Connettiti con

Detto tra blog

Se persino le tombe di Antonio ed Alfio Bruno sono lasciate all’incuria

Pubblicato

il

Blog Alessio Leotta

Per i biancavillesi, il cimitero non è un luogo molto frequentato durante l’anno. Lo si scopre solo nei primi giorni di novembre, quando il calendario ci ricorda la ricorrenza dei defunti. Nei primi del ‘900 sono state costruite alcune tombe con richiami e ornamenti artistici molto belle: sono molto poche ma ci sono. Lo scempio dell’abusivismo e del creare luoghi senza calore umano ha colpito, negli anni successivi, anche le costruzioni funerarie.

Negli anni ’80 vi è stato l’assalto. I “casciola” (cassettoni) hanno sostituito l’arte e l’ornamento che veniva fatto in passato. Le frasi del defunto in punto di morte, o la frase che più lo ricordava sono stati sostituiti da freddi “nato il…, morto il…” e basta.

Oggi i cimiteri sono sempre meno affollati e il rischio è perdere l’anello della catena che lega la storia del passato di un paese con il presente e il futuro.

Non sarà facile ricordare tra qualche anno la sepoltura di Antonio Bruno, tomba quasi del tutto dimenticata, lasciata all’incuria, senza nessun omaggio floreale da parte dell’amministrazione comunale, anzi da “buon” paese di abusivi, si è pensato di costruirle attorno, senza criterio, altre tombe. Stessa cosa per la tomba posta alla sinistra, quella di suo padre, Alfio Bruno, sindaco illuminato e perbene quanto dimenticato dai suoi concittadini e da quell’istituzione comunale a cui dedicò parte della sua vita.

Penso che non saranno sicuramente i loculi a ricordare le gesta della brava gente o della gente che ha portato cultura e sviluppo al paese; ma sentire tra i viali “bii vadda cu muriu…” con continuo di commento e tramando storico sulla vita e il rapporto che si aveva con il defunto, forse mi mancherà un po’. Mi rendo conto che non bisogna solo visitare i cimiteri, bisogna viverli nel proprio petto con ricordi piacevoli e sinceri dei cari che al momento si trovano “in altro locu”. Anche perché se penso che oggi lo scenario che ci viene presentato è quello dei “cascioli” da riempiere, non è una cosa molto piacevole.

Ma se si guarda alla nuda terra dove venivano sepolti i nostri antenati o se si guardano quei piccoli mausolei marmorei che ricordavano il defunto allora nasce spontaneo il dolce ricordo con la lacrima tra gli occhi e il tramandare le gesta positive o negative del defunto, ci fa compiere un atto di una povera e spiccia  cultura che aiuta lo sviluppo del paese. Ma oggi i morti sono numeri e casciola da riempire, il cimitero è un posto su cui speculare ma soprattutto i morti non possono votare… quindi poco interessa del loro senso che ha la loro “altra vita”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Detto tra blog

Un maschilismo arcaico duro a morire: basta sfogliare l’albo degli scrutatori

Accade ancora nel 2022: i nominativi delle donne sposate, accostati al cognome dei mariti

Pubblicato

il

In attesa della consultazione referendaria del 12 giugno, scorrendo l’albo degli scrutatori del Comune di Biancavilla, mi sono accorta che le donne sono identificate mediante nome, cognome e… il cognome del marito. Anzi, peggio, sono esattamente identificate nella forma: Anna Rossi IN Verdi.

Ebbene sì, nell’epoca in cui in Italia finalmente è intervenuta la Corte costituzionale sul doppio cognome, a Biancavilla (certamente come altrove) si sente ancora la necessità di identificare l’appartenenza della donna a un uomo. Ciò, in barba a quanto già da oltre 60 anni ha statuito la Corte di Cassazione. La norma del Codice Civile prevede che il cognome del marito vada aggiunto a quello della moglie quale un diritto della donna, non per obbligo.

Pertanto, non essendo previsto alcun automatismo e volendo, per logica, escludere che tutte le donne di Biancavilla abbiano chiesto l’aggiunta del cognome del marito al proprio, devo concludere che siamo tristemente alle solite.

Infatti, a prescindere dal dato normativo e/o dall’eventuale impostazione tecnica del software utilizzato dal Comune di Biancavilla (e da altri Comuni, come presumo che sia), trovo tutto ciò arcaico, gretto, maschilista e sessista. E non posso che leggerlo come un rimando ad una subcultura sociale degli anni che furono, che fatica a cambiare.

Ipocrisie e subcultura patriarcale

L’importante, però, è che il 25 novembre e l’8 marzo si parli a sproposito di parità di genere, di uguaglianza di diritti. E si urli a gran voce “No alla violenza sulle donne”. Ed ancora più importante è che se ne parli durante le campagne elettorali. L’argomento “donne” è noiosamente utilizzato per acchiappare voti da parte di uomini e di donne che, di fatto, parliamoci chiaro, non sanno neanche quello che dicono.

La nostra ipocrita società non si rende conto che la mentalità e la subcultura maschilista e patriarcale imperanti nel nostro Paese abbiano origine in primis negli stereotipi di genere e familiari che noi stessi alimentiamo. Ne è un esempio l’identificazione della donna con l’aggiunta del cognome del marito. Oppure con l’utilizzo dell’odiosissima espressione “capo famiglia”. O ancora, con l’utilizzo in numerosi moduli di Istituzioni pubbliche (anche scuole!) dell’arcaica definizione di “patria potestà” in luogo della definizione corretta “responsabilità genitoriale”.

C’è da piangere. E c’è ancor più da piangere a pensare che, puntualmente, si debbano sollevare questi argomenti tramite Biancavilla Oggi, unica testata che abbia questa sensibilità. Possibile che nessuno dei politici (donne e uomini) di Biancavilla ed esponenti della cosiddetta società civile se ne siano accorti? Possibile che l’utilizzo di Anna Rossi IN Verdi non abbia disturbato nessuno? È mai possibile? A Biancavilla, sì. Possibilissimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili