Connettiti con

Cultura

“Santu, riccu e furtunatu”, ecco il libro fotografico su padre Brancato

Pubblicato

il

Un impegno sacerdotale e un’azione sociale che, a Biancavilla, attraversano e oltrepassano il Novecento. È la storia di padre Placido Brancato, scomparso lo scorso novembre da decano della Diocesi di Catania, lasciando un ricordo vivo che accompagna diverse generazioni.

Una storia raccontata adesso nel nuovo libro pubblicato da Nero su Bianco Edizioni e curato da Giuseppe Gugliuzzo e Giuseppe Ciadamidaro. Si intitola “Santu, riccu e furtunatu”: un chiaro richiamo al saluto che l’anziano prete era solito ripetere. Una pubblicazione che racchiude una biografia essenziale, raccoglie una serie di testimonianze e, soprattutto, custodisce un preziosissimo album fotografico.

Immagini d’epoca inedite, che si possono ammirare grazie alla disponibilità della parrocchia Annunziata (retta da padre Brancato per quasi mezzo secolo) e che raccontano la vita del sacerdote e parte della storia “sociale” cittadina. Momenti di vita personale o di incontri con i confratelli, momenti “corali” di vita comunitaria, dall’Azione Cattolica all’oratorio “Don Bosco”: tantissime foto sottratte dai cassetti impolverati e salvate in questo “scrigno editoriale” ora fruibile da tutti. Non una banale “operazione nostalgia”, ma il recupero e la condivisione di porzioni di memoria storica locale, come indicato nello scopo statutario della casa editrice biancavillese, già sperimentato (con grande apprezzamento dei lettori) nelle precedenti pubblicazioni.

Il libro di Gugliuzzo e Ciadamidaro verrà presentato nella chiesa dell’Annunziata, sabato 13 luglio, alle ore 20. Un evento culturale che vuole essere un omaggio a padre Brancato, a meno di un anno dalla sua scomparsa.

La presentazione vedrà la presenza dell’arcivescovo di Catania, mons. Salvatore Gristina. All’incontro, che sarà moderato da Salvuccio Furnari, oltre ai due autori e all’editore Vittorio Fiorenza, interverranno il parroco, don Antonino Tomasello, ed il vicario foraneo, don Giovambattista Zappalà, che nel 2000 subentrò proprio a padre Brancato nella guida dell’Annunziata e che ha firmato la prefazione al libro.

►ACQUISTA IL LIBRO ONLINE

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cultura

Il premio “Tullio De Mauro” assegnato ad Alfio Lanaia: la cerimonia a Roma

Importante riconoscimento per il volume “La Sicilia dei cento dialetti” edito da “Nero su Bianco”

Pubblicato

il

Il saggio è stato valutato dalla giuria tra 500 opere. Per il suo valore culturale e scientifico, il volume “La Sicilia dei cento dialetti”, pubblicato da “Nero su Bianco Edizioni”, ha vinto il premio “Tullio De Mauro”. Un premio inserito nell’ambito del concorso “Salva la tua lingua locale”, giunto alla sua decima edizione, indetto dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia (Unpli).

L’autore del volume, Alfio Lanaia, biancavillese, studioso di linguistica e dialettologia, ha ricevuto il riconoscimento in Campidoglio, a Roma. Una cerimonia condotta da Adriana Volpe.

La giuria, presieduta dal prof. Salvatore Trovato, ha selezionato la ricerca pubblicata da “Nero su Bianco”, ritenendola la più meritevole. Il premio a Lanaia è stato consegnato dalla moglie dell’illustre e compianto linguista, cui il riconoscimento è dedicato, oltre che dal presidente dell’Unpli, Antonino La Spina.

Una storia dientro ogni parola

«Il libro da me scritto – spiega Lanaia – contiene la spiegazione di parole ed espressioni del dialetto siciliano. Ne faccio l’etimologia e tento per ognuna di trovare una storia. Il dialetto, rispetto, all’italiano va regredendo. Le parole e le espressioni prese in esame, così, le ho in qualche modo salvate».

Sono tante le storie e le curiosità celate dietro alle parole e alle espressioni dei dialetti in Sicilia. In un compromesso tra divulgazione e rigore scientifico, Alfio Lanaia ci accompagna in un appassionante viaggio linguistico. Piglio ironico ed arguto, punti di osservazione privilegiati ed originali. Così ci fa scoprire quella dialettalità antica e nuova che nell’Isola resiste e si rigenera, nell’uso orale quotidiano, nelle opere letterarie, sul web, nelle app di messaggistica e nei social network. Pagina dopo pagina, la scoperta suscita una meraviglia crescente per quello che le parole sanno raccontare e per la storia che veicolano. Un volume da leggere con sorriso ed intelligente divertimento.

Nel 2018, inoltre, un altro saggio di Alfio Lanaia, “Di cu ti dìciunu? Dizionario dei soprannomi a Biancavilla”, aveva vinto il premio “Salva la tua lingua locale”. Un ulteriore contributo scientifico con taglio divulgativo nello studio del nostro dialetto.

Un premio prestigioso che compie 10 anni

«Il dialetto è la lingua delle emozioni e degli affetti, il cordone ombelicale che lega le diverse generazioni ai territori. Ogni singola espressione dialettale – evidenzia il presidente dell’Unpli e del comitato Sicilia dell’Unpli, Antonino La Spina – porta con sé parte della storia e delle tradizioni dei nostri luoghi che altrimenti andrebbero irrimediabilmente persi».

«Da dieci anni – prosegue La Spina – il premio nazionale “Salva la tua lingua locale”, grazie alla qualità delle opere presentate, ha contribuito fattivamente affinché sia sempre maggiore l’attenzione per la tutela dei dialetti e del patrimonio immateriale culturale che essi rappresentano».

ACQUISTA IL VOLUME

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.