Connettiti con

Cronaca

Entra in casa e violenta la sua ex Bloccato dai carabinieri un 42enne

Pubblicato

il

I carabinieri della stazione di Biancavilla hanno arrestato, nella flagranza, un 42enne reo di violazione di domicilio e violenza sessuale.

E’ stata la stessa vittima, una donna di 35 anni, la scorsa notte a chiedere aiuto al 112. Sul posto, un appartamento al pian terreno, a Biancavilla, è giunta immediatamente la pattuglia della locale stazione che ha potuto fermare l’uomo, ancora in casa, che, poco prima, forzando una serranda, si era introdotto nella stanza da letto della ex convivente costringendola con la forza ad un rapporto intimo.

In casa, oltre alla donna, erano presenti i due figli minori di 5 e 7 anni, di cui il primo figlio dell’uomo, che per fortuna al momento dell’aggressione dormivano in un’altra stanza.

La donna, trasportata all’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla, è stata visitata dai medici del pronto soccorso che, tramite specifico esame, hanno confermato un precorso rapporto intimo per la presenza di liquido seminale.

L’arrestato, di concerto con l’autorità giudiziaria, è stato tradotto nell’abitazione del suo paese di origine, fuori dalla provincia di Catania, agli arresti domiciliari, in attesa di giudizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Da una cicca di sigaretta all’incendio, soccorse due ragazze a Biancavilla

Intervento dei vigili del fuoco in un’abitazione di via Greco Sicula, nel quartiere “Cristo Re”

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Una sigaretta che si pensava spenta nel posacenere finisce nella spazzatura, posta in sacchetti sul balcone, al primo piano di un’abitazione. Qualche minuto e si sprigionano fiamme e fumo. È accaduto in via Greco Sicula, a Biancavilla, nel quartiere della parrocchia Cristo Re.

Sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Adrano, che hanno messo in sicurezza i luoghi. Sul posto anche agenti della polizia locale.

Un’ambulanza del 118 con medico a bordo è stata chiamata per dare soccorso a due sorelle di 11 e 14 anni, le uniche che erano in casa. Avevano respirato i fumi e per precauzione si è preferito sottoporle all’esame medico. Per loro, comunque, nulla di grave. Non è stato necessario il trasporto al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”.

Quanto alla casa, al di là dei luoghi anneriti dal fumo, per fortuna resta agibile e quindi abitabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti