Connettiti con

Cultura

Il libro sull’internato 102883/IIA alla Società giarrese di storia patria

Pubblicato

il

La figura di Gerardo Sangiorgio, la sua esperienza nei lager nazisti, il suo impegno di letterato ed intellettuale, la sua vita dedicata all’insegnamento e all’educazione ai valori di libertà e fratellanza. Sono stati gli argomenti al centro di un incontro della “Società giarrese di storia patria e cultura”.

L’occasione è stata data dalla presentazione del libro “Internato n. 102883/IIA” (pubblicato da “Nero su Bianco Edizioni”), incentrato proprio su Sangiorgio e gli anni disumani vissuti nei campi di concentramento, finito lì per non avere giurato fedeltà alla fantomatica Repubblica di Salò ed essere rimasto legato ai valori del cattolicesimo antifascista.

Dopo un’introduzione del prof. Carmelo Torrisi, è intervenuto l’autore della pubblicazione, il prof. Salvatore Borzì, tracciando il profilo biografico, umano, culturale di Sangiorgio, scomparso a Biancavilla nel marzo del 1993.

Le conclusioni sono state affidate al prof. Nicolò Mineo, ex preside della Facoltà di Lettere e Filosofia di Catania, che ha curato la prefazione al volume. Proprio in prefazione, Mineò così definisce Sangiorgio: «Una nobile figura che ci viene incontro con la sua memoria e con i suoi scritti e ci costringe a pensarlo nella sua individuale, unica e sacra, e violata, esistenza. Borzì ne segue le vicende biografiche con profonda partecipazione e illuminandone il significato profondo. Oggi abbiamo più che mai bisogno di tramandare i valori autentici e di proporli con fermezza ai più giovani. E forse non soltanto a loro. Abbiamo bisogno ancora di ricordarci e ricordare cosa abbia rappresentato la dittatura fascista per l’Italia. Ricordare cosa è una dittatura».

►ACQUISTA IL LIBRO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cultura

“Nicolò”, il film realizzato dal Cgs Life di Biancavilla sul santo eremita

Il lungometraggio, diretto da Armando Bellocchi, proiettato al Palazzo dei Congressi di Taormina

Pubblicato

il

Si intitola “Nicolò” ed è stato realizzato dal Cgs Life di Biancavilla con il patrocinio della Regione Sicilia. È il lungometraggio dedicato al patrono di Adrano.

Due paesi siciliani si sono ritrovati nel nome di Nicolò Politi, nato ad Adrano nel 1117 e proclamato santo nel 1507 da Papa Giulio II. I cittadini di Adrano e Alcara Li Fusi, assieme ai rispettivi sindaci e ai vescovi delle due diocesi, hanno assistito all’anteprima del film. La proiezione è avvenuta a Taormina, nel Palazzo dei Congressi.

Il film è diretto da Armando Bellocchi, docente e musicista di Biancavilla. Narra della vita del santo eremita di Adrano, interpretato da Antonio Distefano, che rifiuta un matrimonio combinato dai genitori – nobile famiglia locale – per rispondere alla chiamata di Dio. Nicolò giunse nel territorio alcarese nel 1137 per trovare rifugio in una spelonca rocciosa del Monte Calanna.

«Al casting del film – spiega il regista Bellocchi – hanno partecipato le cittadinanze dei due paesi, la cui devozione nei confronti del santo non è mai venuta meno».

Adrano e Alcara Li Fusi furono al centro di una disputa sulle reliquie dell’eremita. Il film “Nicolò” sigla in maniera definitiva la pace tra le due comunità nel nome del santo venerato da entrambi.

Analoga operazione culturale, il Cgis Life l’aveva compiuta nel 2014, realizzando un film su San Placido, patrono di Biancavilla, con il coinvolgimento del circolo di devoti. Una pellicola ambientata non soltanto a Biancavilla, ma anche a Montalbano ed in località siciliane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili