Connettiti con

Chiesa

I membri del Gruppo San Pasquale in gemellaggio con le Suore Veroniche

Pubblicato

il

gemellaggio-gruppo-san-pasquale-e-suore-veroniche

Gemellaggio tra la Fraternità San Pasquale Baylon di Biancavilla e la congregazione delle Suore Veroniche del Volto Santo di Reggio Calabria. Ad accogliere i pellegrini sono stati i membri del Consiglio Direttivo del gruppo biancavillese con il presidente Pietro Lavenia ed una rappresentanza dell’Ordine Francescano Secolare di Biancavilla.

Meta concordata è stato il Santuario di Mompileri per una breve visita alla grotta e sosta di preghiera. Gli ospiti hanno poi visitato a Biancavilla anche la basilica “Maria Santissima dell’Elemosina” e Villa delle Favare per poi rientrare al convento “San Francesco” per una breve visita ai locali.

Anche qui, momenti di preghiera con il rettore fra’ Attilio Bua e dall’assistente spirituale del gruppo “San Pasquale”, fra’ Arcangelo Sciurba.

Il gemellaggio è stato voluto da Pietro Lavenia e Pasquale Catanoso. Quest’ultimo è il nipote del sacerdote Gaetano Catanoso, fondatore dell’ordine delle Veroniche. L’istituto delle Veroniche venne canonicamente eretto dall’arcivescovo di Reggio Giovanni Ferro nel 1958 e la congregazione venne approvata dalla Santa Sede nel 1980. Fine della congregazione è l’apostolato fra la gente di campagna attraverso il servizio negli asili, nelle chiese, negli oratori e l’assistenza agli orfani e agli ammalati. Padre Gaetano morì nel 1963 e nel 2005 fu canonizzato.

«Un’esperienza bellissima e soddisfazione manifestata dai partecipanti, che entusiasti –si legge in una nota– dell’incontro si sono riproposti per un eventuale altro incontro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Fu tra i primi diaconi dell’Arcidiocesi di Catania: addio a Nicolò Cantone

Una vita vissuta nella fede e nell’impegno cattolico, ma è stato anche un apprezzato medico

Pubblicato

il

È stato uno dei primi diaconi permanenti dell’Arcidiocesi di Catania: Nicolò Cantone è morto a Biancavilla all’età di 93 anni. La sua ordinazione (dopo la frequenza della scuola teologica “Sant’Euplio” di Catania) è avvenuta nel 1994 con il vescovo Luigi Bommarito. Ha prestato servizio sempre presso la basilica “Maria Santissima dell’Elemosina”.

Il suo impegno attivo nel mondo cattolico risale all’età giovanile. Dall’Azione Cattolica alla “Società operaia”, dal movimento dell’Unità del Servo di Dio padre Antonino Ildebrando Santangelo fino al Cammino Neocatecumenale: una vita vissuta nella fede. Sempre con fare garbato e gentile.

Non solo impegno ecclesiastico: Cantone è stato apprezzato per le sue qualità professionali di medico, specializzato in clinica pediatrica e neuropsichiatria infantile. I funerali si terranno domenica alle ore 10, nella basilica di Biancavilla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti