Connettiti con

Editoriali

Il lavoro prezioso dei carabinieri e la denigrazione idiota sui “social”

Pubblicato

il

Logo Editoriale

Ogni settimana, sulla nostra pagina Facebook, eliminiamo alcuni commenti (su diverse centinaia), che contengono insulti e diffamazioni. Ma è impossibile, in una comunità social, come la nostra, che si avvia a raggiungere i 10mila iscritti, controllare ogni messaggio. Non fa parte, certo, della nostra formazione civica e della nostra cultura professionale lo strumento della censura. Il bavaglio, che in tutti i modi, spesso, si vuole mettere alla stampa libera e dissenziente, critica e non allineata, non ce lo facciamo mettere da nessuno.

Biancavilla Oggi, anzi, si è distinta per avere raccontato aspetti e verità della vita pubblica biancavillese che altri non vogliono o non possono riferire. La libertà di espressione e la critica (anche aspra) sono per noi valori irrinunciabili.

Ma va anche puntualizzato, per esempio, che denigrare, insultare, offendere il lavoro dell’Arma dei Carabinieri, come abbiamo letto in qualche commento su Facebook, non rientra in questa libertà. Sia chiaro: nessuna istituzione o soggetto pubblico è immune in assoluto da sane critiche. Nel caso specifico, tuttavia, si trattava di idiozie qualunquiste ed offensive e per questo abbiamo rimosso un paio di commenti.

Biancavilla Oggi è un giornale testimone e sostenitore dell’impegno quotidiano che la stazione di Biancavilla, guidata dal mar. Roberto Rapisarda, svolge a tutela della comunità. Conosciamo perfettamente, da innumerevoli atti di indagine, la silenziosa attività che con dedizione viene svolta dai militari. Da loro non si può comunque pretendere la capacità di prevedere i reati, i luoghi in cui avverranno e l’orario in cui verranno consumati. “Minority report” è un bellissimo film, ma resta un film: il “precrimine” è fantascienza. E non si può –per essere più precisi– fare alcun appunto sul recente tentato omicidio di via San Zenone: un caso risolto dai carabinieri praticamente prima dell’arrivo dell’ambulanza per soccorrere il ferito.

Ecco perché vi invitiamo –come la maggioranza dei nostri utenti Facebook già fa– a commentare, ad esprimervi, a criticare, ma senza frustrazioni e rigurgiti rancorosi nei confronti di nessuno, ancor di più nei confronti di un’istituzione come l’Arma dei Carabinieri, amica dei cittadini onesti, devoti dei valori della legalità e del vivere civile. Chi non condivide questi valori è pregato di abbandonare questa comunità online. È nemico dei Carabinieri. E di Biancavilla Oggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Editoriali

Di nuovo Pasqua: “a Paci” di Biancavilla tra cicatrici sociali e drammi globali

Dopo due anni tornano riti e processioni antiche: l’evento ci educhi al senso del collettivo e della legalità

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

EDITORIALE

Non abbiamo fatto in tempo ad uscire dallo stato d’emergenza sanitaria che un nuovo evento, d’incidenza planetaria, irrompe nelle paure individuali e nella psicosi collettiva. Il conflitto russo – ucraino non ci riporta soltanto dentro le pagine di una storia che pensavamo definitivamente chiusa nei manuali. Ci rimette di fronte all’incertezza dell’avvenire, alla debolezza degli organismi internazionali. E mentre le retoriche di parte tirano a disorientarci, restano le vittime silenziose. I congiunti di chi ha perso la vita o combatte in prima linea, chi ha già perso tutto ed è profugo. Loro insegnano che non c’è mai guerra che si vince.

Eppure, la Pasqua viene per il mondo. Ci riporta alle due condizioni dell’esistere: alla prova e alla gioia. Si ritorna visibili per le strade a parteciparci l’umanità.

E in questo lembo di mondo che si chiama Biancavilla tornano le processioni, si ritorna a sperare. Siamo stati un’Addolorata o un Mistero, ma ci ha abitati una promessa: quella Paci che è esplosione. Vita che ci sorprende dentro la vita.

E mentre vogliamo riappropriarci, seppur con cicatrici individuali e sociali, di quella normalità che ci manca da oltre due anni, ci sentiamo uniti nella drammaticità degli eventi globali. E nella tragedia ci scopriamo vivi, tra il Getsemani e l’alba del terzo giorno.

Ma il biancavillese si rappresenta come un deluso. Estraneo a un sistema che nei fatti si accetta con compiacenza. E che venga Pasqua per educarci al senso del collettivo, a una legalità non di facciata, a prendere posizione contro il malcostume, che ci insegni a esigere dalle istituzioni, che non ci faccia mendicare diritti come favori.

Solo così avremo il coraggio di dire che amiamo questa terra e a Paci l’avremo noi fatta col mondo. Ci faremo l’abito nuovo da esibire nella piazza Roma della conquista sociale. Sapremo restare. È utopia attendere la Pasqua a Biancavilla?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili