Connettiti con

Cronaca

Divieto per due biancavillesi di entrare e stazionare in tutti i bar del paese

Ulteriore provvedimento del questore di Catania per titolare e pusher beccati nel locale di piazza Roma

Pubblicato

il

Il Questore di Catania ha emesso due divieti di accedere e stazionare nei pressi di tutti i bar di Biancavilla. Il provvedimento è diretto al titolare del “Bar Coco”di piazza Roma, 45enne, e di un secondo biancavillese, 28enne. Entrambi erano stati arrestati il 17 aprile (poi rimessi in libertà) nell’ambito di un servizio antidroga del Commissariato di polizia di Adrano, effettuato nei pressi del locale.

Il titolare era stato sorpreso mentre riceveva dal 28enne un contenitore con all’interno 30 involucri di cocaina. Il pusher aveva invece tentato di fuggire con uno scooter ma era stato raggiunto e bloccato. 

I due adesso hanno il divieto di accedere e stazionare nei pressi di tutti i bar di Biancavilla per la durata di 2 anni.

Essendo già condannato con sentenza definitiva per spaccio di stupefacenti, al 28enne sono state, inoltre, imposte le prescrizioni di presentarsi due volte a settimana presso l’Ufficio di Polizia e di non allontanarsi da Biancavilla, senza la preventiva autorizzazione della Questura.

Il provvedimento è stato emesso, in quest’ultimo caso, in raccordo con la Procura della Repubblica che ha richiesto ed ottenuto dal Gip del Tribunale di Catania la convalida delle prescrizioni dell’obbligo di presentarsi 2 volte a settimana presso l’Ufficio di Polizia ed il divieto di allontanarsi dal comune di residenza.

Il giudice ha evidenziato l’attualità della pericolosità sociale, nonché la necessità e l’urgenza delle misure di prevenzione richieste dalla Questura e dalla Procura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Tragedia sul viale dei Fiori a Biancavilla: morto un ragazzo, un altro ferito grave

Due cugini in scooter che stavano andando a scuola, coinvolto un automezzo: indagato il conducente

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Erano in scooter (un Aprilia 125) e stavano andando a scuola, all’Istituto “Pietro Branchina” di Adrano. La loro corsa si è fermata in viale dei Fiori, dopo essersi schiantati contro un palo della segnaletica stradale. Coinvolto un mezzo dell’impresa di raccolta dei rifiuti: in corso di accertamento la dinamica.

Nell’impatto, un ragazzo è morto sul colpo. Si chiamava Vito Lanzafame, era figlio unico e tra due giorni avrebbe compiuto 18 anni. L’altro, un cugino 17enne, è rimasto ferito e trasportato in un’ambulanza del 118 nell’elipista di contrada “Difesa Luna” di Adrano. E da qui, in elisoccorso, all’ospedale “Cannizzaro” di Catania.

Come atto dovuto, la Procura di Catania ha iscritto nel registro degli indagati, il conducente dell’automezzo. Da valutare e approfondire la sua posizione, così come è da valutare la condotta su strada dei due ragazzi. Entrambi, comunque, indossavano il casco protettivo. Sul posto sono intervenuti polizia municipale e carabinieri. Le indagini sono state affidate a questi ultimi.

Una tragedia che si aggiunge alle tante che in passato si sono verificate su questa stessa strada. Una giornata che ha creato profondo dolore in tutta la città.

Il sindaco Antonio Bonanno se ne è fatto interprete: «Sento il dovere di esprimere a nome mio e di tutta l’amministrazione il più sentito cordoglio ai familiari della giovane vittima dell’incidente stradale di stamattina lungo Viale dei Fiori. La notizia così tragica di una giovane vita stroncata riempie di tristezza la nostra comunità. Il nostro abbraccio discreto e la nostra vicinanza alla famiglia siano di conforto. Al secondo giovane coinvolto nell’incidente formulo un sincero augurio di pronta guarigione, sono vicino anche alla sua famiglia».

Un messaggio commosso per ricordare la giovane vittima è stato pubblicato su Facebook pure dall’oratorio “Don Pino Puglisi” di Biancavilla: «Ciao Vito, anima bella. Non ci sono parole, ma solo il ricordo della tua simpatia e della tua grande disponibilità. Grazie per aver condiviso con noi la tua vita, seppur breve. Riposa in pace, Vito».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili