Connettiti con

Video

«Non si può morire d’indifferenza»: Symmachia lancia il video sulla Ss 284

Pubblicato

il

da Youtube / Symmachia Adrano Biancavilla

«Non si può morire d’indifferenza». In questo video di 2,50 minuti, il tentativo dell’associazione culturale Symmachia di sensibilizzare alla sicurezza stradale, ma senza dimenticare che, al di là della prudenza di chi guida, sono necessari interventi mirati, attesi da anni.

Il riferimento è alla Ss 284, nel tratto che attraversa i territori di Adrano, Biancavilla, Santa Maria di Licodia e Paternò, diventato teatro di frequenti incidenti, anche mortali.

Il video è rivolto ai sindaci dei quattro comuni, Pippo Ferrante, Giuseppe Glorioso, Salvatore Mastroianni e Mauro Mangano, al prefetto di Catania e al presidente dell’Anas. «Il fallimento delle istituzioni si è trasformato in indifferenza»: è la conclusione del filmato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Max

    2 Ottobre 2014 at 13:31

    Nel video (molto bello) si vede un paraurti verde al margine della carreggiata dell SS284…….ebbene dopo mesi (il video sarà stato girato prima dell’estate) è ancora lì, esattamente nello stesso punto!
    Questo già dice tutto sullo stato di abbandono di questa strada maledetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Video

Cartolina da Biancavilla: l’Etna dà ancora spettacolo con sbuffi di lava

Ecco la visuale offerta dal palazzo di piazza Sgriccio

Pubblicato

il

La visuale è quella offerta dal palazzo di piazza Sgriccio, a Biancavilla. Ecco ancora un altro spettacolo dell’Etna. Una cartolina di fuoco con le immagini di Gian Marco Rapisarda.

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività alle 23.30 circa si è ulteriormente intensificata, generando getti di lava alti fino a mille metri sopra il cratere di sud-est.

Tale attività ha prodotto una colonna eruttiva che si è alzata per diversi chilometri rispetto alla cima dell’Etna.

Durante questa attività ha avuto inizio un altro trabocco lavico dalla bocca della sella, alimentando un flusso lavico diretto verso sud-ovest. Dalle ore 00.15 si è avuta una repentina diminuzione della fontana di lava.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili