Connettiti con

News

Intesa dopo anni di scaricabarile «Pulizia e controlli sulla Sp 156»

Pubblicato

il

rifiuti-strada-della-vergogna

Sopralluogo dei tecnici comunali e provinciali dello scorso anno

Ennesimo annuncio per la bonifica della “strada della vergogna”, la cui spesa dovrebbe essere divisa a metà tra Comune ed ex Provincia. Sarà la volta buona?

 

di Vittorio Fiorenza

C’è un accordo di massima tra Comune di Biancavilla ed ex Provincia di Catania per bonificare dalla grande quantità di spazzatura accumulata la “strada della vergogna”, appellativo coniato dal quotidiano “La Sicilia” per definire la Sp 156 ed ora diventato di uso comune.

Per anni è stato uno scaricabarile a vicenda tra i due enti su competenze e ruoli, lasciando sull’intero tratto un chilometrico tappeto di rifiuti di ogni tipo, come documentato in moltissime occasioni da Biancavilla Oggi con foto e video. Persino rifiuti pericolosi, come l’eternit, o rifiuti di tipo ospedaliero. Anche lo scorso anno, a giugno, c’è stato un sopralluogo di tecnici del Comune e della ex Provincia di Catania, ma non ha portato a nessun concreto risultato.

Adesso –fa sapere con una nota il Comune– sembra essere arrivati ad un preliminare di accordo. Si attende una conferenza dei servizi per stabilire un piano operativo. Le spese per ripulire tutta l’arteria dovrebbero essere divise a metà e si pensa allo stesso tempo di installare un sistema di videosorveglianza.

Se si è creato lo scempio ambientale con cumuli spesso dati alle fiamme è dovuto anche all’assenza di controlli. Viene annunciata anche una maggiore presenza della polizia provinciale nel tentativo di sorprendere gli incivili e sanzionarli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

La lapide marmorea dedicata a Salvatore Furno mandata in frantumi

Distrutta in via Romagnosi la targa intitolata ad una vittima delle foibe nel “Giorno del ricordo”

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

La lapide marmorea dedicata a Salvatore Furno (vittima biancavillese delle foibe) è stata frantumata. I pezzi sono a terra, in via Romagnosi. La targa commemorativa era stata affissa, per volere dell’amministrazione comunale, nel luogo i cui aveva abitato Furno, nato nel 1901 e finito nelle foibe nel 1945.

L’affissione della lapide era avvenuta nel “Giorno del ricordo” con la partecipazione di alcuni pronipoti di Furno, che aveva lasciato Biancavilla nel 1933 per andare a fare l’insegnante.

Il sindaco Antonio Bonanno è stato informato dell’accaduto. Il gesto non sarebbe da collegare ad un’azione vandalica. Si sospetta di qualcuno che ha compiuto l’atto in modo sconsiderato, sulla base di segnali che erano stati notati fin dal giorno della cermonia del 10 febbraio.

Da parte del Comune, secondo quanto apprende Biancavilla Oggi, c’è l’impegno da subito a realizzare una nuova targa e ricollocarla nella stessa parete dell’abitazione che fu di Salvatore Furno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili