Connettiti con

Editoriali

Il lavoro prezioso dei carabinieri e la denigrazione idiota sui “social”

Pubblicato

il

Logo Editoriale

Ogni settimana, sulla nostra pagina Facebook, eliminiamo alcuni commenti (su diverse centinaia), che contengono insulti e diffamazioni. Ma è impossibile, in una comunità social, come la nostra, che si avvia a raggiungere i 10mila iscritti, controllare ogni messaggio. Non fa parte, certo, della nostra formazione civica e della nostra cultura professionale lo strumento della censura. Il bavaglio, che in tutti i modi, spesso, si vuole mettere alla stampa libera e dissenziente, critica e non allineata, non ce lo facciamo mettere da nessuno.

Biancavilla Oggi, anzi, si è distinta per avere raccontato aspetti e verità della vita pubblica biancavillese che altri non vogliono o non possono riferire. La libertà di espressione e la critica (anche aspra) sono per noi valori irrinunciabili.

Ma va anche puntualizzato, per esempio, che denigrare, insultare, offendere il lavoro dell’Arma dei Carabinieri, come abbiamo letto in qualche commento su Facebook, non rientra in questa libertà. Sia chiaro: nessuna istituzione o soggetto pubblico è immune in assoluto da sane critiche. Nel caso specifico, tuttavia, si trattava di idiozie qualunquiste ed offensive e per questo abbiamo rimosso un paio di commenti.

Biancavilla Oggi è un giornale testimone e sostenitore dell’impegno quotidiano che la stazione di Biancavilla, guidata dal mar. Roberto Rapisarda, svolge a tutela della comunità. Conosciamo perfettamente, da innumerevoli atti di indagine, la silenziosa attività che con dedizione viene svolta dai militari. Da loro non si può comunque pretendere la capacità di prevedere i reati, i luoghi in cui avverranno e l’orario in cui verranno consumati. “Minority report” è un bellissimo film, ma resta un film: il “precrimine” è fantascienza. E non si può –per essere più precisi– fare alcun appunto sul recente tentato omicidio di via San Zenone: un caso risolto dai carabinieri praticamente prima dell’arrivo dell’ambulanza per soccorrere il ferito.

Ecco perché vi invitiamo –come la maggioranza dei nostri utenti Facebook già fa– a commentare, ad esprimervi, a criticare, ma senza frustrazioni e rigurgiti rancorosi nei confronti di nessuno, ancor di più nei confronti di un’istituzione come l’Arma dei Carabinieri, amica dei cittadini onesti, devoti dei valori della legalità e del vivere civile. Chi non condivide questi valori è pregato di abbandonare questa comunità online. È nemico dei Carabinieri. E di Biancavilla Oggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Editoriali

Se Facebook “censura” ed elimina una notizia di cronaca: a noi è successo

Decisione presa da un algoritmo generato da chissà quale server: è la prima volta dal 2014

Pubblicato

il

Un cane aggredisce un giovane a Biancavilla, costretto ad essere trasportato al “Cannizzaro” ed essere medicato e suturato per le profonde ferite ad un avambraccio.

►LEGGI LA NOTIZIA

Una notizia di cronaca, che abbiamo raccontato con criteri giornalistici, dopo le dovute verifiche, secondo criteri professionali e deontologici del giornalismo. Eppure, Facebook la ritiene un contenuto che «viola i nostri standard della community in materia di spam».

Questa la “sentenza” (con automatica eliminazione del post che riportava il relativo link di Biancavilla Oggi), senza specificare come una notizia di cronaca possa essere in contrasto con le regole di un social che lascia passare, invece, contenuti decisamente discutibili.

È la prima volta che ci capita, dopo migliaia di contenuti condivisi sulla piattaforma in quasi dieci anni. E non c’è possibilità di “appellarsi” ad una decisione presa da un algoritmo generato da chissà quale server.

Prendiamo atto, ricordando ai nostri lettori che possono trovare tutti i contenuti, collegandosi direttamente alla Homepage, cliccare sulla sezione delle Ultime notizie oppure seguirci attraverso il nostro canale Telegram per avere gli aggiornamenti in tempo reale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti