Connettiti con

Associazionismo

Disagio minorile, un incontro con l’associazione “Gli amici di Ciccio”

Pubblicato

il

minori

“Il disagio minorile: gli spazi dell’arte a sostegno delle periferie”. Su questo time è incentrato l’evento formativo organizzato dall’associazione “Gli amici di Ciccio”, in programma a Villa delle Favare alle ore 17.30 del 6 maggio.

All’incontro, che sarà moderato dal pedagogista Salvuccio Furnari, dopo la presentazione di Marinella Laudani che parlerà a nome dell’associazione, interverranno il sacerdote salesiano biancavillese Francesco Furnari, parroco di “San Nicolò all’Albergheria” di Palermo, Anna Maria Fazio, direttore dell’unità di neuropsicologia infantile dell’Asp di Catania, e Rosalia Castrogiovanni, magistrato del tribunale per i minori di Catania.

Nel corso della serata saranno raccolti fondi da destinare all’allestimento del teatro della parrocchia palermitana, che si trova nel quartiere Ballarò.

D’altra parte l’associazione “Gli amici di Ciccio”, nata nel 2014, si è posta la finalità di sostenere i tanti progetti ideati da padre Francesco Furnari per il recupero del disagio e del grave svantaggio socio culturale presente nella periferia più degradata di Palermo. Un’associazione che, comunque, guarda oltre i confini palermitanti, costituendosi partner in tutti quei progetti di solidarietà nei confronti di minori in difficoltà, proponendosi come “sollecitatore” di iniziative ed eventi a loro sostegno. In quest’ottica, vengono privilegiate tutte le espressioni d’arte, del teatro, della musica e della poesia perché considerate un veicolo importante per costruire un linguaggio comune e favorire l’integrazione tra culture diverse.

Da qui, anche l’appuntamento di Biancavilla nel quale è previsto pure un concerto di Gesuele Sciacca e degustazioni con spremute d’arancia rossa (a cura del consorzio Euroagrumi di Biancavilla), gelato di frutta siciliana (con la presenza dell’Istituto alberghiero di Centuripe), i prodotti di “Mamma Loretta” e il miele dell’Etna “Zaufanah”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Associazionismo

Lions Club e Accademia Universitaria discutono di “violenza di genere”

A Villa delle Favare l’intervento della penalista Floriana D’Amico e la testimonianza di Vera Squatrito

Pubblicato

il

Il Lions Club Adrano Bronte Biancavilla ha affrontato, a Villa delle Favare, il tema della violenza, in collaborazione con l’Accademia Universitaria Biancavillese. È intervenuta Floriana D’Amico, penalista del Foro di Catania, che ha approfondito il nuovo ordinamento di legge sul “codice rosso”. L’avvocata ha esortato e sottolineato il dovere della denuncia in casi di episodi di violenza e maltrattamenti.

L’incontro ha ospitato anche la testimonianza di Vera Squatrito, mamma di Giordana Di Stefano, uccisa dal suo compagno nel 2015, a soli 20 anni. Un intervento, il suo, che ha suscitato grande commozione.

Interventi introdotti da Graziella Portale, presidente del Lions, e Rosa Lanza, presidente dell’Accademia, e moderati da Margherita Costa, referente del club per il tema “Stop agli abusi, stop al silenzio”.  

Durante l’incontro, il referente Lions delle attività di servizio dell’area catanese, Salvuccio Furnari, ha fatto distribuire degli opuscoli progettati dal Distretto Lions Sicilia per la prevenzione della violenza di genere e per un’azione di informazione e formazione verso la cultura del rispetto. L’appuntamento a Villa delle Favara si è concluso con la lettura di una poesia di Alda Merini, forte e toccante: “Il mio trafugamento di madre”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti