Connettiti con

Cronaca

Imprenditore evade dai domiciliari, arrestato tre volte in due mesi

Pubblicato

il

via-siracusa

Via Siracusa, dove l’uomo è stato sorpreso stamattina dai carabinieri

A maggio, il primo arresto perché avrebbe chiesto il “pizzo” ad un dipendente sulla sua indennità di disoccupazione agricola. Due settimane dopo, la violazione dai domiciliari. Oggi, sorpreso in via Siracusa, di nuovo in manette.

 

di Vittorio Fiorenza

Di stare chiuso ed annoiarsi a casa non ne vuole proprio sapere. Nemmeno di fronte ad una precisa disposizione del giudice. E così, nel giro di due mesi, i carabinieri della stazione di Biancavilla lo hanno arrestato per la terza volta. Ordinata nuovamente la misura dei “domiciliari”. È quanto appreso da Biancavilla Oggi.

«Io a casa non ci resto, non mi interessa», avrebbe detto con tranquillità ai militari dell’Arma, che lo hanno sorpreso alle 7 del mattino in via Siracusa, in violazione della misura dei “domiciliari” impostagli.

Protagonista della vicenda è il 56enne Alfio Ricceri, imprenditore agricolo biancavillese, che a maggio fu arrestato con l’accusa di estorsione nei confronti di un suo dipendente, al quale avrebbe chiesto un “pizzo” di 300 euro sull’indennità di disoccupazione agricola.

Grazie alla collaborazione e alla denuncia della vittima, i carabinieri lo beccarono appena un minuto dopo avere intascato la somma di denaro. Da qui, gli arresti domiciliari in attesa del giudizio.

Due settimane dopo, però, i militari lo sorpresero fuori casa. Di nuovo manette ai polsi e ricollocazione ai “domiciliari”. Di soffiate arrivate ai carabinieri ce ne sarebbero state diverse che segnalavano l’uomo a passeggio. E così, oggi, di buon mattino, il terzo arresto.

Una condotta recidiva che in sede di giudizio peserà sull’eventuale pena da infliggere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Abbandono di rifiuti, due vigili urbani beccano una donna “insospettabile”

Gli agenti biancavillesi hanno identificato la cittadina incivile: dovrà pagare una multa salata

Pubblicato

il

Una donna “insospettabile” è stata colta da due vigili urbani di Biancavilla mentre abbandonava sacchetti di spazzatura. I due agenti, tra coloro assunti da poco, hanno provveduto ad identificare la donna, che ora dovrà pagare una salata sanzione. L’episodio è avvenuto nelle ore in cui si stava ripulendo la discarica illegale di via dei Pini.

«È il quadro impietoso del ‘riempi e svuota’ – è il commento del sindaco Antonio Bonanno – cui siamo costretti ad assistere per l’incomprensibile atteggiamento di pochi cittadini che inspiegabilmente non intendono adeguarsi a una regolare raccolta differenziata che proprio a Biancavilla dà i propri frutti con numeri record».

Il primo cittadino definisce «gesti ostili e insensati» le condotte di cittadini che di proposito violano le più elementari regole. La multa elevata alla cittadina incivile possa servire «da lezione –auspica Bonanno – a quei pochi incivili che ancora si rifiutano di aderire alla efficiente raccolta differenziata in tutto il territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti