Connettiti con

Politica

Maggioranza litiga e si frantuma: Salvà “vice” coi voti di opposizione

Pubblicato

il

giuseppe-salva

Pippo Salvà, eletto vice presidente del Consiglio Comunale di Biancavilla

La coalizione del sindaco Glorioso si spacca sulla seconda poltrona dell’assemblea cittadina. La spunta Salvà, anche con l’aiuto del Centrodestra. Tra i “ribelli”, il vicesindaco Sapienza e il neo assessore Mignemi.

 

di Vittorio Fiorenza

Liti furibonde nella maggioranza del sindaco Glorioso come da tempo non si vedevano al Consiglio Comunale. Paroloni, toni alti di voce e manovre dentro e fuori dall’Aula. Oggetto del contendere: la poltrona della vicepresidenza del Consiglio Comunale. Alla fine l’ha spuntata Pippo Salvà, soccorso dai voti dell’opposizione, lasciandosi dietro parecchi feriti sul campo. La coalizione di governo si è frantumata. E la minoranza, applicando il manuale elementare delle strategie consiliari, si è inserita nella crepa per farla diventare frattura evidente.

A votare Salvà come vicepresidente sono stati 8 consiglieri di maggioranza e i sei del Centrodestra. Sono usciti dall’aula Luigi D’Asero, Dino Furnari, Grazia Ventura, Salvatore Giuffrida. Assenti Vincenzo Chisari e Giuseppe Petralia.

Se il giorno prima l’elezione di Vincenzo Cantarella è avvenuta senza colpi di scena, la scelta del “vice” ha contrapposto due anime dello schieramento di Glorioso.

Come raccontato da Biancavilla Oggi, l’indicazione iniziale di Glorioso per la seconda carica dell’assemblea cittadina era per Luigi D’Asero. Dopo una pressoché condivisione sull’esponente autonomista, però, una parte della maggioranza, arrivata in aula, ci ha ripensato, puntando su Salvà. L’uscita dei consiglieri ha fatto venire meno il numero legale. La clamorosa spaccatura, però, è stata soltanto rinviata al giorno dopo, quando i distinguo si sono palesati. E si è aperto il sipario dell’ennesimo teatrino tra liti e sfoghi al limite dell’insulto tra componenti della maggioranza.

Nemmeno l’arrivo del sindaco Glorioso ha placato gli animi. Neppure quando il primo cittadino avrebbe minacciato le proprie dimissioni. E al di là dei meccanismi, politici e di puro personalismo, che hanno portato alla scelta finale di Salvà con il soccorso del Centrodestra, è certo un dato politico. In aula non è passata la proposta sul nome della vicepresidenza avanzata dal primo cittadino. E se non è passata lo si deve alla ribellione di una parte di maggioranza, nella quale figurano pure i consiglieri Giuseppe Sapienza e Vincenzo Mignemi, che ricoprono rispettivamente i ruoli di vicesindaco ed assessore fresco di nomina.

Dettagli che, ai tempi di Manna, avrebbero portato a decapitazioni immediate. Nell’epoca di Glorioso, la realpolitik potrebbe limitarsi a rimettere insieme i cocci ed attaccarli con uno sputo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Scuole riaperte, a Biancavilla il 75-80% degli alunni è rientrato in classe

Dalla Regione ammonimento ai sindaci che firmano ordinanze di chiusura degli edifici scolastici

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

di VITTORIO FIORENZA

Genitori divisi. Da una parte, il fronte di chi sollecita il sindaco a chiudere le scuole perché gli alunni stiano a casa per una maggiore tutela. Dall’altra, coloro che ritengono le aule sicure e gli unici luoghi per garantire un effettivo diritto allo studio. In queste pagine abbiamo ospitato l’appello delle quattro dirigenti scolastiche di Biancavilla per il ritorno alla didattica in presenza. Ma abbiamo anche dato voce alle mamme contrarie.

Il primo giorno di riapertura delle scuole – dopo la pausa imposta con ordinanza del primo cittadino – ha comunque registrato a Biancavilla il 75-80% di presenze, secondo quanto appurato dal Comune con le segreterie scolastiche. Ci sono state alcune classi svuotate quasi per intero, ma nel complesso gli istituti hanno annotato una media di 2-4 assenze per ogni classe.

L’assenza di massa, dunque, non c’è stata, nonostante, fra l’altro, la pioggia battente abbia ulteriormente influito –in maniera “fisiologica”– a fare restare alcuni bambini a casa.

Da entrambi i fronti dei genitori ci sono ragioni legittime, certamente. Ma la decisione del sindaco Antonio Bonanno è stata quella di fare suonare la campanella per il rientro in classe. Anche perché dalla Regione sono arrivati veri e propri ammonimenti a tutti i sindaci –compreso quello di Biancavilla– che hanno adottato le precedenti ordinanze di chiusura.

Basso contagio tra gli alunni

Bonanno e l’assessore alle Politiche scolastiche, Francesco Privitera, lo hanno spiegato a diverse mamme che sono state ricevute al palazzo comunale. Le condizioni per adottare una decisione così drastica vanno appurati, quindi, con il coinvolgimento dell’Asp e degli assessorati regionali alla Salute, all’Istruzione e alla Famiglia. Ma lo screening che ha interessato la popolazione scolastica di Biancavilla (genitori compresi), seppur non nella sua interezza, ha evidenziato un’incidenza del contagio da coronavirus dell’1,4%.

Solo tre bambini risultati positivi, a cui si aggiungono altri 4 sottoposti a tampone nello screening precedente “dedicato” alle tre classi della scuola media “Luigi Sturzo” che erano state poste in isolamento per la positività di un insegnante. Un dato indicativo, certo. Ma sufficiente, secondo l’amministrazione comunale, a mettere di lato un ulteriore provvedimento di chiusura della scuola. Almeno per il quadro delineato in questo momento.      

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili