Connettiti con

Cronaca

Blitz “Report”, il Tribunale del riesame rimette in libertà Alfio Giuffrida

L’avv. Turi Liotta: «Abbiamo sostenuto l’insussistenza dei gravi indizi di reità e l’inesistenza di ragioni cautelari»

Pubblicato

il

Alfio Giuffrida torna in libertà. L’imprenditore edile di Biancavilla, coinvolto nell’inchiesta antimafia “Report” condotta dalla Guardia di finanza di Catania e coordinata dalla Dda, era stato posto ai “domiciliari”. Su istanza del suo legale, l’avv. Turi Liotta, il Tribunale del riesame di Catania, ha annullato l’ordinanza di custodia domiciliare.

«Abbiamo sostenuto sia l’insussistenza dei gravi indizi di reità del reato contestato, sia l’inesistenza di ragioni cautelari», viene sottolineato dalla difesa.

Le motivazioni della decisione della quinta sezione penale del Tribunale etneo, presieduta dal giudice Ignazia Barbarino, saranno depositate entro 45 giorni.

Giuffrida, persona incensurata, è incappato nell’inchiesta – che ha portato a 18 arresti e ad una quarantina di indagati – in una serie di circostanze per il recupero di un credito derivante dall’esecuzione di lavori in un locale di Catania.

All’imprenditore biancavillese vengono contestati fatti riferiti al periodo tra il dicembre 2017 e il febbraio 2019. Episodi, ricostruiti con intercettazioni ambientali e telefoniche, che lo vedono coinvolto con gli indagati Girolamo Brancato (esponente del clan “Laudani”) e Antonino Puglisi.

Agli arresti domiciliari da metà dicembre, l’imprenditore biancavillese riacquista adesso la sua libertà e affronterà, così, gli sviluppi e le tappe del procedimento penale scaturito dall’operazione “Report”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Abbandono di rifiuti, due vigili urbani beccano una donna “insospettabile”

Gli agenti biancavillesi hanno identificato la cittadina incivile: dovrà pagare una multa salata

Pubblicato

il

Una donna “insospettabile” è stata colta da due vigili urbani di Biancavilla mentre abbandonava sacchetti di spazzatura. I due agenti, tra coloro assunti da poco, hanno provveduto ad identificare la donna, che ora dovrà pagare una salata sanzione. L’episodio è avvenuto nelle ore in cui si stava ripulendo la discarica illegale di via dei Pini.

«È il quadro impietoso del ‘riempi e svuota’ – è il commento del sindaco Antonio Bonanno – cui siamo costretti ad assistere per l’incomprensibile atteggiamento di pochi cittadini che inspiegabilmente non intendono adeguarsi a una regolare raccolta differenziata che proprio a Biancavilla dà i propri frutti con numeri record».

Il primo cittadino definisce «gesti ostili e insensati» le condotte di cittadini che di proposito violano le più elementari regole. La multa elevata alla cittadina incivile possa servire «da lezione –auspica Bonanno – a quei pochi incivili che ancora si rifiutano di aderire alla efficiente raccolta differenziata in tutto il territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti