Connettiti con

Politica

Lodi al presidente da Glorioso: «Dimissioni? Nessuna richiesta»

Pubblicato

il

conferenza-un-anno-presidenza-vincenzo-cantarella

Conferenza stampa su un anno di attività consiliare guidata da Vincenzo Cantarella: «Sedute più proficue, meno gettoni di presenza». Giudizi positivi trasversali. Perché si chiede al presidente di lasciare? Il sindaco nega ma…

 

di Vittorio Fiorenza

Il presidente del Consiglio Comunale di Biancavilla, Vincenzo Cantarella, non è in discussione e nessuno chiede le dimissioni. A sgomberare il campo da voci e indiscrezione è stato il sindaco Giuseppe Glorioso, intervenendo alla conferenza stampa su un anno di guida dell’assemblea cittadina da parte di Cantarella. «Ad oggi non c’è un’istanza di dimissioni rivolta al presidente», gli ha fatto eco il capogruppo del Pd, Giuseppe Pappalardo.

Fin qui le dichiarazioni ufficiali. Fuori dalla diplomazia di Palazzo, non è un mistero che un turnover, oltre che agli assessori, si vorrebbe applicare pure alla presidenza. Con quale sostituto e quali numeri, nessuno lo sa.

«Bisogna guardare in un’ottica di coalizione –ha spiegato meglio Glorioso– non c’è una richiesta di dimissione, ma il presidente può essere sottoposto a verifica politica, che non significa mettere in discussione le sue qualità ma soltanto tener conto degli equilibri politici».

Lui, Cantarella, affiancato dal personale del suo ufficio (Mimma Corallo, Rosalba Randazzo e Graziella Ullari) si è soffermato parecchio, invece, sul bilancio di un anno della sua presidenza: 50 sedute consiliari e 150 di commissione. «Organismi che lavorano di più ma spendono molto meno», ha sottolineato Cantarella, fornendo i dati sui gettoni di presenza dei consiglieri, ridotti fino al 90% rispetto al passato. Ricordati poi la riattivazione del “Consiglio dei ragazzi” e la diretta streaming delle sedute.

«Giudizio positivo», da parte del sindaco. «Dieci e lode» per il capogruppo Pd, Pappalrdo. Apprezzamenti, dall’opposizione, pure dal capogruppo Ncd, Mario Amato, pur notando due pecche del Consiglio: il mancato impegno sul Prg e l’assenza per gravidanza della consigliera Ada Vasta, strumentalizzata e ridotta a “caso politico”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Incivili della spazzatura “beccati” dalle telecamere: multe “salate” a Biancavilla

In trappola una decina di cittadini che hanno lasciato, in modo illecito, rifiuti nel centro storico

Pubblicato

il

Beccati alcuni sporcaccioni che insozzano di rifiuti il centro storico di Biancavilla a tutte le ore del giorno e della notte. Grazie ad alcune telecamere piazzate in punti invisibili, alcuni di loro sono stati “smascherati”. Le immagini non lasciano margini di dubbio. Sia di notte che di giorno c’è chi “deposita” in maniera illecita i rifiuti sulla pubblica via.

Grazie alle immagini, saranno notificati una decina di verbali. I trasgressori pagheranno una multa 600 euro, secondo quanto prevede la legge. Se si tratta di operatori commerciali – alcuni casi riscontrati rientrano in questa fattispecie – alla reitera del verbale scatta la sospensione dell’attività commerciale. 

«A fronte di un servizio di raccolta differenziata che pone Biancavilla tra i comuni con la percentuale più alta in Sicilia –dice il sindaco Antonio Bonanno– non si può pretendere di piazzare qualsiasi tipo di rifiuto a tutte le ore del giorno. Da tempo – come tutti sanno – c’è un calendario con le indicazioni che riguardano il rifiuto da conferire e gli orari da osservare: dalle 19 alle 5 del mattino».

«I “distratti”, ma anche i furbi e gli incivili –assicura il sindaco– avranno dura la vita. Il comportamento di pochi non può compromettere la bontà dei risultati fin qui raggiunti. Ringrazio l’assessore Vincenzo Mignemi per l’ottimo lavoro che sta coordinando per rendere pulita e vivibile la nostra città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili