Connettiti con

Politica

Forza Italia: «Sulla vertenza rifiuti ci sono oscurità, Glorioso chiarisca»

Pubblicato

il

Anche Forza Italia, dopo la nota di Giuseppe Milazzo del Partito democratico, interviene sulla vertenza rifiuti, partendo proprio dalle considerazioni fatte dal segretario Pd.

«È inverosimile il fatto -si legge nella nota- che ancora oggi il Pd chieda chiarezza alla ditta Dusty sul numero degli “addetti effettivi” operanti sul cantiere Biancavilla quando in data 19/01/2015, dinanzi la Sezione Territoriale del Lavoro di Catania, la Dusty, insieme ai sindacati dei lavoratori ma con l’assenza  dell’amministrazione comunale (la quale per un dovere morale ma soprattutto istituzionale nei confronti dei lavoratori avrebbe ben potuto essere presente), dichiarava che il personale avente diritto alla continuità occupazionale con l’impresa appaltatrice ad essa subentrata, è di 38 elementi totali (36 operativi e 2 amministrativi). Ma, ancora più eclatante è quanto emergerebbe dal leggere tra le righe del comunicato del Pd, parole dall’opinabile chiarezza e fondanti sospetti che alimentano legittimi dubbi».

Da qui la serie di interrogativi che pone Forza Italia: «Quali sono, e di che entità, i privilegi dei quali avrebbero usufruito i presunti falsi lavoratori a scapito dei veri lavoratori e della collettività? E chi sarebbero quei lavoratori che hanno percepito (a detta del Pd) retribuzioni, a carico dell’intera Città, ad essi non dovuti e quindi illegittimi? Le domande che naturalmente emergono sono: perché solo oggi si pone in risalto una simile ipotesi dai contorni così oscuri? Come vanno interpretati dalle parti interessate simile parole? Si vuol forse coprire qualcosa che la collettività ha il diritto di conoscere? A tutte queste domande, e alle insinuazioni che dal comunicato emergono, l’amministrazione ha indubbiamente il dovere di chiarimento».

Quanto all’appalto sui rifiuti, Forza Italia specifica: «La riduzione dei costi del servizio è certamente auspicabile, ma il modo per perseguirlo non può essere solamente il taglio del personale  ma rilanciare quella raccolta differenziata, sulla quale i cittadini avevano largamente fatto affidamento,  l’amministrazione largamente investito tra servizi e nomina di esperti del settore,  e che in principio sembrava la soluzione a tutti i problemi.  Raccolta differenziata  sulla quale, a nostro avviso, si doveva focalizzare la politica locale e che invece oggi appare come essere stata una mera illusione. Non di meno, anche la politica regionale a guida Pd, deve farsi carico di tutte le colpe ad essa addebitabili in seguito alla disastrosa gestione delle discariche».

In conclusione, Forza Italia Biancavilla, «nella speranza di una immediata soluzione alla delicata questione tutt’ora in corso, auspica che nessun grave disservizio colpisca la città e che le proteste , se messe in atto dai lavoratori,  assumano  toni pacati e civili,  nei limiti che la legalità impone».

RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
6 Commenti

6 Commenti

  1. ANTONIO

    25 Gennaio 2015 at 15:01

    Ma Pasquale Lavenia è diplomato o no?

  2. Marcello

    24 Gennaio 2015 at 19:36

    Marcello ai due cittadini in merito alla questione rifiuti, prima di parlare a vanvera non credete meglio di conoscere i fatti?

  3. tomasello vincenzo

    24 Gennaio 2015 at 0:09

    Caro sign. Pasquale ma non sarebbe il caso che risponda pubblicamente come mai vi siete accorti solo adesso di questi costi superflui ? Qualcosa dovrà avere pure delle responsabilità, si possono avere nome e cognome ? Visto che lei è il nostro esperto e la mie tasse servono a pagarle la retribuzione può rispondere alla città anziché al segretario di forza italia ?

  4. Lavenia Pasquale

    23 Gennaio 2015 at 10:46

    Sulla nota di forza italia vorrei esprimere alcune considerazioni.
    forza italia pone delle domande sul personale, e sui costi altissimi raggiunti in bolletta.
    io direi di organizzare un’incontro con il segretario di forza italia per chiarire tutti gli aspetti sui costi e servizi partendo dal 2006 ad oggi. il sottoscritto si rende disponibile da subito. sulla nomina degli esperti…..direi che sarebbe opportuno chiarire che anche forza italia chiarisca il lavoro svolto dei tanti esperti nominati dalla politica regionale, e pagati con denari di tutti i cittadini.

    • Cittadino

      23 Gennaio 2015 at 13:59

      Sig. Lavenia sono un cittadino di Biancavilla. Dia l’esempio. Cominci a dare lei delle spiegazioni. A che serve un esperto che prende 1500 euro al mese? Il Comune ha proprio bisogno di lei? Se poi mostra pubblicamente il suo diploma di ragioniere sarebbe un bell’atto di trasparenza. Non crede?

    • tomasello vincenzo

      24 Gennaio 2015 at 17:17

      Caro sign. Pasquale ma non sarebbe il caso che risponda pubblicamente come mai vi siete accorti solo adesso di questi costi superflui ? Qualcosa dovrà avere pure delle responsabilità, si possono avere nome e cognome ? Visto che lei è il nostro esperto e la mie tasse servono a pagarle la retribuzione può rispondere alla città anziché al segretario di forza italia ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Addio alla plastica, in tre scuole di Biancavilla erogatori d’acqua ecologici

Agli alunni consegnati pure borracce per eliminare quintali di bottiglie altamente inquinanti

Pubblicato

il

Nell’ambito del progetto denominato “L’acqua che fa a scuola”, finalizzato a ridurre il consumo di bottiglie di plastica, in tre scuole di Biancavilla sono stati inaugurati oggi altrettanti distributori di acqua. L’iniziativa è della società S.T.E.I. – Soluzioni e Tecnologie per l’Ecocompatibilità ed Inclusione – in collaborazione con l’amministrazione comunale.

I tre erogatori sono stati installati nell’Istituto comprensivo “Antonio Bruno”, nel plesso “San Giovanni Bosco” e nella scuola “Giovanni Verga”. Ai ragazzi è stata consegnata una borraccia che, d’ora in poi, prenderà il posto delle inquinanti bottigliette di plastica.

All’inaugurazione hanno partecipato il sindaco Antonio Bonanno, l’assessore alla Pubblica Istruzione, Luigi D’Asero, il presidente del Consiglio Comunale, Martina Salvà, il presidente della S.T.E.I., Pier Casolari, e il responsabile del progetto S.T.E.I., Giuseppe Lazzaro.

Erogatori e borracce sono stati finanziati grazie al contributo di aziende locali che hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa nel segno dell’ecologia. I rappresentanti delle aziende sponsor, presenti all’inaugurazione, hanno ricevuto i ringraziamenti dai promotori dell’iniziativa.

«Una classe – osserva l’assessore D’Asero – può consumare in un anno circa 700 kg di plastica soltanto per dissetarsi e ricorrere alle classiche bottigliette. Educare i giovani studenti ad un utilizzo ecosostenibile delle nostre risorse è il primo passo verso un approccio ecologico della nostra vita, a partire dalle cose più semplici come bere un po’ d’acqua».  

«L’acqua a portata di mano – spiega il sindaco Bonanno – è una soluzione non solo sul piano economico ma, soprattutto, su quello ambientale. In un anno ogni bambino consuma centinaia di bottiglie in Pet. Con la propria borraccia riutilizzabile e grazie al distributore di acqua microfiltrata si riduce sensibilmente il consumo di plastica. E bere torna ad essere un gesto naturale non più inquinante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili