Connettiti con

News

All’Istituto “Maria Ausiliatrice” termosifoni “off” alle 8 del mattino

Pubblicato

il

alunni-con-cappotto-in-classe

Alunni col cappotto in classe (immagine d’archivio)

di Vittorio Fiorenza

«I termosifoni vengono spenti alle 8 del mattino, cioè quando arrivano i bambini in classe. Il calore si mantiene per qualche altra ora, ma poi i bambini sono costretti a stare di fatto al freddo, visto che viene accesa soltanto una stufetta elettrica. Tutto questo non è possibile. Paghiamo la nostra retta mensile di 75 euro e non è giusto che i nostri bambini stiano in queste condizioni e poi tornano a casa infreddoliti o con il mal di testa».

La lamentela è quella di alcune mamme di bambini che frequentano le sezioni materna ed elementare dell’Istituto “Maria Ausiliatrice” delle suore salesiane.

Una situazione che, a dire dei genitori, diventa intollerabile, soprattutto in giornate di freddo come quelle di questo periodo. Per questo si sono rivolte a Biancavilla Oggi, nel tentativo di sollecitare la direzione dell’istituto di via Mongibello ad intervenire.

E in effetti, contattata dalla nostra redazione, dall’amministrazione dell’istituto, il dott. Antonio Scandurra, ha garantito che il problema verrà risolto settimana prossima: «I termosifoni vengono accesi alle 5.30, secondo le esigenze delle suore, che si alzano di buon mattino. Il problema è che a quell’ora il riscaldamento si accende sia nel plesso principale che in quello di fronte, dove ovviamente a quell’ora non ci sono bambini. Poi viene spento alle 8. Per questo abbiamo già chiamato i tecnici per l’installazione di una valvola, che ci costa 2mila euro, per evitare sprechi e concentrare i riscaldamenti dove servono e all’ora in cui ci sono gli alunni. Allungheremo anche di un’ora il periodo di accensione. Settimana prossima sarà necessario, per ragioni tecniche, staccare per due giorni i riscaldamenti. Poi, questo nuovo sistema risolverà del tutto il problema».

L’Istituto “Maria Ausiliatrice” non è il solo, in questi giorni, ad avere questo tipo di disagi. All’Ipsia di viale dei Fiori, gli alunni sono stati costretti a scioperare per protestare contro la mancata attivazione dei termoconvettori. In questo caso, la causa non è legata all’impianto ma a contrasti burocratici con gli enti erogatori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Impennata Covid, a Biancavilla il 30% di casi in più negli ultimi 15 giorni

Sono 183 i biancavillesi con positività al virus: +32 “nuovi ingressi” registrati in due settimane

Pubblicato

il

Non se ne parla, i “bollettini” hanno interrotto la loro periodicità. Ma il Covid non arretra. Anzi, secondo gli ultimi dati verificati da Biancavilla Oggi, nella nostra città c’è –in linea con il trend nazionale– un aumento dei nuovi casi.

Se confrontiamo le statistiche delle ultime due settimane, l’incremento dell’incidenza della positività al coronavirus è balzata di circa il 30%. Se 15 giorni fa, le persone positive a Biancavilla erano un centinaio, adesso quelle registrate sono 183. Nello specifico, i “nuovi ingressi” sono 32, quindi circa il 30% in più rispetto a due settimane fa.

Un salto non indifferente. Ma il dato –riferito al quadro offerto dall’Asp di Catania e dalla struttura commissariale Covid– è da ritenere sottostimato. C’è una realtà sommersa. A causa dei test che si fanno a casa, tanti casi di positività non vengono comunicati ufficialmente o arrivano alle autorità sanitarie con ritardo.

Da qui, la necessità della prevenzione e delle accortezze da seguire quando si frequentano luoghi pubblici. E per chi rientra nel target di età o di “fragili” condizioni di salute, l’opportunità della quarta dose del vaccino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili