Connettiti con

Scuola

Artistico, Musicale e Tecnico: proposti nuovi indirizzi scolastici

Pubblicato

il

Tre nuovi indirizzi scolastici per ampliare l’offerta formativa a Biancavilla per gli studenti del comprensorio. La proposta dell’amministrazione Bonanno ha avuto l’ok dalla Città metropolitana di Catania. Adesso la parola spetta alla Regione, che deve decidere il tempo per l’anno scolastico 2019/20 ma con le preiscrizioni che eventualmente dovranno partire dal prossimo gennaio.

Gli indirizzi proposti sono:

Sezione staccata del Liceo Artistico – indirizzo Architettura e Ambiente, da collocare nei locali dell’Istituto Comprensivo “Antonio Bruno”;

Liceo Musicale e Coreutico – sezione Musicale e sezione Coreutica, da collocare nei locali della scuola media “Luigi Sturzo” di Biancavilla;

Istituto Tecnico – Settore Tecnologico – Indirizzo C4 Informatica e Telecomunicazioni – Articolazione Informatica e Articolazione Telecomunicazioni, da collocare anche nei locali dell’Istituto “Bruno”.

«Si tratta di una opportunità importante che forniamo ai nostri ragazzi – spiega il primo cittadino Antonio Bonanno -. Non solo ampliamo il ventaglio della scelta formativa ma, al contempo, evitiamo che si debba andare a studiare a chilometri di distanza. La Scuola resta una delle nostre imprescindibili priorità: la crescita dei nostri ragazzi costituisce la risorsa della nostra città».

«È un’iniziativa che abbiamo fortemente voluto e che oggi abbiamo il piacere di annunciare – interviene l’assessore alla Pubblica Istruzione, Daniela Russo -. Per gli studenti di Biancavilla, e non solo, si tratta di una opportunità che mira a soddisfare le richieste che erano rimaste disattese».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. alfio

    20 Settembre 2018 at 8:47

    Alla Sturzo in quali locali li collocate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scuola

“Come anime al vento”: così la scuola “Luigi Sturzo” ha ricordato la Shoah

Per la “Giornata della memoria” una mostra temporanea e la lettura di brani e testimonianze

Pubblicato

il

Mattinata intensa, commovente e, a tratti, struggente, quella vissuta nella scuola media “Luigi Sturzo” di Biancavilla, in occasione dell’inaugurazione della mostra temporanea “Come anime al vento”.

I ragazzi, guidati sapientemente dalle professoresse Cetty La Spina e Rosanna Polto, hanno dipinto delle magliette per la “Giornata della Memoria”. Magliette che sono state appese nei corridoi, lungo i quali sono stati esposti anche altri lavori.

Prima dell’inaugurazione, in aula magna alcuni alunni hanno letto , sia in italiano che in inglese, brani tratti dal romanzo della senatrice Liliana Segre “Fino a quando la mia stella brillerà”, testi di canzoni e testimonianze degli atti di un processo contro i colpevoli di Auschwitz.

Hanno preso parte alla manifestazione gli assessori Enza Cantarella e Luigi D’Asero con la dirigente scolastica Concetta Drago.

Con la loro musica, i professori Coniglio e Mammoliti hanno reso ancor più toccante l’evento. La mostra rimarrà visitabile per qualche giorno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.