Connettiti con

Cronaca

Colpi frontali e non alle spalle: La Delfa parla davanti al giudice

Pubblicato

il

agguato-san-zenone-fermato-marcello-la-delfa

Interrogatorio di garanzia per il 35enne indiziato del tentato omicidio di Antonio Erba, 27 anni. La Delfa ha sostenuto che il giovane continuava ad avere attenzioni nei confronti della moglie. Disposto l’incidente probatorio.

 

di Vittorio Fiorenza

Marcello La Delfa ha reso proprie dichiarazioni in sede di interrogatorio di garanzia. Davanti al Gip, Sebastiano Di Giacomo, alla presenza del pm Michela Maresca, il 35enne indiziato del tentato omicidio di Antonio Erba, ha parlato.

L’uomo, assistito dall’avv. Giuseppe Milazzo, ha dichiarato che il giovane 27enne non aveva smesso di avere attenzioni nei confronti della moglie, con cui vi era stata una relazione. Parole che confermano la pista passionale, imboccata fin da subito dai carabinieri di Biancavilla e dai colleghi della compagnia di Paternò.

CHIUSO IL CERCHIO IN MEZZA GIORNATA

Era a Giardini Naxos con la moglie: fermato presunto feritore

Convalidato il fermo di La Delfa, il suo legale ha chiesto per lui gli arresti domiciliari. È stato anche disposto l’incidente probatorio: allo scopo di verificare la compatibilità di informazioni e dichiarazioni, per giovedì prossimo, infatti, dovrebbe essere ascoltato –se le condizioni fisiche lo consentiranno– il giovane ferito, che si trova ricoverato all’ospedale “Cannizzaro” di Catania.

Dagli atti di indagine sembra essere stato chiarito anche un altro dettaglio: i colpi di pistola sarebbero stati esplosi frontalmente e non alle spalle di Erba. Una pallottola avrebbe oltrepassato l’addome, fino a toccare la colonna vertebrale e fuoriuscire dalla parte posteriore.

agguato-in-via-san-zenone2

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

La cocaina nascosta nel frigorifero: 40enne arrestato dai carabinieri

Trovato pure il “libro mastro” con i nomi dei clienti e la rendicontazione dell’attività di spaccio

Pubblicato

il

I Carabinieri della Stazione di Biancavilla e i colleghi dello “Squadrone Eliportato Cacciatori di Sicilia” hanno arresto un pregiudicato 40enne per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.  

L’uomo – con precedenti per droga – era stato notato in atteggiamento “sospetto” in alcune aree a verde del paese. Così sono scattati appostamenti e pedinamenti da parte dei militari. Un’attività poi conclusa con un blitz nella sua abitazione, dove si è proceduto ad un’accurata perquisizione.

In cucina, i militari si sono accorti che l’uomo era diventato estremamente nervoso. In effetti, in un pensile erano nascosti un bilancino di precisione, numerose bustine in plastica trasparente, un coltellino, un quaderno con nomi e prezzi di vendita, 145 euro e un mini smartphone senza sim card.

Ma non è finita qui. I carabinieri hanno proceduto ad ispezionare anche l’interno del frigorifero. All’interno dell’elettrodomestico, in uno scompartimento laterale, erano stati infilati 3 tubetti apparentemente di farmaci. È stato aprirli per scoprire il vero contenuto: 16 dosi di cocaina.

Trovata la droga, il materiale necessario al suo confezionamento, il denaro e il “libro mastro” relativo alla rendicontazione dell’attività di spaccio, l’uomo è stato arrestaro e rinchiuso nel carcere catanese di Piazza Lanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti