Connettiti con

Politica

Missione compiuta dei medici di base: quasi 600 vaccinazioni in due week end

L’Asp si complimenta con il sindaco Antonio Bonanno: «Il Com diventa presidio di primo livello»

Pubblicato

il

Duecento vaccinati nella giornata di oggi, dopo i 209 di ieri. Supera quota 400 il totale dei vaccini Moderna inoculati in due giorni al Com di Biancavilla a “over 80” e soggetti vulnerabili nell’ambito della campagna vaccinale curata dai medici di base.

Si sfiora il numero di 600 vaccini se si considerano anche i 179 del week-end scorso. Un numero alto di vaccinati che conferma il grande lavoro nella struttura comunale messa a disposizione dal Comune.

La soddisfazione del sindaco Antonio Bonanno: «Grazie all’opera che i medici di base hanno garantito, con il supporto dei volontari di Croce Rossa e Protezione Civile e con il coordinamento dell’assessore Francesco Privitera, il Com di Biancavilla diventa un presidio vaccinale di primo livello accanto alle strutture sanitarie rappresentate dall’ospedale e dal Pta adranita».

Il direttore sanitario dell’Asp, Rapisarda, si è complimentato con il sindaco Bonanno per il lavoro svolto.

I numeri incoraggianti della vaccinazione fanno il paio con i numeri dei contagi, che segnano una netta diminuzione. In un solo giorno registrati 60 casi di positività in meno. L’ultimo aggiornamento ha fatto emergere un numero di contagi ben al di sotto di quota 300, cosa che non avveniva da circa quattro settimane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti