Connettiti con

Chiesa

Gruppo “Sicomoro” in streaming: così la Via Crucis diventa “social”

Pubblicato

il

passion-mel-gibson

Proiezioni video tratte dal film di Mel Gibson, effetti sonori e soprattutto coinvolgimento dei giovani attraverso i “social” e la loro partecipazione attiva con l’uso della diretta Facebook. Una Via Crucis 2.0, insomma, quella che sarà proposta nella chiesa di Tutte grazie.

L’evento, rivolto ai giovani di Biancavilla, si terrà venerdì 31 marzo, alle ore 20. Un’edizione speciale della Via Crucis, organizzata da “Sicomoro”, gruppo parrocchiale dell’Annunziata, che già in passato ha creato occasioni di coinvolgimento per la tradizione secolare del memoriale della Passione di Gesù.

La particolarità di quest’anno è il tentativo di andare oltre la territorialità parrocchiale, attraverso i social media, grazie alla tecnologia streaming che permette la trasmissione in tempo reale.

«Il nostro tentativo –spiega a Biancavilla Oggi Salvo Cocina, uno dei responsabili del gruppo Sicomoro– è quello di far arrivare il messaggio che la Chiesa da millenni tramanda alle nuove generazioni, soprattutto quelli distanti dal mondo delle parrocchie, che seguono dall’esterno, con molta disinvoltura, le attività da noi svolte».

L’esperimento vuole presentare in maniera moderna e attuale una delle storie più antiche e dibattute della storia umana, utilizzando anche moderne tecniche di montaggio video, proiezioni ed effetti sonori. Il tutto avverrà all’interno di una piccola rettoria, la Chiesa di Tutte grazie, che da tempo è utilizzata dallo stesso gruppo parrocchiale per ospitare Casa Madre Teresa di Calcutta, iniziativa con la quale vengono raccolti e distribuiti settimanalmente indumenti a famiglie bisognose.

gruppo-sicomoro-con-padre-zappala

Il gruppo Sicomoro con padre Zappalà

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Addio a fra Salvatore Barbagallo: fu docente di liturgia all’Antonianum

Aveva 67 anni: originario di Biancavilla, si era dedicato per tutta la vita al mondo accademico

Pubblicato

il

È morto all’età di 67 anni fra Salvatore Barbagallo della Provincia dei Frati Minori di Sicilia. Originario di Biancavilla, era stato docente di Liturgia prella la Facoltà teologica della Pontificia Università Antonianum di Roma.

Nato il 26 giugno 1956, nel 1992 ha conseguito il Dottorato in Liturgia presso il Pontificio Ateneo Sant’Anselmo. È stato preside dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Redemptor Hominis” e professore di Liturgia presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra.

Autore di saggi, libri e articoli, nel 1996 aveva pubblicato “Iconografia liturgica del Pantokrator”, per i tipi delle Edizioni Pontificium Athenaeum Anselmianum.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti