Connettiti con

Cronaca

Due in azione con arma giocattolo: rapina vicino la stazione di servizio

Pubblicato

il

Rapinato il titolare della stazione di servizio di via dei Pini, traversa secondaria di viale dei Fiori, a Biancavilla. È successo in pieno pomeriggio.

L’uomo è stato bloccato nel momento in cui si trovava a bordo di un SUV Mitsubishi, vicino ad un incrocio. Due soggetti con il volto coperto da casco integrale, in sella ad uno scooter, sono entrati in azione:  uno di loro era armato di pistola e con quella ha minacciato la vittima, obbligandola a bloccare il Suv in strada e a consegnare l’incasso della giornata.

L’uomo avrebbe consegnato i soldi nelle mani di uno dei rapinatori e sarebbe stato costretto anche a dare le chiavi dell’auto.

I due malviventi, nella fuga, si sono disfatti della pistola. O forse l’hanno persa, durante le fasi concitate della fuga. Pistola che è stata poi recuperata dai carabinieri del comando stazione di Biancavilla e del nucleo radiomobile della compagnia di Paternò, allertati proprio dalla vittima. Si tratta comunque di un’arma giocattolo.

Immediatamente sono state avviate le ricerche dei due malviventi, ma di loro si sono perse le tracce. Per gli investigatori si tratta di soggetti che conoscevano le abitudini della vittima. Ancora da quantificare il bottino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti