Connettiti con

Politica

Ok al Bilancio in clima natalizio, slitta stabilizzazione dei precari

Pubblicato

il

di VITTORIO FIORENZA

Sulla carta è il bilancio di previsione per il 2014. Ma è stato approvato dal Consiglio Comunale di Biancavilla a dicembre, quasi sotto le feste di Natale. Un voto senza sorprese: 13 favorevoli, quanti sono i consiglieri di maggioranza, e 7 contrari, gli esponenti dell’opposizione.

L’amministrazione comunale del sindaco Giuseppe Glorioso ha vantato il contenuto dell’atto contabile e finanziario, sottolineando che «nonostante i tagli, i servizi alla persona sono stati confermati, non è stato sforato il patto di stabilità, i conti sono in ordine».

«Sul fronte degli investimenti –viene spiegato– saranno acquistati due pulmini per il trasporto scolastico urbano e sono stati stanziati 80mila euro per gli studenti universitari con bonus per i pendolari, oltre ad un bonus per i ragazzi delle scuole superiori: la platea è quella di 1600 famiglie».

Stanziati fondi per la manutenzione delle fognature «e, una volta, per tutte la situazione che si crea ad ogni pioggia in via Vittorio Emanuele, in coincidenza della sede del Partito democratico». Prevista l’accensione di un mutuo di 120mila euro che servirà per riparare il biorullo del depuratore.

Gli emendamenti

Prorogato il sostegno della Regione per i precari, l’emendamento per la stabilizzazione dei sette “contrattisti” presenti al Comune è stato nei fatti annullato: ma la discussione è semplicemente rinviata. Approvati gli emendamenti, che per ragioni tecniche, erano stati presentati dal fronte della maggioranza: uno sul servizio della gestione dei rifiuti, l’altro sui servizi sociali.

Passati all’unanimità gli interventi proposti dalla minoranza. Uno, però, è stato rimodulato su proposta del sindaco. L’intervento prevedeva l’impinguamento di 190mila euro per opere di sicurezza negli edifici scolastici. Poi è stato ridotto a 70mila euro, tenendo conto di un residuo esistente di 90mila euro per lo stesso ambito di spesa. Da qui, la condivisione di tutta l’assemblea.

Altro emendamento del Centrodestra, approvato all’unanimità, ha permesso di stanziare 7mila euro per l’acquisto di libri di testo per darli in comodato d’uso gratuito ad alunni delle scuole medie appartenenti a famiglie con basso reddito. Un’iniziativa su cui l’associazione “Giovani in azione” si era mobilitata, promuovendo anche una petizione.

Le reazioni

Dal fronte della maggioranza, Vincenzo Cantarella del Partito democratico specifica che quello votato «è un bilancio quasi di natura tecnica, vi sono pochi elementi politici (come quelli che riguardano le fognature e il depuratore), ma c’è il mantenimento dello stato sociale. Spero che, al di là dell’equilibrio formale, si volti pagina nella gestione, non incappando nelle criticità che già conosciamo perché segnalateci dagli organi preposti. Aggiungo l’apprezzamento tenuto in aula dalla minoranza e sottolineo lo sforzo non indifferente di approvare il bilancio ed emendamenti in un’unica seduta».

«Malgrado le difficoltà economiche –evidenzia con gli stessi toni Giuseppe Pappalardo di “Volare per Biancavilla”– abbiamo garantito i servizi degli anni precedenti. In ogni caso è necessario avviare una nuova fase amministrativa volta al reperimento e all’ottimizzazione delle risorse comunale attraverso nuovi canali»

«Dalle spese previste per l’illuminazione e le fognature fino al mutuo per il depuratore, sono scelte amministrative che il mio gruppo ha condiviso e quindi abbiamo contribuito ad approvare questo bilancio», spiega Grazia Ventura del gruppo CittAttiva. «Non abbiamo avuto problemi –continua la consigliera– a recepire gli emendamenti della minoranza perché è giusto integrare le loro proposte quando hanno un fine nobile. È il caso delle opere per gli edifici scolastici o la fornitura di libri a famiglie bisognose (resta da capire come sarà attuata l’iniziativa). Analogamente, però, avrei preferito che l’opposizione avesse votato favorevolmente, anziché astenersi, l’emendamento di 13.500 euro per i servizi sociali, che non era frutto di scelte politiche».

Toni ovviamente diversi dalla minoranza. «Il nostro -specifica Daniele Sapia, capogruppo di Forza Italia- è stato un voto nettamente contrario perché frutto di una programmazione sbagliata. Un provvedimento propedeutico al bilancio è stata la Tasi, una tassa su cui noi siamo stati decisamente contrari. Apprezziamo l’apertura data dai consiglieri di maggioranza ai nostri emendamenti. Ma non può bastare a farci cambiare idea sul giudizio negativo. Un giudizio dettato anche dai gravi rilievi che la Corte dei conti ha fatto sulla gestione Glorioso e che abbiamo rivisto ripetuti nell’attuale bilancio, a cominciare dai residui attivi e dalle anticipazioni di cassa».

Dal Nuovo Centrodestra, il commento di Ada Vasta: «Come l’anno scorso, siamo entrati nella fase di approvazione del bilancio a dicembre, quando le somme sono state impiegate. Questo significa svilire il ruolo del Consiglio Comunale. Oltre a questo elemento vanno considerate le criticità esposte dai revisori dei conti (dai residui attivi alla frequenza delle anticipazioni di cassa) che ancora permangono in bilancio Un bilancio che non ha visto la nostra partecipazione, pur apprezzando la scelta dei consiglieri maggioranza di votare i nostri emendamenti a favore delle scuole e degli studenti. In particolare, il nostro emendamento per gli edifici scolastici è consequenziale, per quanto riguarda me e il consigliere Mario Amato, al voto favorevole espresso per il Piano delle opere pubbliche, in cui erano previsti gli interventi di manutenzione straordinarie per le scuole. Nel bilancio, però, le somme non c’erano, così abbiamo pensato di rimpinguare i relativi capitoli».

Questione rifiuti

In pregiudiziale alla seduta del  Consiglio Comunale è stato votato un documento nel quale i consiglieri aderiscono al percorso intrapreso dall’amministrazione sul fronte della gestione dei rifiuti con riferimento alla «riduzione dei costi prevista a beneficio di tutti i cittadini. Tale scelta –si legge– pur prevedendo una diminuzione del costo complessivo del servizio, garantisce, in un’ottica di rifunzionalizzazione, il mantenimento dei servizi essenziali per la citta». Parole che hanno avuto la condivisione dei consiglieri di maggioranza, ma non quella degli esponenti del Centrodestra, che ha preferito l’astensione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

«Il sindaco ci dica se ci sono le condizioni per stare in maggioranza»

Dopo lo “strappo” in aula, intervento del gruppo “Noi per Biancavilla”: toni amari ma conciliatori

Pubblicato

il

«Amarezza per quanto accaduto e pieno consenso sulla scelta politica adottata dal consigliere Fabrizio Portale».

Si esprime in questi termini, Nino Finocchiaro, responsabile del gruppo “Noi per Biancavilla”, rappresentato in Consiglio Comunale da Portale. Il riferimento è allo “strappo” verificatosi in aula, quando il consigliere non ha partecipato al voto per la scelta dei componenti biancavillesi per l’assemblea dell’Unione dei Comuni della Val Simeto (Biancavilla, Adrano, Santa Maria di Licodia e Centuripe). Un voto che, di fatto, ha escluso Portale, preferendo altri tre componenti di maggioranza (Rosanna Bonanno, Giorgia Pennisi e Marco Cantarella), oltre all’unico componente di minoranza, Melissa Pappalardo, eletta di diritto.  

«Tale scelta operata con il consenso del sindaco Antonio Bonanno ha di fatto tradito gli impegni assunti nei riguardi della nostra lista, già esclusa da ogni rappresentanza istituzionale sia in Giunta che in Consiglio Comunale», attacca Finocchiaro, facendo eco alle dichiarazioni già espresse a caldo da Fabrizio Portale a Biancavilla Oggi. Quest’ultimo aveva “avvisato” il primo cittadino di valutare l’uscita dalla coalizione di maggioranza.

La richiesta al sindaco Bonanno

«Chiediamo al sindaco, quale garante degli impegni assunti con la nostra lista e con oltre mille cittadini che l’hanno votata, di conoscere – ribadisce ora Finocchiaro – se sussistono ancora le condizioni politiche che hanno dato luogo all’accordo in sede di campagna elettorale e se ritiene ancora necessaria ed indispensabile la nostra presenza all’interno della maggioranza».

I toni di Finocchiaro sono comunque conciliatori: «Il nostro consigliere, nell’interesse della Città, nonostante il trattamento subito è disponibile a sostenere come ha sempre fatto, tutti gli atti amministrativi che il sindaco e la Giunta Municipale fino ad oggi hanno adottato e adotteranno, previo coinvolgimento sulle scelte importanti per la nostra città. Non si può pretendere che una forza politica possa sostenere l’attività dell’amministrazione comunale, se dovesse persistere un atteggiamento di chiusura e di esclusione sulle scelte che l’amministrazione e la maggioranza che la sostiene compiono nell’adozione degli atti amministrativi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti