Connettiti con

Politica

Una scuola materna e una palestra Marziano “sborsa” 3,5 mln di euro

Pubblicato

il

bruno-marziano-al-comune

Il nuovo edificio scolastico sorgerà in viale dei Fiori, la palestra sarà realizzata al plesso “San Giovanni Bosco”. Lo ha annunciato l’assessore regionale all’Istruzione, Bruno Marziano, in un incontro al palazzo comunale.

 

di Vittorio Fiorenza

Tre milioni e mezzo di euro della Regione Sicilia destinati all’edilizia scolastica di Biancavilla. Ad annunciarli è stato l’assessore regionale all’Istruzione, Bruno Marziano, in un incontro che si è tenuto al palazzo comunale. Serviranno alla costruzione di una scuola materna in viale dei Fiori e alla realizzazione della palestra nel plesso “San Giovanni Bosco” del Primo circolo didattico.

Il finanziamento per il primo progetto, pari a 2.248.000 euro verrà a erogato nel corso del 2017 e permetterà di fare risparmiare al Comune il canone d’affitto per i locali attualmente utilizzati nella stessa zona. Per quanto riguarda il finanziamento relativo alla palestra, pari a 1.291.000 euro, essendo il progetto già esecutivo, consentirà di fare partire i lavori entro quest’anno.

Le opere di edilizia scolastica sono incluse in un piano regionale che conta 210 progetti in tutta la Sicilia con uno stanziamento di 30 milioni di euro in tutta la provincia di Catania.

All’incontro hanno preso parte il sindaco Giuseppe Glorioso, il deputato regionale Concetta Raia e dirigenti scolastici e i direttori amministrativi delle scuole superiori di Adrano, Belpasso e Paternò. Un plauso per i finanziamenti al territorio è stato espresso in una nota pure dal parlamentare regionale biancavillese, Nino D’Asero.

Marziano ha presentato pure i progetti su alternanza scuola-lavoro, dispersione scolastica, apprendistato, dottorati di ricerca, borse di studio e sblocco dell’ultima fase del “Piano Giovani”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti