Connettiti con

Cultura

Dal mito del “Che” alla vita in Italia: Carmen Toscano racconta “Juanita”

Pubblicato

il

È stato pubblicato per la “Book Sprint Edizioni”, l’ultimo romanzo della scrittrice biancavillese Carmen Toscano. “La scelta di Juanita” è il titolo della storia avvincente che, pur corredata da fatti di fantasia, prende spunto da vicende realmente accaduti.

Juanita, una giovane ragazza cubana, cresciuta ed educata dal padre all’adorazione del mito del Che Guevara, avversata dalle difficoltà economiche della sua famiglia che vive nella povertà, deve rinunciare al suo sogno, che era quello di studiare per diventare un’insegnante e accetta rassegnata il matrimonio di un uomo che non ama. Purtroppo il destino le riserva ancora delle profonde delusioni.

Decide di cullare il sogno italiano di una nuova vita e, infatti, per una strana circostanza si ritrova in Italia dove crede di potersi sistemare per vivere una vita migliore per sé e per il figlio Santiago. Ma le cose non vanno come lei aveva sperato e si ritrova ancora una volta a dover prendere una decisione drastica, se vuole dare una chance al suo bambino.

Certo, una decisione difficile resa tale, ancor di più dal fatto che, come diceva il suo amato scrittore Ernest Hemingway: “…Ai più importanti bivi della vita non ci sono indicazioni direzionali!”. La storia incomincia all’Aeroporto di Milano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cultura

Premiata la biancavillese Elena Cantarella per un saggio su Pippo Fava

Importante riconoscimento per l’artista, nota per il suo talento nella lavorazione della cartapesta

Pubblicato

il

Importante riconoscimento per l’artista biancavillese Elena Cantarella, maestra della lavorazione della cartapesta nella bottega catanese “Cartura”, fondata da Alfredo Guglielmino nel 1998.

Al Piccolo Teatro di Catania, Elena Cantarella ha ricevuto il premio storico-artistico della Fondazione Giuseppe Fava di Catania “Giovanna Berenice Mori”. Un premio intitolato alla compianta storica dell’arte e al suo appassionato lavoro di studio e ricerca dell’opera pittorica di Giuseppe Fava, giornalista ucciso dalla mafia a Catania nel 1984.

Cantarella ha vinto scrivendo un saggio dal titolo “Giuseppe Fava. Oltre il segno”. «L’arte per Fava – scrive Cantarella – è testimonianza della continuità tra la sua attività di giornalista e quella di artista, non è solo uno sfogo, ma un’ineluttabile esigenza comunicativa, espressione concreta degli aspetti più profondi della sua anima».

«Il mezzo artistico – prosegue Cantarella – realizza la sua necessità di tradurre la realtà attraverso uno strumento che rispetto alla parola possa avere un linguaggio universale, senza abbandonare la sua intimità di significato: nelle immagini, nel colore, nel segno i suoi sentimenti si mescolano con quelli degli uomini e delle donne su cui posa lo sguardo».

Ad assegnarle il premio la commissione composta dal presidente della Fondazione Fava, da un rappresentante della famiglia Fava e da due docenti dell’Accademia di belle arti di Catania.

Una lettura innovativa sull’arte di Fava

Cantarella, secondo la motivazione, ha «presentato in modo puntuale e preciso, asciutto e piano il lavoro artistico di Giuseppe Fava, coniugandolo con le principali intenzioni artistiche, antropologiche e culturali dell’autore». E ha anche intercettato «l’ironica denuncia caricaturale che Fava mette continuamente in atto» attraverso «l’introspezione, il doppio, lo studio sui volti» e promuovendo una lettura innovativa e un «valido approfondimento dell’opera faviana».

All’intermezzo musicale curato da un quartetto d’archi dell’orchestra “MusicaInsieme” di Librino è seguita la cerimonia di premiazione del concorso giornalistico Giuseppe Fava “Apri la finestra sulla tua città e raccontaci dove vedi la mafia, l’illegalità, le ingiustizie”.  Tra i vincitori di quest’ultimo concorso, una scuola del quartiere Zia Lisa di Catania, che ha realizzato una video-inchiesta molto coraggiosa, e un ragazzo di Giarre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti