Connettiti con

Cronaca

In preda all’alcol distrugge un’auto e poi fa resistenza ai carabinieri

Pubblicato

il

ubriaco-distrugge-auto-via-gramsci

L’auto parcheggiata in via Gramsci dopo la devastazione a colpi di mazzuolo

Prima un diverbio avuto con altre persone, poi la rabbia sfogata una volta tornato a casa. Un’escandescenza acuita dall’evidente stato di ebbrezza.

Un giovane 32enne ha poi rivolto la sua ira contro l’auto, una Audi, che il padre della sua compagna gli aveva dato in uso da poco. Con un mazzuolo ha completamente mandato in frantumi i vetri ed ammaccato la carrozzeria del mezzo che era parcheggiato in via Gramsci.

Una pattuglia di passaggio dei carabinieri del battaglione “Sicilia” ha notato le condizioni in cui era stato ridotto il veicolo. I militari sono risaliti subito al responsabile, non senza difficoltà a convincerlo a seguirli in caserma.

Trasportato alla stazione dei carabinieri di via Benedetto Croce, il 32enne, ancora in preda ai fumi dell’alcool, si è scagliato contro i militari, che hanno fatto scattare l’arresto per danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. Il giovane deve rispondere pure di maltrattamenti per la violenza verbale che avrebbe usato nei confronti della madre.

In attesa del giudizio per direttissima è stato trasferito presso la struttura dell’Opera Cenacolo Cristo Re di contrada “Croce al vallone”.

Nonostante sia descritto come un instancabile lavoratore e persona volenterosa, già in passato, a causa di un bicchiere di troppo, il giovane si è trovato nelle stesse condizioni e per questo era già noto ai carabinieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Da una cicca di sigaretta all’incendio, soccorse due ragazze a Biancavilla

Intervento dei vigili del fuoco in un’abitazione di via Greco Sicula, nel quartiere “Cristo Re”

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Una sigaretta che si pensava spenta nel posacenere finisce nella spazzatura, posta in sacchetti sul balcone, al primo piano di un’abitazione. Qualche minuto e si sprigionano fiamme e fumo. È accaduto in via Greco Sicula, a Biancavilla, nel quartiere della parrocchia Cristo Re.

Sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Adrano, che hanno messo in sicurezza i luoghi. Sul posto anche agenti della polizia locale.

Un’ambulanza del 118 con medico a bordo è stata chiamata per dare soccorso a due sorelle di 11 e 14 anni, le uniche che erano in casa. Avevano respirato i fumi e per precauzione si è preferito sottoporle all’esame medico. Per loro, comunque, nulla di grave. Non è stato necessario il trasporto al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”.

Quanto alla casa, al di là dei luoghi anneriti dal fumo, per fortuna resta agibile e quindi abitabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti