Connettiti con

Politica

Glorioso risponde alla Corte dei conti sulla «gestione comunale non sana»:

Pubblicato

il

pippo-glorioso

«I rilievi della Corte dei conti scaturiscono dalla consueta attività di controllo sui bilanci, preventivi e consuntivi, degli Enti locali. Siamo quindi in presenza di verifiche che avvengono in modo assolutamente ordinario che, per quanto ci riguarda, rappresentano un’attività di supporto ed ausilio per il Comune nella gestione economico-finanziaria. Infatti, occorre precisare che, in prima istanza, la Corte aveva comunicato 18 rilievi che, in seguito alle relazioni dettagliate del Comune e agli approfondimenti istruttori eseguiti dalla stessa Corte, sono stati ridotti a 8».

Il sindaco Glorioso risponde alle contestazioni mosse dalla sezione siciliana della Corte dei conti sulla gestione finanziaria, definita «non sana», del Comune di Biancavilla. Una serie di rilievi, pubblicati da Biancavilla Oggi, che dovranno essere vagliati dal Consiglio Comunale per i dovuti correttivi.

Il primo cittadino si sofferma sui singoli aspetti tecnici, rispondendo così:

  1. in merito ad un asserito “squilibrio” tra entrate e spese correnti, aventi carattere non ripetitivo, la Corte non ha tenuto debitamente conto del fatto che, a fronte di entrate non ripetitive per 1.046.672,59 euro sono state contabilizzate spese straordinarie per 1.334.785,57 euro (ben superiori alle entrate) il che comporta che la differenza è stata coperta da entrate ordinarie e, dunque, non straordinarie;
  2. per quanto attiene al ricorso ad anticipazioni di cassa occorre chiaramente dire che ciò è causato da fenomeni tanto fisiologici quanto esogeni alla gestione amministrativa quali, su tutti, il tardivo trasferimento delle risorse regionali del Fondo Autonomie Locali e dei fondi dello Stato. Inoltre, le scadenze infrannuali dei pagamenti di tributi e tariffe locali comporta di per se uno sfasamento tra i pagamenti (che si sostengono dal 1° gennaio) e le entrate che vengono incassate in tempi successivi, come ad esempio l’IMU 16 giugno e 16 dicembre, la tariffa acquedotto 30 ottobre 2013 e 31 gennaio 2014;
  3. merita un più approfondito e puntuale esame la questione attinente alla riscossione dei tributi e la presenza di diversi residui attivi, cioè i crediti che il Comune vanta nei confronti – sostanzialmente – dei cittadini. L’Amministrazione comunale ha svolto una serie di azioni finalizzate al recupero di questi “crediti”: i residui attivi di natura tributaria antecedenti al 2008, oggetto dei rilievi della Corte, hanno visto una significativa riduzione: se all’atto delle prime controdeduzioni dell’organo di revisione (7 luglio scorso) era solo di 100 mila euro, oggi è di quasi 400 mila euro, con un sensibile miglioramento della situazione creditoria nell’ottica del percorso virtuoso intrapreso dall’Amministrazione;
  4. relativamente all’imputazione di alcune voci tra i servizi in conto terzi, c’è da dire che in assenza di bilancio di previsione, e nei casi di necessità, sono state movimentate le voci per servizi in conto terzi che, essendo di pari importo in entrata ed in uscita, anche qualora fossero state inserite nelle più corretti voci di entrata ed uscita non avrebbero comportato alcuno sforamento del “Patto di stabilità”;
  5. diversa è la vicenda attinente al rapporto credito/debito nei confronti dell’Ato “Simeto Ambiente”, dal momento che esiste un contenzioso in corso proprio in ordine alla quantificazione dei rapporti creditori/debitori fra Comune e Società;
  6. per quanto attiene poi il “piano generale di sviluppo” gli elementi programmatici sono assolutamente presenti e contenuti nelle Relazioni Previsionali e Programmatiche approvate dal Consiglio comunale in sede di Bilancio, mentre il sistema dei controlli, avviato nel 2013, prevede una serie di implementazioni successive;
  7. sui “servizi esternalizzati”: gratuita e non supportata appare l’affermazione che il “Comune ha rinunciato al risparmio a vantaggio dell’Ente” preferendo affidare all’esterno i servizi. Al contrario, proprio quest’Amministrazione ha disposto la gestione diretta dei servizi in precedenza affidati all’esterno, come ad esempio la gestione dei parcheggi a pagamento. Così come è necessario sottolineare come gli “affidamenti diretti” sono coerenti con la normativa e riguardano per lo più spese di piccolo importo, come le cosiddette manutenzioni spicciole, spesso causate da fatti urgenti e, quindi, non sempre prevedibili;
  8. sul “Piano Triennale delle Opere pubbliche”, il basso grado di realizzazione che è causato dal fatto che alla progettazione non sempre corrisponde la disponibilità delle risorse, ma senza la previsione dei progetti non sarebbe possibile accedere a possibili finanziamenti;
  9. l’elevata percentuale di giudizi è, invece, frutto di citazioni ricevute dal Comune rispetto alle quali occorre costituirsi, previa verifica degli Uffici. Il che comporta necessariamente oneri per l’Ente. Chiaramente, l’Ente si è prodigato e continuerà a prodigarsi a monitorare il contenzioso esistente per la chiusura delle liti, anche in via transattiva, quando ve ne siano i presupposti.

 «Chiaramente i rilievi della Corte verranno tenuti in considerazione – conclude Glorioso – è necessario però dire le cose come stanno e non associare al Comune di Biancavilla comportamenti o modi di agire che non appartengono all’Amministrazione che rappresento».

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Carenza idrica, riunione d’urgenza a Biancavilla: stanziati 85mila euro

Disservizi in varie zone: sopralluogo nei pressi di viale dei Fiori, dove i disagi sono più marcati

Pubblicato

il

A Biancavilla, come nel resto della Sicilia, si registra una carenza idrica che sta portando una serie di disservizi in viarie zone. L’abbassamento delle falde nei tre pozzi cittadini ha prodotto un calo di circa 13 litri al secondo. Per affrontare e risolvere i disagi, l’amministrazione comunale ha stanziato 85mila euro da utilizzare per la manutenzione straordinaria dei pozzi.

Una riunione convocata d’urgenza dal sindaco Antonio Bonanno ha chiamato al palazzo comunale gli assessori Vincenzo Giardina e Mario Amato. Con loro anche il capo area del settore, il responsabile della Protezione Civile del Comune e i fontanieri comunali.

«Grazie alle risorse messe in campo – dice Bonanno – provvederemo a spurgare i pozzi e ad attuare interventi migliorativi che ci permettano di recuperare l’acqua perduta e tornare ai normali livelli di erogazione. Nel frattempo abbiamo attivato la Protezione Civile per mettere sin da subito a disposizione dei cittadini un’autobotte per il rifornimento delle abitazioni rimaste all’ascolto. Un’autobotte comunale – lo ricordo – è attiva da giorni».

Un sopralluogo del primo cittadino e dell’assessore Giardina è stato effettuato nella zona di Viale dei Fiori, dove l’erogazione idrica, in maniera più marcata rispetto ad altre aree cittadine, si muove a macchia di leopardo. In altre zone sono state riscontrate delle perdite in corso di riparazione.

Un’emergenza siciliana

«Va da sé che a nessuno di noi sfuggono le dimensioni della crisi idrica in atto, fenomeno di vasta portata che ha indotto il presidente della Regione Siciliana Schifani a chiedere lo stato di emergenza e a invitare tutti i siciliani a un utilizzo razionale della risorsa acqua. Sulla scorta di queste sollecitazioni, anche il Comune di Biancavilla – sottolinea Bonanno – emanerà nei prossimi giorni una serie di direttive affinché nessuno sciupi l’acqua che ha a disposizione». 

Le ditte che dovranno eseguire i lavori di manutenzione straordinaria sono già stata incaricate. Nei prossimi giorni i cittadini saranno avvertiti in tempo utile quando l’erogazione dai pozzi sarà interrotta per consentire gli interventi.

«Rivolgo sin d’ora un appello a tutti i biancavillesi a razionalizzare l’acqua. Sappiate – conclude il sindaco – che alla questione idrica la mia amministrazione sta dando priorità assoluta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti