Connettiti con

Cronaca

Due bambini tra i feriti sulla Ss 284: il loro papà in prognosi riservata

Pubblicato

il

incidente-ss284-coinvolta-intera famiglia2

I soccorsi subito dopo l’incidente in zona Scalilli (foto TeleVideoAdrano)

di Vittorio Fiorenza

Si trova ricoverato all’ospedale “Cannizzaro” di Catania e la sua prognosi rimane riservata, a causa dei diversi traumi che ha riportato. È il ferito più grave, tra i cinque coinvolti nell’incidente che ieri sera si è verificato sul tratto di zona Scalilli della Strada Statale 284.

Oltre a lui, biancavillese, feriti in maniera meno grave la moglie, che era seduta al suo fianco, e i figli di 11 e 13 anni, seduti nel sedile posteriore, e il conducente dell’altro veicolo coinvolto, un ragazzo di Adrano.

In base ad una prima ricostruzione della dinamica, la Citroen C3, guidata dall’adranita, di ritorno da Catania, avrebbe violentemente tamponato la Fiat Uno su cui viaggiava la famiglia biancavillese, fino a farla sbandare.

Da accertare se il veicolo Fiat avesse le luci posteriori spente o se la Citroen viaggiasse a velocità sostenuta. Fatto sta che l’urto ha fatto perdere il controllo dell’auto tamponata.

Per estrarre dalle lamiere i feriti è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Paternò.
Per i rilievi e le successive indagini, al lavoro i carabinieri della compagnia di Paternò.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti