Connettiti con

Pubblicato

il

Ecco la nuova chiesa “Santissimo Salvatore” di Biancavilla. In un video, curato da Salvo Diolosà e Giovanni Stissi, padre Salvatore Verzì presenta alla comunità l’interno dell’edificio sacro, realizzato con fondi della Conferenza Episcopale Italiana e un contributo del Comune.

A tre anni dall’avvio dei lavori con la simbolica posa della prima pietra, l’opera adesso è stata completata. Il 5 giugno prevista la cerimonia di dedicazione con l’arcivescovo di Catania, Salvatore Gristina, la comunità parrocchiana ed il sindaco Antonio Bonanno.

Padre Verzì specifica che, a causa del Covid, l’ingresso sarà contingentato. Ma sarà allestito un maxischermo per consentire ai fedeli e agli abitanti del quartiere di seguire la cerimonia. Intanto, il breve video mostra la nuova chiesa così come si presenta oggi. Linee moderne su progetto dell’ing. Maurizio Erbicella.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Un anno fa la morte di padre Nicoletti, svelata una lapide commemorativa

Il decesso, all’età di 79 anni, era avvenuto in sagrestia pochi minuti dopo il termine della messa

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Una chiesa gremita di fedeli per partecipare alla messa in suffragio di padre Salvatore Nicoletti, storico parroco dell’Idria. Poi, la svelata di una lapide commemorativa, posta sulla facciata della casa parrocchiale di via Gemma.

Così è stato ricordato il sacerdote biancavillese, ad un anno di distanza dall’improvvisa scomparsa all’età di 79 anni. Il decesso era avvenuto proprio nella sagrestia della chiesa dell’Idria al termine della celebrazione eucaristica da parte sua.

La comunità parrocchiale, il parroco Giovambattista Zappalà ed il sindaco Antonio Bonanno hanno voluto rendere omaggio alla sua memoria.

«In ricordo del sac. Salvatore Nicoletti, parroco di “S. Maria dell’Idria” dal 1985 al 2018, passato dall’eucaristia della terra alla liturgia del cielo», si legge nella targa marmorea.

Un prete apprezzato per la sua sobrietà, lontano da toni cerimoniosi e sfarzi retorici. Diceva sempre che avrebbe voluto morire con i paramenti sacri: così è stato. Una vocazione maturata in età adulta, la sua. Il suo impegno si è concentrato soprattutto ad accompagnare, nel loro cammino, i gruppi neocatecumenali.

© RIPRODUZIONE RISERAVATA

Continua a leggere

I più letti