Connettiti con

Politica

L’assessore regionale all’Agricoltura: «Rinazze, niente impianti di rifiuti»

Pubblicato

il

«Il sito biancavillese di Piano Rinazze avrà tutta la mia attenzione: qui si deve vivere di agricoltura e di turismo. I rifiuti sono un’altra faccenda e nulla possono avere a che vedere con la vocazione agricola di questo territorio. Grazie ad Antonio Bonanno per essersi occupato della vicenda sin dal primo istante. Vi ribadisco e confermo il mio sostegno indiscutibile e quello del governo Musumeci allo sviluppo dell’agricoltura su questo sito. Abbiamo avviato una moratoria sulla vicenda: personalmente, mi sento di tranquillizzare chi ha investito su questo territorio».

Sono le parole dell’Assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera, in visita oggi tra i siti produttivi di Biancavilla. L’Assessore è stato invitato dal candidato sindaco, Antonio Bonanno.

Occhi puntati sulla questione legata alla paventata installazione di due impianti di trattamenti rifiuti a Piano Rinazze, ma non solo.

«Abbiamo fatto quello che la politica deve fare – spiega Antonio Bonanno -: ovvero, raccordare tutte le forze del territorio affinché si risolvano questioni delicatissime per i produttori e gli imprenditori della nostra comunità. Biancavilla può e deve ripartire dall’agricoltura. Oggi abbiamo dato un segnale: quello che la collaborazione col Governo regionale può portare sviluppo al nostro territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti