Connettiti con

Cronaca

L’assassino di Valentina Salamone? «Forse si ha paura di fare il nome»

Pubblicato

il

«L’assassino di Valentina è una persona che era nella villa e forse si ha paura di fare il nome. Oppure Nicola Mancuso è tornato con altre persone per farsi aiutare».

Torna a parlare Nino Salamone, il papà di Valentina, la ragazza di Biancavilla uccisa in una villetta di Adrano, dopo che l’assassino o gli assassini hanno simulato il suo suicidio. Lo ha fatto nella trasmissione “La storia oscura” di Radio Cusano Campus, ribadendo la richiesta di giustizia.

«Noi aspettiamo, ma non so fino a quando possiamo resistere. Tutto questo tempo –ha detto il signor Salamone– ci sta distruggendo. Noi vogliamo sapere la verità, vogliamo giustizia: gli assassini di nostra figlia devono andare in galera per sempre perché sono delle bestie».

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Abbandono di rifiuti, due vigili urbani beccano una donna “insospettabile”

Gli agenti biancavillesi hanno identificato la cittadina incivile: dovrà pagare una multa salata

Pubblicato

il

Una donna “insospettabile” è stata colta da due vigili urbani di Biancavilla mentre abbandonava sacchetti di spazzatura. I due agenti, tra coloro assunti da poco, hanno provveduto ad identificare la donna, che ora dovrà pagare una salata sanzione. L’episodio è avvenuto nelle ore in cui si stava ripulendo la discarica illegale di via dei Pini.

«È il quadro impietoso del ‘riempi e svuota’ – è il commento del sindaco Antonio Bonanno – cui siamo costretti ad assistere per l’incomprensibile atteggiamento di pochi cittadini che inspiegabilmente non intendono adeguarsi a una regolare raccolta differenziata che proprio a Biancavilla dà i propri frutti con numeri record».

Il primo cittadino definisce «gesti ostili e insensati» le condotte di cittadini che di proposito violano le più elementari regole. La multa elevata alla cittadina incivile possa servire «da lezione –auspica Bonanno – a quei pochi incivili che ancora si rifiutano di aderire alla efficiente raccolta differenziata in tutto il territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti