Connettiti con

Fuori città

I «Lupi dell’Etna» scalano le Dolomiti, in mountain bike per oltre 80 km

Pubblicato

il

di VITTORIO FIORENZA

Di forza di volontà ce ne vuole a non finire. Perché quella muscolare non basta. Non è soltanto un gioco di polpacci, bicipiti e quadricipiti femorali. Testa e cuore, sangue freddo e passione fanno la differenza. Il percorso è faticoso, anzi massacrante: 84 lunghi chilometri tracciati su un dislivello di 4300 metri. Ma i “Lupi dell’Etna” non si sono tirati indietro.

Partenza da Selva di Valgardena. Lo scenario è quello incantevole delle Dolomiti. La gara del Sellaronda (che prende il nome dal percorso sciistico e stradale intorno al gruppo del Sella) è ritenuta la più dura al mondo in mountain bike. Alla competizione di rilevanza internazionale hanno partecipato oltre 4000 atleti di 40 paesi diversi.

Tra loro, anche tre dell’associazione sportiva biancavillese “Lupi dell’Etna”: Nicola Milazzo di Biancavilla e Santo Benfatto e Andrea Chiantello di Paternò, i quali hanno portato a termine l’intero percorso, conquistando il titolo di “Heroes”. Avrebbero potuto optare per l’itinerario più “soft” di 62 km, ma hanno voluto affrontare quello più lungo degli 84.

«Non pensavo di partecipare alla Sellaronda Hero –racconta Nicola Milazzo– ma, convinto dagli altri due “Heroes”, nell’ottobre 2013, ho provveduto all’iscrizione. In meno di 24 ore si sono esauriti i posti disponibili e ciò fa capire l’importanza di questa competizione. L’esperienza è stata unica ed indimenticabile. Una vera arrampicata sulle cime dolomitiche in un solo giorno: è stata una grande fatica ma ripagata dalla soddisfazione di esserci riusciti».

Tutti e tre sempre insieme, uno affianco all’altro, fino al traguardo. «Il percorso –continua ancora Nicola– conduce intorno al massiccio del Sella e al Sassolungo, passando per la Val Gardena, l’Alta Badìa, Arabba, la Val di Fassa e l’Alpe di Siusi. Emozionante passare sul Pordoi. Immense ed infinite salite ma tagliare il traguardo tutti e tre insieme dà il senso dello spirito di unione di questo gruppo. Insomma, abbiamo chiuso la più difficile gara del pianeta con grande felicità».

Un orgoglio per i “Lupi dell’Etna – Etna Wolves”. L’associazione con sede a Biancavilla, presieduta da Salvo Bonanno, ha come finalità la promozione e la diffusione dell’attività sportiva del ciclismo in tutte le sue forme, intese come strumento di aggregazione e socializzazione tra gli individui, valorizzando e promuovendo il territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cultura

Gerardo Sangiorgio ricordato a Modena: «Mio padre nell’orrore dei lager nazisti»

L’esperienza del biancavillese sopravvissuto ai campi di sterminio raccontata a Levizzano Rangone

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Nella Giornata della Memoria, la figura di Gerardo Sangiorgio – biancavillese deportato nel 1943 nei lager nazisti per avere detto no alla Repubblica di Salò, coerentemente con i suoi principi morali e cristiani – ricordata anche in Emilia Romagna.

Il figlio di Gerardo, Placido Antonio (collaboratore di Biancavilla Oggi), è stato ospitato nella scuola “Celestino Cavedoni” di Levizzano Rangone (frazione di Castelvetro di Modena). Un incontro voluto dai docenti e dalla dirigente scolastica. Qui, Placido Antonio, ha trasmesso ai bambini di quarta e quinta elementare il messaggio e l’esempio del padre (scomparso nel 1993).

«La storia di mio padre –sottolineato Placido– è la storia di tanti ragazzi che nel momento della scelta seppero mettere a repentaglio la loro stessa vita, per un ideale più grande e dal valore universale».

«La voglia di conoscere la storia –ha proseguito– incontra la forza trainante delle storie di vita, in questo terreno c’è il seme dell’umanesimo. Quello che i lager intendevano obliare e che oggi le studentesse e gli studenti chiedono quale terreno di crescita, denominatore di coesistenza tra i popoli, indice di civiltà».

Dopo il suo intervento e la sua testimonianza, tante domande da parte dei bambini e degli insegnanti, riguardanti anche Biancavilla. A conclusione dell’incontro, un insegnante ha letto anche alcuni brani tratti sulla Shoah.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.