che aveva avuto familiari coinvolti in quegli eventi. Mi informò della presenza del nome di mio zio tra le vittime delle Foibe. Ma allora non ho approfondito, anche se l’interesse c’è sempre stato da parte mia. Oggi è tutto più chiaro.

Ciò che vi resta di lui è solo una fotografia?

Sì, questa fotografia con la sua immagine e, dietro, la scritta “Zio Salvatore Furno, insegnante”. Non so se altri parenti più anziani conservino di lui qualcos’altro.

Dalle informazioni pubblicate dal nostro giornale, frutto di una ricerca di Placido A. Sangiorgio, si sa che «Furno, figlio di Mario, nato il 23/4/1901 (ma è un refuso perché in realtà è nato il 3 aprile, ndr), oltre ad essere insegnante, faceva pure il giornalista.

Mia mamma mi raccontava che, nell’immediato dopoguerra, quando la famiglia fu informata della morte, fu recapitata qui a Biancavilla una macchina da scrivere appartenuta a lui, presumibilmente strumento della sua attività giornalistica.

Da ulteriori verifiche di Salvuccio Furnari, incaricato dal sindaco Bonanno, sappiamo pure che Furno abitava vicino la chiesa di San Giuseppe, in via Collegio (oggi via Romagnosi). E lasciò Biancavilla nel 1933 per lavoro. La sua vicenda umana e politica da quel momento in poi è tutta da ricostruire.

Sicuramente è una vicenda che merita di essere approfondita per scoprire ulteriori dettagli.

Il “Giorno del ricordo” del 2021, per la prima volta, Biancavilla lo legherà anche ad una vittima biancavillese. Un dettaglio che rende la tragedia delle Foibe ancora più vicina a noi. Cosa auspica che diventi questa occasione?

Deve essere un monito costante perché le tragedie della storia –come quella delle Foibe, insabbiata per lunghi anni– non si ripetano. Il ricordo è doveroso. Spero sia un’occasione di riflessione per ognuno di noi.

© RIPRODUZIONE RISERVATO

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili