Connettiti con

Politica

“Sciammarita”, dalla macchia dello scandalo ad opportunità di sviluppo

La storia infinita della zona artigianale: Bonanno annuncia il bando per l’assegnazione dei lotti

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Il Comune di Biancavilla, dopo i fallimenti degli anni passati, ci riprova. E prepara il bando –con criteri nuovi e ritenuti più appetibili– per l’assegnazione dell’area artigianale. Prima 6 lotti. Prezzo: 22,10 euro a metro quadrato. Poi, con bando successivo, altri 3 lotti (2 da spianare, 1 semispianato). A regime, la zona –ricadente in contrada “Sciammarita”, al confine con Santa Maria di Licodia– dovrebbe ospitare 18-20 capannoni.  

Al momento, l’area, estesa per oltre 6mila ettari, è lasciata nel degrado e avvolta dalle erbacce. Doveva essere uno dei motori per la trazione economica di Biancavilla. Invece, di quel progetto rispolverato ai tempi del sindaco Pietro Manna su pressione dell’allora opposizione di Centrodestra, ancora oggi restano le linee tracciate su un foglio di carta. Lo stesso che il sindaco Antonio Bonanno ha esibito adesso a giornalisti e tv, annunciando la ripresa di un iter tormentato da decenni.

Eppure, su “Sciammarita” (il cui nome rievoca il noto scandalo politico, affaristico e giudiziario di inizio anni ’90), sono piovuti già un milione e seicentomila euro di fondi pubblici. Un terzo è servito per gli espropri dei terreni. E di questo, 505mila euro sono andati alla “Salentina Sicula Immobiliare”, società biancavillese che deteneva il 98% della proprietà.

Completate le procedure di esproprio all’epoca dell’amministrazione di Mario Cantarella, il fervore di quella battaglia per l’area artigianale (presentata come stella polare dello sviluppo economico locale) ha perso vigore. Fino ad essere accantonata. Poi, l’arrivo dei finanziamenti per i lavori preliminari. Era il 2008. E due anni dopo, quando il Consiglio Regionale dell’Urbanistica concede il “via libera” al progetto, l’allora sindaco Giuseppe Glorioso gongola: «Dopo 30 anni di attesa, daremo le giuste risposte agli artigiani e ai commercianti».

Macché, niente da fare. Il primo bando (redatto con il supporto dell’avv. Andrea Ingiulla, incaricato dal Comune) ottiene il generale disinteresse delle imprese artigiane. Soltanto una ditta si presenta ed ottiene un lotto, ma ancora oggi è in contenzioso con l’ente ed il terreno assegnato è inservibile. Insomma, un flop clamoroso. Poi, il silenzio. Fino al cambio di amministrazione.

Bonanno: «Un bando più appetibile»

«Vanno riviste le modalità e le condizioni di assegnazione dei lotti. Bisogna riprendere l’opera: è possibile rilanciarla». Con queste dichiarazioni, nel marzo 2019, intervistato da Biancavilla Oggi, il consigliere Vincenzo Giardina aveva rimesso nel dibattito politico il progetto della zona artigianale, peraltro inserito nel programma elettorale di Bonanno.

Così, ora, quel velo pietoso steso per anni, viene alzato. Già: il Comune ci ritenta. L’amministrazione comunale l’ha ribadito in conferenza stampa.

«È una giornata importante –ha detto il sindaco Bonanno– perché arriviamo ad un punto cruciale di un lavoro politico ed amministrativo, soprattutto nell’ultimo anno, svolto insieme con la terza commissione consiliare ed il Consiglio Comunale. Prepariamo un bando (pensiamo di pubblicarlo a giugno) con criteri più appetibili per gli artigiani: 22,10 euro a metro quadro, cioè la metà rispetto al vecchio bando».

Per il primo cittadino, l’assenza di una zona artigianale a Biancavilla è paradossale, visto che le Partite Iva del settore, in paese sono più numerose che nei comuni vicini.

«L’iter per il progetto era cristallizzato da anni, ma c’è stato un fronte comune per sbloccarlo», ha sottolineato l’assessore allo Sviluppo economico, Giorgia Pennisi.

«Un progetto che parte da lontano e sul quale si è sempre speso il Centrodestra, schieramento che adesso lo porta a compimento», ha invece evidenziato Vincenzo Amato, in qualità di componente della commissione consiliare.

Parole impegnative, quelle degli amministratori comunali. Se avranno riscontri (o se invece si riveleranno banale retorica, come quella dei loro predecessori), si vedrà a fine estate, sulla base dell’interesse dimostrato dagli artigiani.

I criteri decisi dal Consiglio Comunale

Certo è che per arrivare a questo punto è stato necessario un lavoro “dietro le quinte” del Consiglio Comunale. Il presidente Marco Cantarella: «Ricordo che c’è stata un’importante attività all’epoca dell’amministrazione Cantarella per la zona artigianale. Adesso raggiungiamo risultati di enorme valenza. Il progetto è stato un cavallo di battaglia del consigliere Giardina, che per primo l’ha posto in questa consiliatura. Si è giunti alla modifica del regolamento per l’assegnazione dei lotti, grazie all’intera assise. E ora attendiamo il bando».

Oltre a prezzi più accessibili, l’assemblea cittadina ha introdotto pure requisiti premiali per gli artigiani che ambiscono ad un lotto. Saranno avvantaggiate imprese di Biancavilla, quelle con maggior numero di dipendenti, in regola con le posizioni contributive e quelle che vantano più anni di attività. Altro criterio premiale riguarderà le ditte che, svolgendo lavori insalubri o inquinanti, si sposteranno dal centro abitato a “Sciammarita”. Concorreranno ad un più alto punteggio anche le imprese artigiane con impianti a risparmio energetico e strutture in bioedilizia.

Tutti presupposti che, nelle intenzioni del Consiglio Comunale che li ha inseriti in regolamento, dovrebbero attrarre le istanze degli artigiani. Ma solo quando (e se) verranno completate le assegnazioni, “Sciammarita” potrà essere ripulita dall’antica macchia dello scandalo per sostituirla con un’insegna ideale di sviluppo economico sano ed ordinato.    

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Carenza idrica, riunione d’urgenza a Biancavilla: stanziati 85mila euro

Disservizi in varie zone: sopralluogo nei pressi di viale dei Fiori, dove i disagi sono più marcati

Pubblicato

il

A Biancavilla, come nel resto della Sicilia, si registra una carenza idrica che sta portando una serie di disservizi in viarie zone. L’abbassamento delle falde nei tre pozzi cittadini ha prodotto un calo di circa 13 litri al secondo. Per affrontare e risolvere i disagi, l’amministrazione comunale ha stanziato 85mila euro da utilizzare per la manutenzione straordinaria dei pozzi.

Una riunione convocata d’urgenza dal sindaco Antonio Bonanno ha chiamato al palazzo comunale gli assessori Vincenzo Giardina e Mario Amato. Con loro anche il capo area del settore, il responsabile della Protezione Civile del Comune e i fontanieri comunali.

«Grazie alle risorse messe in campo – dice Bonanno – provvederemo a spurgare i pozzi e ad attuare interventi migliorativi che ci permettano di recuperare l’acqua perduta e tornare ai normali livelli di erogazione. Nel frattempo abbiamo attivato la Protezione Civile per mettere sin da subito a disposizione dei cittadini un’autobotte per il rifornimento delle abitazioni rimaste all’ascolto. Un’autobotte comunale – lo ricordo – è attiva da giorni».

Un sopralluogo del primo cittadino e dell’assessore Giardina è stato effettuato nella zona di Viale dei Fiori, dove l’erogazione idrica, in maniera più marcata rispetto ad altre aree cittadine, si muove a macchia di leopardo. In altre zone sono state riscontrate delle perdite in corso di riparazione.

Un’emergenza siciliana

«Va da sé che a nessuno di noi sfuggono le dimensioni della crisi idrica in atto, fenomeno di vasta portata che ha indotto il presidente della Regione Siciliana Schifani a chiedere lo stato di emergenza e a invitare tutti i siciliani a un utilizzo razionale della risorsa acqua. Sulla scorta di queste sollecitazioni, anche il Comune di Biancavilla – sottolinea Bonanno – emanerà nei prossimi giorni una serie di direttive affinché nessuno sciupi l’acqua che ha a disposizione». 

Le ditte che dovranno eseguire i lavori di manutenzione straordinaria sono già stata incaricate. Nei prossimi giorni i cittadini saranno avvertiti in tempo utile quando l’erogazione dai pozzi sarà interrotta per consentire gli interventi.

«Rivolgo sin d’ora un appello a tutti i biancavillesi a razionalizzare l’acqua. Sappiate – conclude il sindaco – che alla questione idrica la mia amministrazione sta dando priorità assoluta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti