Connettiti con

Biancavilla siamo noi

Un cittadino lancia petizione online: «Consegnateci il nuovo ospedale»

Pubblicato

il

Blog Biancavilla siamo noi

Gentile redazione di Biancavilla Oggi,

mi chiamo Alfio Rubino, ho 34 anni, e mi definisco un “biancavillese doc” abituale lettore di Biancavilla Oggi. Invio questa mail in quanto vorrei chiedere il vostro supporto poiché ho lanciato una petizione online a favore dei cittadini biancavillesi affinché si acceleri l’apertura del già pronto ospedale di Biancavilla.

Il mio prossimo passo sarà proprio quello di scendere fisicamente in piazza per la raccolta delle firme.

Tutto questo interesse nasce da uno spiacevole episodio di disservizio capitato al già ospedale esistente a mia figlia di 5 anni, di cui ho rilasciato una dichiarazione pubblica all’emittente Video Star.

Mi sto impegnando in prima persona perché quello che è capitato alla mia piccola non vorrei che capitasse agli altri bambini, come purtroppo sta avvenendo ma sono pochi gli utenti che fanno le segnalazioni. Lo faccio per il bene della nostra collettività.

Non ho nessun potere politico, ma credo che in questa mia iniziativa seva la volontà della gente di farsi sentire.

Certo che la presente venga accolta, porgo i miei ringraziamenti e congratulazioni per il vostro giornale. Qui sotto il link della petizione online.

Alfio Rubino

►FIRMA LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG

Ospedale nuovo

BIANCAVILLA SIAMO NOI. Questo spazio è aperto a tutti i nostri lettori, affinché possano esprimere un pensiero, una proposta, un suggerimento su tematiche locali o denunciare disservizi, inadempienze, soprusi da parte della pubblica amministrazione. Chiediamo un’esposizione chiara e un linguaggio rispettoso nei confronti di tutti. Saremo ben lieti di ospitare i vostri contributi, nel segno della partecipazione attiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Biancavilla siamo noi

«Chiusi in casa per causa Covid, nessuna risposta dagli operatori Usca»

Segnalazione di una mamma di Biancavilla: «Trattati come carne da macello, siamo esasperati»

Pubblicato

il

Devo segnalare, purtroppo, la mancanza di rispetto da parte degli operatori Usca. Mi sono ritrovata a dovere fare due telefonate di 50 minuti. Sono stata in attesa a lungo, senza ricevere risposta. Siamo persone che abbiamo necessità, dovuta a questo maledetto virus. Stiamo soffrendo a restare chiusi a casa.

Abbiamo chiamato per correggere degli errori fatti da loro, avendo messo in quarantena persone con ciclo vaccinale completo. Eppure non si degnano a risponderci.

Per favore, evidenziate questa situazione, nella quale si trovano altri come noi. Per favore, non siamo carne da macello. Non è giusto che veniamo trattati in questo modo al punto da esasperarci. Siamo persone che abbiamo bisogno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili