20072019GOODNEWS:

Il libro sull’internato 102883/IIA alla Società giarrese di storia patria

La figura di Gerardo Sangiorgio, la sua esperienza nei lager nazisti, il suo impegno di letterato ed intellettuale, la sua vita dedicata all’insegnamento e all’educazione ai valori di libertà e fratellanza. Sono stati gli argomenti al centro di un incontro della “Società giarrese di storia patria e cultura”.

L’occasione è stata data dalla presentazione del libro “Internato n. 102883/IIA” (pubblicato da “Nero su Bianco Edizioni”), incentrato proprio su Sangiorgio e gli anni disumani vissuti nei campi di concentramento, finito lì per non avere giurato fedeltà alla fantomatica Repubblica di Salò ed essere rimasto legato ai valori del cattolicesimo antifascista.

Dopo un’introduzione del prof. Carmelo Torrisi, è intervenuto l’autore della pubblicazione, il prof. Salvatore Borzì, tracciando il profilo biografico, umano, culturale di Sangiorgio, scomparso a Biancavilla nel marzo del 1993.

Le conclusioni sono state affidate al prof. Nicolò Mineo, ex preside della Facoltà di Lettere e Filosofia di Catania, che ha curato la prefazione al volume. Proprio in prefazione, Mineò così definisce Sangiorgio: «Una nobile figura che ci viene incontro con la sua memoria e con i suoi scritti e ci costringe a pensarlo nella sua individuale, unica e sacra, e violata, esistenza. Borzì ne segue le vicende biografiche con profonda partecipazione e illuminandone il significato profondo. Oggi abbiamo più che mai bisogno di tramandare i valori autentici e di proporli con fermezza ai più giovani. E forse non soltanto a loro. Abbiamo bisogno ancora di ricordarci e ricordare cosa abbia rappresentato la dittatura fascista per l’Italia. Ricordare cosa è una dittatura».

►ACQUISTA IL LIBRO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO