Connettiti con

Foto

Le cicatrici del centro storico Reportage tra incuria e ruderi

Pubblicato

il

centro-storico-in-briciole22

foto di Antonino Di Stefano

Il centro storico di Biancavilla pieno di cicatrici. Edifici lasciati all’incuria, in condizioni pericolanti o già ridotti in briciole. Non soltanto immobili di proprietà privata, ma anche chiese ed angoli della città che dovrebbero avere l’attenzione delle istituzioni.

In realtà, l’assenza di politiche urbanistiche volte alla tutela e al mantenimento del cuore cittadino, negli anni ha svuotato decine di edifici, lasciandoli senza la dovuta manutenzione.

Il crollo verificatosi in via Leonardo da Vinci qualche settimana fa, a due passi dalla chiesa di Sant’Orsola e dal palazzo comunale, è soltanto l’ultimo campanello d’allarme.

La gallery proposta qui dal prof. Antonino Di Stefano si riferisce ad un reportage fotografico realizzato quest’anno. È la Biancavilla che fu.

 

L’immobile di via Innessa che non c’è più
Ecco come si presentava qualche settimana fa, poi il crollo durante il maltempo e la decisione di abbatterlo completamente.

centro-storico-in-briciole18

 

La “Fontana vecchia” trasformata in… pessima aiuola 

centro-storico-in-briciole15centro-storico-in-briciole14

 

Il rudere accanto alla “Fontana vecchia”

centro-storico-in-briciole3centro-storico-in-briciole8

 

La torre campanaria della chiesa della Mercede

centro-storico-in-briciole12centro-storico-in-briciole10centro-storico-in-briciole11

 

Immobili in abbandono vicino il Belvedere

centro-storico-in-briciole6centro-storico-in-briciole5

 

Via Piccione, cortile in semi-abbandono

centro-storico-in-briciole9

 

Immobile cadente in via Piccione

centro-storico-in-briciole17

 

Ancora degrado e incuria visti da via Romagnosi

centro-storico-in-briciole20

 

Pittoresco immobile in fondo a via Dott. Portale

centro-storico-in-briciole16

 

Ciò che resta dell’antica chiesa dello Spasimo

centro-storico-in-briciole13

 

I “resti” della chiesa Maria Immacolata, la “Badia”

centro-storico-in-briciole21

 

Ciò che rimane di un’antica abitazione

centro-storico-in-briciole

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Foto

Lo spettacolo di fuoco dell’Etna visto da Biancavilla squarcia il buio della notte

L’eruzione in corso appare ben visibile dalle terrazze e dai balconi delle abitazioni: uno show unico

Pubblicato

il

Uno spettacolo. L’Etna è uno show visto da Biancavilla. Bagliori rossi che risaltano sullo sfondo del nero della notte come pennellate di un dipinto. Lingue di fuoco che, per un gioco di prospettive, sembrano sovrastare le case e “baciare” la chiesa del Rosario (guarda anche la foto sotto).

L’attività eruttiva in corso dal cratere di sud-est è ben visibile pure da Biancavilla con la colata che è diretta verso la Valle del Bove. Altra colata con attività esplosiva anche dalla cosiddetta “Voragine” e dalla Bocca nuova.

Il rosso fuoco sui crateri sommitali del Vulcano “squarcia” la notte e incanta quanti possono ammirare uno spettacolo unico dalle terrazze o dai balconi di casa.

Fenomeni che stanno avvenendo nello stesso momento in cui pure lo Stromboli erutta.

«E no, non sono fenomeni collegati. Sono due vulcani –specifica il vulcanologo dell’Ingv di Catania, Boris Behncke – che sono praticamente sempre in attività, e nel loro repertorio ci sono anche frequenti trabocchi di lava (l’ultimo trabocco lavico dello Stromboli risale alla primavera del 2020)».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili