Connettiti con

Cronaca

Nel vasto incendio di Noto anche le auto di un biancavillese e un adranita

Pubblicato

il

Tra le auto distrutte dal fuoco ci sono anche quelle di un biancavillese e di un adranita. Il vastissimo incendio che ha colpito la spiaggia di Eloro, località balneare di Noto, ha distrutto decine di auto. Tra queste proprio la Bmw del biancavillese e anche l’auto di un adranita, che si trovavano lì per passare una domenica al mare. Le vetture sono rimaste completamente distrutte dalle fiamme.

L’avv. Pilar Castiglia, legale che assiste il biancavillese che ha subito il danno, annuncia una denuncia tesa ad accertare la dinamica dei fatti e le responsabilità di quanto accaduto, che solo per fortuna non ha provocato vittime.

Le cause del rogo sono in via di accertamento, ma secondo una prima costruzione le fiamme sarebbero partite da sterpaglie per poi propagarsi in un canneto, fino a raggiungere il parcheggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Condanna a 8 anni e 6 mesi per traffico di droga: arrestato a Biancavilla

L’uomo, catanese di 46 anni, ritenuto esponente dei “Sardo”, articolazione del clan “Cappello-Bonaccorsi”

Pubblicato

il

Sono stati i Carabinieri della Stazione di Biancavilla ad arrestarlo: Salvatore Boncaldo, 46 anni, catanese. I militari hanno così eseguito un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di Catania.

L’uomo, già sottoposto agli arresti domiciliari nella comunità “Sentiero speranza” di Biancavilla, è stato condannato dai giudici etnei a 8 anni e 6 mesi di reclusione.

Il reato commesso è associazione a delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti. Fatti commessi a Catania nel periodo che va da ottobre 2013 a giugno 2014, nelle vesti di appartenente al gruppo criminale dei “Sardo”, articolazione del clan mafioso dei “Cappello-Bonaccorsi” di Catania.

L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Enna.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili