Connettiti con

In città

Biancavilla in maglia rosa: il 10 maggio il Giro d’Italia passa dalla nostra città

Il sindaco Bonanno esulta: ci sarà un traguardo volante e i riflettori saranno sulla “Salita Pantani”

Pubblicato

il

È una notizia storica per Biancavilla: il prossimo 10 maggio la 150esima edizione del Giro d’Italia di ciclismo farà tappa nella nostra città. La notizia è stata resa ufficiale da oggi: nel sito del Giro d’Italia 2022, infatti, è visibile la mappa che riguarda Biancavilla. Si tratta della tappa numero 4 Avola-Etna-Nicolosi di 166 km.

Un traguardo volante interesserà Biancavilla e poi protagonista assoluta sarà la “Salita Pantani”. È il meraviglioso percorso – inaugurato nel luglio scorso, con una stele dedicata al “Pirata” – che da Biancavilla si inerpica fino al Rifugio Sapienza, sull’Etna. Venti chilometri durante i quali i media nazionali e internazionali accenderanno i riflettori sul versante pedemontano – poco conosciuto, a dire il vero – che l’amministrazione ha battezzato la “terza porta dell’Etna”.

«Il Giro d’Italia – esulta il sindaco di Biancavilla, Antonio Bonanno – attraverserà tutta Biancavilla e potrà così ricevere la calorosa accoglienza di una città che ha sempre coltivato la passione per il ciclismo. Sono felice perché si tratta di un ritorno d’immagine di grande impatto per tutto il nostro territorio. Un grazie di cuore all’assessore regionale al Turismo, Manlio Messina, che ha accolto le nostre richieste chiedendo all’organizzazione del Giro d’Italia di valorizzare questo versante che porta alla Montagna. Ringrazio anche il sindaco metropolitano di Catania, Salvo Pogliese, e Sandro Pappalardo dell’Enit per avere favorito questa splendida operazione».

«L’inaugurazione, pochi mesi fa, della “Salita Pantani” – osserva l’assessore allo Sport, Marco Cantarella – ci ha portato fortuna. Ora quel percorso avrà un battesimo di grande prestigio. E la città di Biancavilla ne beneficerà non soltanto a livello di immagine ma anche sul piano concreto: va da sé, infatti, che con il passaggio del Giro d’Italia tutte le strade cittadine saranno sistemate a dovere».

«È bello – commenta l’assessore regionale al Turismo, Manlio Messina – che il Giro d’Italia venga a visitare questo versante del vulcano non ancora valorizzato a pieno. Il percorso che da Biancavilla porta al Rifugio Sapienza è davvero uno spettacolo della natura».

Esprime soddisfazione anche il sindaco metropolitano Salvo Pogliese: «Il passaggio del Giro d’Italia nella provincia di Catania è una vetrina di grande prestigio grazie alla quale possiamo promuovere tutto il territorio». © RIPRODUZIONE RISERVATA   

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In città

Riconoscimento al dott. Calaciura per il suo impegno nella sanità

Targa consegnata al medico biancavillese in occasione di un incontro del Lions club

Pubblicato

il

Si è distinto per «il suo impegno sanitario svolto con disponibilità e competenza a favore della Comunità». Sono queste le motivazioni del riconoscimento dato al dott. Giuseppe Calaciura, medico biancavillese, già direttore generale dell’Asp di Catania. Al dott. Calaciura consegnata una targa, in occasione di incontro sulla Sanità, organizzato dal Lions Club Adrano Bronte Biancavilla, presieduto da Graziella Portale.

Le motivazioni che hanno spinto i soci dell’associazione a questo riconoscimento sono state enunciate dal past president Giosuè Greco, promotore dell’evento assieme a Salvuccio Furnari, che ha moderato l’incontro.

Il confronto si è svolto nella sala consiliare di Biancavilla. Tanti gli operatori sanitari e cittadini, che hanno apprezzato il gesto del Lions verso l’autorevole personalità biancavillese.

L’incontro si è incentrato sul tema “Sanità pubblica e privata, un’integrazione possibile?”. Sono intervenuti il direttore sanitario dell’Asp CT, Antonino Rapisarda, e il presidente regionale Aceres, Michele Sciuto.

Evidenziate le cause delle criticità in atto: le lunghe liste di attesa, le dimissioni e la carenza di personale. Ma anche i sovraffollamenti nei Pronto Soccorsi.

Espresso l’auspicio di una revisione della rete ospedaliera e della medicina territoriale. L’intento è dare seguito alle disposizioni che stanno maturando in ambito regionale per una proficua collaborazione tra Pubblico e Privato. Ne trarrebbero benefici i cittadini bisognosi di cure sanitarie e garantire il diritto costituzionale alla salute.

Presenti il sindaco Antonio Bonanno, il presidente del Consiglio Comunale Gianluigi D’Asero, il presidente di zona Lions, Dino Distefano, il dirigente Asp Franco Luca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti