Connettiti con

Cronaca

Cede eroina ad una donna di Biancavilla, spacciatore arrestato dai carabinieri

Pusher ceccato dai militari di Gravina di Catania, sequestrate 12 dosi della sostanza stupefacente

Pubblicato

il

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Gravina di Catania hanno arrestato il 34enne catanese Natale Ferrera, poiché ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Uno dei militari impegnati in abiti civili in un altro servizio in via San Nullo, è stato avvicinato dal 34enne, sopraggiunto su uno scooter, che gli ha chiesto informazioni circa l’esatta ubicazione di un albergo. Il carabiniere, dopo aver riferito di non conoscere la struttura, intuendo che l’uomo stesse per compiere un illecito, ne ha seguito i movimenti fino a bloccarlo nel momento in cui, all’interno di una Peugeot 206, stava piazzando dell’eroina alla donna alla guida, una 56enne di Biancavilla.

Perquisito sul posto, il pusher è stato trovato in possesso di 12 dosi di eroina opportunamente poste sotto sequestro.

La donna è stata identificata e segnalata alla Prefettura di Catania per uso personale di sostanze stupefacenti, mentre l’arrestato, in attesa della direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti