Connettiti con

Scuola

«Chi non salta un violento è»: corteo di studenti, assente la città

Pubblicato

il

corteo-contro-violenza-donne15

di Vittorio Fiorenza

Da Villa delle Favare fino a piazza Roma, un lungo corteo di studenti di tutte le scuole di Biancavilla contro il femminicidio e la violenza contro le donne, nella Giornata internazionale dedicata al tema. Slogan e cartelloni hanno ravvivato via Vittorio Emanuele: «Chi non salta un violento è».

Ad aprire il corteo, l’assessore alle Pari opportunità e alla Pubblica Istruzione, Rosanna Bonanno, affiancata dalla consigliera comunale, Grazia Ventura.

In piazza, gli studenti del liceo delle “Scienze umane”, guidati dall’insegnante Giusi Rasà, sono stati i veri protagonisti dell’iniziativa. Balli, canti, messaggi di sensibilizzazione, anche attraverso creazioni artistiche per simboleggiare la violenza subita da molte donne. Un problema che riguarda da vicino il nostro territorio, come ha evidenziato qui Biancavilla Oggi.

All’appuntamento non hanno fatto mancare la loro presenza i rappresentanti dei centri antiviolenza “Calipso” e “Thamaia”, Pilar Castiglia (LEGGI QUI LA SUA INTERVISTA) e Valeria Sicurella, che hanno fatto interventi accorati.

Più che i presenti, spiccavano gli assenti. «Sì, è proprio così, evidentemente il problema non è poi così sentito –sottolinea l’assessore Bonanno– quantomeno dovevano essere presenti le donne del Consiglio Comunale. Ma sono mancate anche le associazioni, nonostante siano state informate. Mentre sfilavamo per via Vittorio Emanuele c’era chi si chiedeva il perché di questo corteo, dimenticando la ricorrenza della giornata di oggi. Per il resto io sono molto soddisfatta, il mio intento era quello di coinvolgere i ragazzi delle scuole e loro hanno ben recepito il messaggio. Conta questo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scuola

Una corsa e una “scommessa” contro la fame: Biancavilla aiuta il Camerun

Iniziativa di educazione civica e di solidarietà promossa dalla scuola media “Luigi Sturzo”

Pubblicato

il

Si è concluso, al campo sportivo “Orazio Raiti”, il progetto didattico internazionale di educazione alla cittadinanza globale e alla solidarietà “La corsa contro la fame 2023”, promosso da “Azione contro la Fame”, organizzazione umanitaria internazionale che opera da oltre 40 anni nella cooperazione.

Il progetto, accolto dalla scuola media “Luigi Sturzo” di Biancavilla, ha l’obiettivo di responsabilizzare e rendere più consapevoli gli studenti sulle tematiche sociali, andando ad arricchire le loro competenze legate all’educazione civica, come richiesto dal Ministero. Ogni anno il progetto tratta il tema della fame legato ad una delle sue cause (cambiamenti climatici, sostenibilità, siccità, guerre e povertà). Quest’anno il tema trattato è la guerra, principale causa di fame e malnutrizione presente oggi sul nostro pianeta. Il paese focus del 2023 è il Camerun, che attraversa tre crisi umanitarie.

La scuola “Luigi Sturzo” ha voluto coinvolgere nella giornata conclusiva tutte le scuole di Biancavilla. A partecipare all’iniziativa, con grande entusiasmo e spirito di aggregazione, il Secondo Circolo Didattico e l’Istituto comprensivo “Antonio Bruno”. Presenti le rispettive dirigenti Benedetta Gennaro e Maria Patrizia Gumina. La giornata ha previsto una corsa e una camminata degli alunni. Gli studenti hanno “scommesso” sulla propria abilità, donando un contributo in denaro che sarà devoluto all’associazione in aiuto al Camerun,

Presenti anche il Consorzio Euroagrumi di Biancavilla, presieduto da Salvatore Rapisarda, con “l’arancia bionda della salute” della nostra Sicilia. Ma anche il Lions Club Adrano-Bronte-Biancavilla con il presidente Giosuè Greco, il suo vice Graziella Portale, e Salvuccio Furnari, coordinatore provinciale delle attività dei servizi. Sempre in prima linea nelle iniziative sociali del territorio, hanno offerto la propria donazione in aiuto al Camerun.

In una giornata di sport inclusivo e non competitivo, i docenti di educazione fisica della “Sturzo”, guidati dalla dirigente Concetta Drago, ringraziano tutti i presenti «per aver partecipato con grande impegno e sensibilità verso il tema sociale della fame del mondo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.