Connettiti con

Editoriali

Valzer d’assessori chiamati turn over: malcostume elevato a prassi (da tutti)

Pubblicato

il

Un anno. Un anno o poco più. Come da orologio svizzero, ecco scoccata l’ora. L’ora del “rimpasto” per la Giunta del sindaco Antonio Bonanno. O per evitare termini che alludono a vecchie stagioni, meglio chiamarlo “turn over”. E in effetti, qualche differenza c’è. Il “rimpasto” era dettato da cambi di maggioranza, campagna acquisti di nuovi consiglieri, gruppi politici che passavano all’opposizione: pratica tante volte sperimentata nelle amministrazioni Manna e Cantarella. Il cosiddetto “turn over” –invenzione ingegneristica dell’ultimo decennio politico– non era (e non è) dettato da ragioni di mutamenti di equilibri. Nonostante la stabilità di schieramenti bulgari, si faceva lo stesso, si fa lo stesso. Perché sì: si deve fare. Si diceva e si dice: per dare un premio a chi si è impegnato in campagna elettorale, per motivare tutti, per consentire –udite, udite– «di fare esperienza».

L’Esecutivo spacciato per ente di formazione della classe dirigente locale? Sì, secondo la sfacciata motivazione di ieri (e di oggi?). Ma con esiti disastrosi. Nel corso della storia politica di Biancavilla, tante “pecore” che hanno varcato il portone del palazzo comunale, poi sono uscite “capre”. E chissà quante volte abbiamo visto spaesati marziani e marziane, che non avevano mai assistito ad una seduta consiliare, ignoravano la differenza tra una determina e una delibera, non sapevano dove fosse la stanza del primo cittadino, eppure si sono ritrovati –di bonu a bunu– a capo del governo di una città di 23mila abitanti. Con risultati noti e certificati: il nulla mischiato col niente. Però un giro di “stipendio” e una fascia tricolore da esibire per San Placido non si negano a nessuno. Un tempo, uno straccio di curriculum contava. Da un decennio a questa parte, conta l’ordine di arrivo alle elezioni o il peso di mariti, padri, zii e burattinai per selezionare assessori o assessoresse last minute.

Sì, lo hanno chiamato e lo chiamano “turn over”. È un malcostume. Una degenerazione elevata a prassi istituzionale. Talmente scolpita a fuoco nelle catene elicoidali del dna della politica, da essere accettata, acquisita e praticata da tutti, nessuno escluso. Antonio Bonanno, dunque, sullo stesso viottolo tracciato dal suo predecessore. Ecco, quindi, riaperte le danze assessoriali. Se si esclude la meteora iniziale di Antonio Mursia (persona che in realtà brilla ancora per le sue qualità intellettuali e, forse per questo, messa di lato e scartata dal Palazzo), il primo ad uscire dalla Giunta è stato Alfio Stissi con motivazioni che per i comuni mortali sono più enigmatiche delle tavole degli antichi egizi.

Ad ogni modo, il giro di valzer per Stissi è finito. Così come finirà pure per Giulio Khalil e Daniela Russo (Mario Amato può continuare ancora per un bel po’). Lo aveva stabilito la politica degli accordi pre-elettorali, infischiandosene delle indicazioni uscite dalle urne. Pronti altri tre giri di valzer: oltre al consigliere Vincenzo Amato (indicato da tempo come successore di Stissi), i destinati assessori dovrebbero essere Giuliana Pennisi (al posto di Khalil) e Francesco Privitera (al posto di Russo). Da sbrogliare –in questo contesto– l’obbligo della quota rosa in Giunta e la nomina di un eventuale quinto assessore, da ridiscutere mettendo sul piatto anche la presidenza del Consiglio Comunale. Perché sì: tutti hanno una scadenza e non sarà certo facile per Bonanno fare combaciare ogni variabile.

Un “Manuale Cencelli” aggiornato alle logiche moderne del… “turn over”. Il paradosso è che non ci sono chissà quali retroscena da raccontare: è un cambio di pedine finalizzato a se stesso. Ed è un’aggravante. Lo denunciavamo ieri e lo denunciamo oggi, da queste stesse pagine. In un clima di tacita e unanime accettazione. D’altra parte, coloro che adesso hanno il ruolo di opposizione, negli anni dei loro governi hanno prodotto illustri campioni di valzer. E verrebbe da sgranare gli occhi se i fortunati beneficiari della “filosofia del turn over” di ieri si improvvisassero indignati contestatori di una degenerazione che hanno solennemente istituzionalizzato, spessissimo a vantaggio di anonimi incompetenti. Una cinquantina o forse più (abbiamo perso il conto), le nomine assessoriali durante il regno della #bellabiancavilla. Bonanno non la prenda a modello: cambi hashtag.

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. giuseppe

    7 Luglio 2019 at 16:40

    Articolo condivisibile a 100%, anche se il termine malcostume è solo un pallido eufemismo a parer mio, quando chiamato al turn over è invece chi è già consigliere comunale che, senza prima dimettersi va a ricoprire la carica assessoriale, percependo in tal modo sia il gettone che lo stipendio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Editoriali

Il bollettino comunale: 65 contagi, ma c’è una anomalia di fondo (da risolvere)

L’epidemia, a Biancavilla, è più diffusa di quel che appare: va specificato pure il numero assoluto degli infettati

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

EDITORIALE

Ecco il nuovo aggiornamento fornito dal Comune di Biancavilla, sulla base dei dati dell’Asp di Catania, sul contagio in corso: 65. È questo il numero di biancavillesi che risulta attualmente positivo al coronavirus. Di questi, 8 sono ricoverati in strutture ospedaliere. Ma la scelta dell’amministrazione comunale di fare un semplice copia-incolla di cifre impone una riflessione critica. I dati epidemiologici, anche quelli “elementari” come il numero di contagiati, vanno sempre resi noti con criterio e un minimo di ragionamento.

Quella cifra secca, così resa nota, cioè 65, non dà la reale dimensione della diffusione della epidemia, che a Biancavilla è ben più ampia, come fin troppo chiaro pure a laboratori privati e medici di base. Viene meno, in questo modo, pur senza volerlo, quel principio fondamentale di trasparenza che sta alla base del rito quotidiano del bollettino sui contagi.

Ci spieghiamo meglio. Ai cittadini andrebbe fornito non soltanto il numero dei contagi in corso, cioè il “saldo” tra soggetti infettati e soggetti guariti, come viene fatto dal Comune. Ma andrebbe fornito anche il numero complessivo di quanti, dall’inizio della seconda ondata, hanno avuto il tampone positivo. Se manca questo, non avremo mai l’effettiva dimensione dell’epidemia e della sua evoluzione. Attualmente le persone infettate sono 65: un numero che viene fuori dalla differenza tra “positivi” e guariti. Ma non si ha notizia dal Comune sui nuovi casi. Un dettaglio non da poco perché, di fatto, falsa la reale percezione.

Facciamo un esempio concreto per essere ancora più chiari. Se domani ai 65 attuali contagi si aggiungono 5 nuovi tamponi positivi e, allo stesso tempo, si registrano 5 guarigioni, il Comune confermerebbe il dato di 65 contagi “in corso”. Si darebbe, cioè, un risultato matematicamente giusto ma che suggerirebbe, erroneamente, una stabilità dell’epidemia, quando in realtà ci sono stati ulteriori 5 contagi. Ecco perché il Comune ci deve dire il numero progressivo di biancavillesi colpiti dal virus e, certamente, specificare poi i guariti e, infine, le persone attualmente infettate.

Tre dati fondamentali, il primo più di tutti per avere l’esatta visione della superficie conquistata dal coronavirus. In mancanza di un quadro che contempli i tre parametri essenziali, è insensato e fuorviante il bollettino telegrafico che arriva nelle email delle redazioni giornalistiche da parte del Comune di Biancavilla.

Si tratta di fare un minimo di elaborazione dei dati. Va fatta. Altrimenti si dà fiato all’esercito di complottisti, minimizzatori e nagazionisti, che anche a Biancavilla si sta rendendo visibile sui social. Un esercito che prende di mira le notizie giornalistiche e accusa i cronisti di terrorismo mediatico. È inutile discutere con soggetti che mostrano evidenti sintomi di analfabetismo funzionale e disagio accentuato. Al resto dei biancavillesi – quelli coscenziosi e non terrapiattisti – va raccontato, però, che il virus è tra noi. E lo è in misura ben superiore rispetto a quel numero di oggi – 65 – che esprime un quadro non realistico, ancor di più con gli aggiornamenti, troppo a rilento, del database dell’Asp.

© RIPRODUZIONE RISERVATA       

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili