Connettiti con

Politica

Coronavirus, controlli al “Cenacolo”: «Struttura blindata, si è agito con rigore»

Visita presso la comunità terapeutica assistita di via San Placido, il monitoraggio non rivela nessuna criticità

Pubblicato

il

«Monitoriamo, sin dall’inizio dell’emergenza, anche la corretta gestione delle strutture sanitarie private. Ho personalmente verificato, nelle scorse ore, come nella Comunità terapeutica assistita si stiano rispettando in modo ferreo le regole che sono state impartite. Proprio all’interno delle strutture private è registrata, e lo avete letto e sentito, una diffusione di contagi: nel peggiore dei casi, addirittura focolai che hanno causato una scia di morte. Alla Cta di Biancavilla si è agito con rigore e scrupolo e per questo ringrazio il suo direttore Giosuè Greco».

Lo dichiara il sindaco Antonio Bonanno, in riferimento alla visita di controllo effettuata presso la struttura di via San Placido, a Biancavilla, che ospita persone con disagio psichico.

«Anche l’ordinanza sulla sanificazione dei condomini che abbiamo emanato nei giorni scorsi –aggiunge poi il primo cittadino – è stata doverosa e necessaria perché pure all’interno dei palazzi – a detta degli esperti – c’è il concreto pericolo che il virus possa diffondersi.  E, devo dire, anche in questo caso la risposta da parte degli amministratori di condominio è stata importante e attenta».

© ROIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti