Connettiti con

Storie

Pasquale e i suoi compagni di classe, una bella storia raccontata da Le Iene

Pubblicato

il

Un bell’esempio di inclusione e amicizia, quello raccontato sul sito de “Le Iene”. È la storia di Pasquale, alunno della 5a C del Primo circolo didattico di Biancavilla, affetto da sindrome di Down, ben voluto ed aiutato dai suoi compagni di classe.

A contattare la trasmissione di Italia 1 è stata l’insegnante Fina Greco: «Care Iene, non vi scrivo per denunciare o per segnalare qualcosa, ma semplicemente per esaltare la gioia, l’amore e la grandissima fortuna di avere in classe un tesoro come Pasquale, affetto da sindrome di Down. Quando sento parlare di emarginazione e rifiuto mi vengono in mente i miei bambini, che lo adorano, e penso a quanto siano fortunati ad averlo in classe, perché per loro l’accettazione e l’accoglienza rappresentano la normalità. Lui li ha fatti crescere, anche se inconsapevolmente, con una visione verso qualsiasi tipo di handicap completamente diversa ed unica».

►GUARDA IL VIDEO

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Storie

La movida oltre l’inciviltà, il gesto di un giovane: trova 50 euro e li restituisce

Un’azione “controcorrente”, nei posti del ritrovo serale di Biancavilla, spazza via certi luoghi comuni

Pubblicato

il

Pronunci la parola “movida” e a Biancavilla scatta l’automatismo dell’inciviltà diffusa. Purtroppo alle verità evidenti di un fenomeno sociale ultraventennale, si mischiano spesso –per dipingerlo come un male da estirpare– luoghi comuni, strumentalizzazioni e indignazioni a convenienza. In base alle stagioni (politiche), cambiano le visuali.

Ma al di là dei buzzurri, dei devastatori, dei violenti, dei maleducati e dei dispensatori di piscio e vomito ad ogni angolo, c’è anche ben altro panorama.

Ecco perché ci piace evidenziare il piccolo gesto compiuto da un giovane fruitore della “movida”. Il ragazzo, biancavillese, ha trovato, proprio nei luoghi del ritrovo del centro storico, una banconota di 50 euro. Avrebbe potuto intascarsela o spenderla subito in birre ed alcolici. Invece, l’ha restituita al locale, nel tentativo di risalire alla persona che l’aveva persa.

«La notte tra sabato e domenica –ci racconta questo giovane, che desidera l’anonimato perché non vuole applausi– ho trovato 50 euro all’interno del pub “B.B.King”. Li ho lasciati in cassa al proprietario con la promessa che avrebbe guardato le telecamere per risalire al legittimo proprietario».

Un gesto non scontato e che, proprio per questo, fa “notizia”, stridendo con la litania di chi vuole dipingere un’intera generazione fatta soltanto da “persi” e irrecuperabili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA  

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili