Connettiti con

News

È morto Salvatore Vernaci, nel 1994 fu l’ultimo commissario al Comune

Pubblicato

il

salvatore-vernaci

Salvatore Vernaci affianco al gonfalone del Comune di Biancavilla

Con la sua breve esperienza, a Biancavilla si chiuse un’era: accompagnò il paese verso l’elezione diretta del sindaco. Dopo di lui, la lunga stagione di Pietro Manna.

 

di Vittorio Fiorenza

È morto Salvatore Vernaci, volto storico dei diritti dei consumatori e della cittadinanza di Messina, che al Comune di Biancavilla ricoprì l’incarico di commissario straordinario.

Nato nel 1939, originario di Chiusa Sclafani, laureato in Giurisprudenza, fu esperto amministrativo della Provincia di Messina, del Commissario Straordinario di Palazzo Zanca (Sinatra), ha ricoperto l’incarico di dirigente di alta specializzazione dell’Amministrazione Provinciale dello Stretto.

A Biancavilla fu inviato dalla Regione Sicilia nel 1994, in sostituzione del commissario regionale Francesco Fazio. Nella sua breve esperienza biancavillese, tra i problemi più urgenti che si trovò ad affrontare fu quello dell’approvvigionamento idrico ed indicò il potenziamento dei servizi comunali quale punto prioritario.

Con Vernaci si chiuse un’era e un sistema di rappresentanza democratica. Dopo di lui, infatti, anche Biancavilla “scoprì” l’elezione diretta dei sindaci, consegnando la città alla lunga stagione amministrativa di Pietro Manna.

salvatore-vernaci-con-dino-laudani

Vernaci intervistato dall’ex sindaco Dino Laudani, allora coordinatore di “Biancavilla Notizie”, organo di informazione del Comune

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Il gesto di un biancavillese d’adozione: donato un defibrillatore alla città

Il dispositivo elettronico “salva vita” è già stato collocato all’ingresso del palazzo comunale

Pubblicato

il

«Conosco il valore di uno strumento come il defibrillatore. Voglio donarne uno, a titolo personale, alla città che mi ha adottato».

L’ingegnere Giovanni Lau, 39 anni, originario di Misterbianco, ha mantenuto la promessa fatta prima che il virus scombinasse i piani di tutti: donare al Comune di Biancavilla un defibrillatore per metterlo a disposizione della città.

Adesso, nel corso di una cerimonia informale, il dispositivo elettronico è stato consegnato al sindaco Antonio Bonanno. Lau era accompagnato dalla moglie, Marinella Milazzo di Biancavilla.

«È un gesto disinteressato e di grande considerazione nei confronti della nostra città – commenta il sindaco Antonio Bonanno – la sensibilità e la collaborazione dei cittadini sono la conferma che la nostra comunità è viva e solidale».

Il defibrillatore donato è stato già installato all’ingresso del Comune, con l’aiuto dell’assessore Francesco Privitera. È a disposizione di tutta la comunità.

Pochi mesi fa, a Biancavilla, ignoti hanno rubato un defibrillatore posto all’esterno del Circolo Castriota, tra Piazza Roma e via Vittorio Emanuele. «Tra qualche settimana – assicura il consigliere Salvo Pulvirenti, presente alla posa – ne arriverà uno nuovo». Il sindaco lo ha ringraziato per essersi preso cura della sostituzione dello strumento sottratto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili