Connettiti con

Cronaca

Abusò ragazzo con ritardi mentali Emessa condanna a 4 anni e 8 mesi

Pubblicato

il

Condanna per Salvatore Neri, insegnante elementare di Biancavilla, per abusi sessuali compiuti nei confronti di un ragazzo (all’epoca dei fatti frequentava l’Istituto Alberghiero di Santa Maria di Licodia) affetto da inferiorità psichica.

L’uomo, 68 anni, è stato arrestato dai carabinieri biancavillesi, in esecuzione di un ordine per l’espiazione di pena detentiva ai domiciliari emessa dal Tribunale di Catania, relativo ad una condanna a 4 anni e 8 mesi 8 di reclusone per reati contro la persona.

Neri, noto a Biancavilla anche per avere svolto in passato attività politica ed avere ricoperto per un breve periodo il ruolo di assessore alla Pubblica Istruzione e alle Politiche giovanili con il sindaco Pietro Manna, era stato posto ai domiciliari nel febbraio 2016, su disposizione della Procura di Catania.

L’ordinanza del Gip del Tribunale di Catania era stata eseguita da personale del Compartimento Polizia Postale di Catania e dell’Arma dei carabinieri.

Le indagini erano state avviate dai carabinieri della stazione di Santa Maria di Licodia dopo avere appreso della presenza sui cellulari di alcuni studenti di immagini che ritraevano la giovane vittima in atteggiamenti intimi Neri.

Il pubblico ministero ha immediatamente ascoltato alcuni dei minori ed altre persone in grado di riferire sui fatti, delegando la Polizia Postale ad ulteriori accertamenti tecnici nonché ad una perquisizione locale ed informatica nei confronti dell’arrestato.

Numerosi e gravi gli elementi probatori emersi che hanno consentito all’autorità giudiziaria di emettere l’ordinanza. Adesso la condanna, che dovrà essere espiata nell’abitazione del docente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Da una cicca di sigaretta all’incendio, soccorse due ragazze a Biancavilla

Intervento dei vigili del fuoco in un’abitazione di via Greco Sicula, nel quartiere “Cristo Re”

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Una sigaretta che si pensava spenta nel posacenere finisce nella spazzatura, posta in sacchetti sul balcone, al primo piano di un’abitazione. Qualche minuto e si sprigionano fiamme e fumo. È accaduto in via Greco Sicula, a Biancavilla, nel quartiere della parrocchia Cristo Re.

Sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Adrano, che hanno messo in sicurezza i luoghi. Sul posto anche agenti della polizia locale.

Un’ambulanza del 118 con medico a bordo è stata chiamata per dare soccorso a due sorelle di 11 e 14 anni, le uniche che erano in casa. Avevano respirato i fumi e per precauzione si è preferito sottoporle all’esame medico. Per loro, comunque, nulla di grave. Non è stato necessario il trasporto al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”.

Quanto alla casa, al di là dei luoghi anneriti dal fumo, per fortuna resta agibile e quindi abitabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti