Connettiti con

Politica

«A Biancavilla è stato di emergenza»: lo ha deciso il governo Musumeci

Pubblicato

il

Il Governo regionale, a seguito dei recenti eventi sismici, ha deliberato la richiesta di riconoscimento dello stato d’emergenza anche per la città di Biancavilla, così come aveva richiesto l’amministrazione comunale. A comunicarlo al sindaco Antonio Bonanno è stato il presidente Nello Musumeci.

L’atto, adesso, consentirà di attivare una serie di procedure presso il governo nazionale, a cui spetta la decisione di riconoscere lo status di eccezionalità degli eventi sismici, affinché il centro etneo possa ottenere misure speciali e relative risorse finanziarie.

Una prima stima dei danni, riferita soltanto a chiese ed edifici scolastici, era stata indicata dallo stesso Comune in circa un milione e 500mila euro, sulla base dei sopralluoghi preliminari effettuati dai tecnici del Dipartimento regionale di protezione civile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti